LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E sull'Appia Antica spuntano due case nel centro sportivo
12 Ottobre 2017 LA REPUBBLICA




IL CASO/ L'IMPIANTO DAGLI ANNI 80 SI ALLARGA ILLEGALMENTE

NEL VI secolo dopo Cristo qui i barbari preparavano l'assedio a Roma. Oggi la storia si ripete: dove si accampavano le milizie del re ostrogoto Vitige, ora si consuma ogni giorno uno dei maggiori abusi che puntellano il parco dell'Appia Antica. Stretto tra gli acquedotti Felice e Claudio, il centro sportivo La Torre si staglia con disinvoltura tra le volte delle antiche condutture romane. Dalla metà degli anni '80, violando a ripetizione i vincoli apposti sull'area da Mibact, Regione e Comune, l'impianto non ha mai smesso di espandersi. Tra richieste di condoni mai accolte, ricorsi al Tar e indagini della procura con relative sentenze di condanna, i titolari hanno trasformato il civico 459 di vicolo dell'Acquedotto Felice nella loro dimora. Accanto alla piscina, ai campi da tennis e a quelli da calcetto sono sorte dal nulla due abitazioni.

Per ricostruire la storia dell'impianto, bisogna affidarsi alle carte. I report inviati dalla Soprintendenza per i Beni archeologici di Roma all'avvocatura capitolina sin dal 2007 sono durissimi: "La struttura è costruita in assenza di titolo". La lettera è accompagnata da un elenco di tutti gli abusi rilevati nel corso di ispezioni a sorpresa: "Tre unità distinte si legge nella missiva e separate con funzione rispettivamente di bar, spogliatoio, direzione, magazzino, centrale termica e impianti, poste a ridosso delle arcate monumentali dell'acquedotto Marcio Felice". Per il ministero sono "funzionali al centro sportivo di proprietà del ricorrente, anch'esso realizzato in assenza di titolo, composto da campi da tennis, di calcetto, una piscina e un parcheggio a raso posto a ridosso dell'acquedotto".

Anche la procura si è interessata al centro La Torre. Ad aprile 2016 i titolari dell'impianto, Mario e Antonella Fusco, sono stati condannati per abuso edilizio: per aver costruito in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico e per la violazione dei sigilli per aver completato i lavori nelle due case tirate su all'interno dell'impianto sportivo. Due immobili in realtà sotto sequestro.

E non è finita qui. Se il Campidoglio non ha potuto ancora occuparsi degli abusi, deve ringraziare la giustizia amministrativa. Quando il Comune ha rigettato la richiesta di condono dei Fusco, è partito il ricorso al Tar. Che, in un tira e molla che comprende cambi di avvocati e lunghi mesi di attesa, non è ancora arrivato a sentenza. Nel frattempo, il centro La Torre è sempre al suo posto. Sul campo dei barbari. (l.d'a. e g.s.)




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news