LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Arsenale, manca un progetto strategico
di Alberto Vitucci
13 ottobre 2017 LA NUOVA VENEZIA



A quattro anni dal passaggio di proprietà al Comune presentati schede e rilievi aggiornati. Un destino tutto da scrivere



VENEZIA. Arsenale dimenticato. Centinaia di milioni di soldi pubblici spesi negli ultimi decenni per i restauri delle Tese e delle Galeazze, delle Corderie e delle Artiglierie. Progetti di rilancio che si inseguono da trentanni a questa parte. Ma a parte il Mose e le paratoie ai Bacini, la Biennale alle Corderie, Gaggiandre e nella parte monumentale di sud-est, nullaltro si muove dentro lArsenale, se si eccettuano gli eventi organizzati dalla società Vela. Il grande complesso monumentale, che occupa circa un sesto della città, è passato in proprietà al Comune, il 6 febbraio del 2013. Ma il suo destino non è ancora scritto.

Un passo avanti importante è fatto ieri a palazzo Ducale. Istituzioni e soggetti interessati riuniti intorno a un tavolo in sala del Piovego per presentare il volume curato dal docente Iuav Stefano Rocchetto. Che per la prima volta raccoglie schede e rilievi aggiornati dellArsenale, lavori ultimati e idee realizzate o mai concretizzate. Progetti e destino, storia e trasformazioni recenti dellArsenale di Venezia, il titolo. Una grande inedita banca dati, la definisce il direttore del Dipartimento culturale del progetto, lex rettore Iuav Carlo Magnani, processo di sviluppo della conoscenza della percezione dellintero e delle sue parti, più che un conflitto eterno tra poteri di enti e istituzioni pubblici incapaci di dar forma e strutture gestionali a un progetto che non può che essere di lungo periodo.

Polemica nemmeno tanto velata con chi (il Comune in primis) non riprende un discorso interrotto nel 2013. Lo scopo di questo studio, spiega il professor Stefano Rocchetto, che con Monica Bosio, Tommaso Fornasiero e Valentina Gambelli ha curato il lavoro, è quello di dare ai decisori tutti gli elementi per avere un quadro completo e aggiornato della situazione. Partendo dal fatto che lArsenale è un sistema complesso, e va gestito in modo unitario, cosa che fin qui non si è fatta. E il venir meno della sua funzione militare impone scelte di ampio periodo, legate alla fruizione pubblica. Ecco allora la Marina militare, che gestisce la parte storica di Nord Ovest. Noi facciamo il nostro dovere e andiamo avanti, dice Cristiano Patrese, autore del progetto del Museo del mare con lammiraglio Pagnottella, qualche anno fa, e adesso inauguriamo i restauri della Torre della Campanella, oltre al lavoro dellIstituto di Studi militari marittimi. Insomma teniamo viva la parte di Arsenale che ci è stata affidata. Il passaggio di proprietà, realizzato quattro anni fa, non ha cambiato nulla. LUfficio Arsenale non esiste più, dice Claudio Menichelli, tecnico della Soprintendenza e curatore del lavoro, noi proviamo a dare il nostro contributo. La letteratura sullArsenale si era fermata agli anni Ottanta, spiega lex soprintendente Renata Codello, firmataria nel 2013 della convenzione con Iuav e Comune che ha dato origine allopera, con gli studi di Ennio Concina e Giorgio Bellavitis. Con questo volume si offre lo stato della ricerca dei restauri. E si documenta il lavoro che la Soprintendenza ha fatto a fianco del Magistrato alle Acque per il recupero degli edifici. Decine di milioni spesi per il recupero delle Tese della Novissima e delle Galeazze. Restauri modello come quello del capannone di Thetis, e più di recente per la sede del Consorzio Venezia Nuova e del Cnr, la Tesa 105 affidata al Comune, il restauro della Torre di Porta Nuova e lapertura del giardino delle Vergini. Un lavoro meritorio che manca di uno sbocco strategico. Con lapertura alla città degli storici spazi, il vero motivo per cui il Comune aveva ottenuto dal governo
la proprietà. Ma il progetto Arsenale è ancora allanno zero. Non mancano i progetti, e nemmeno i soldi. Ma una guida unitaria che sappia valorizzare al meglio la più grande fabbrica dEuropa, inventata dalla Serenissima Repubblica.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news