LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La crociata di Resasco "Vernazza non vuole il supermarket 5 Terre"
15 ottobre 2017 LA REPUBBLICA



NON voglio il supermercato Cinque Terre: il sindaco di Vernazza, Vincenzo Resasco, centrosinistra, ha fatto approvare dalla sua maggioranza in Comune dove siede anche l'ex presidente della Regione, Claudio Burlando, ma nella seduta in questione era assente una delibera con cui vieterà di fatto, a Vernazza, soprattutto, e a Corniglia, l'apertura di alcuni negozi. Meno friggitorie e più osterie, è lo slogan di Resasco, e anche Promuoviamo cucina tipica e dieta mediterranea, non cucina etnica o cinese, che è finito nel mirino dei comitati delle Cinque Terre additato come protezionista e filoleghista. Proprio Resasco, peraltro, ha appena assunto l'incarico di presidente reggente del Parco nazionale delle Cinque Terre, prendendo il testimone di Vittorio D'Alessandro, alla fine del suo mandato e di una

prorogatio. E Resasco è indicato da alcuni come papabile futuro presidente del Parco Cinque Terre: la nomina spetta al presidente della Regione Giovanni Toti, centrodestra, ma la posizione sullo "sviluppo conservativo" del territorio di Resasco lo farebbe digerire al centrodestra. A insidiarlo, nella sfida al vertice, ci sarebbe Beppe Costa, presidente di Costa Edutainement, che tra l'altro gestisce l'Acquario di Genova.

Sindaco Resasco, perché ce l'ha con le friggitorie?

Non ce l'ho con le friggitorie in genere, non banalizziamo. La delibera si aggancia al decreto Franceschini del 2016, che protegge i centri storici nei siti Unesco, come sono le Cinque Terre e com'è Vernazza. Non avere 35 friggitorie e take away in un borgo così piccolo, ma far gustare i nostri prodotti al turista è un paletto che ora occorre piantare.

Numero chiuso sui sentieri, contingentamento degli accessi ai borghi: perché non le piacciono i turisti?

Mi piacciono, eccome, ma il turismo va gestito, non subìto. Questo territorio deve innanzitutto vivere, essere abitato, prima l'agricoltura, la pesca, i residenti, poi i turisti. Del resto, perché vengono qui i turisti? Per trovare il paesaggio terrazzato che l'agricoltura così ha creato, se lasciamo dilagare un turismo di consumo, e non imponiamo un tempo, lento, al turismo, che possa comprendere questo territorio, allora nel giro di qualche anno questo territorio sarà distrutto.

Cosa dice la delibera che ha approvato?

Nei centri storici Unesco possono essere proibite alcune attività merceologiche. Già Venezia e Firenze lo hanno fatto. La delibera ci autorizza a fare regolamenti che studieremo con le associazioni di categoria e la soprintendenza, per tutelare i locali storici, le osterie che commercializzano prodotti locali di qualità: così il turismo sosterrà la nostra economia, consumando prodotti della nostra terra e del nostro mare. Il turismo deve diventare un investimento sul territorio.

Sindaco, la sua maggioranza ha pure approvato una delibera per regolamentare i flussi dei turisti: si riapre la querelle sul numero chiuso alle Cinque Terre?

No, nessun numero chiuso. Il progetto, adesso, è quello di programmare alla partenza i flussi: ad esempio lavorando sui tour operator e sulle crociere.

Come?

Sulle crociere vogliamo favorire le navi che approdano a Spezia, che preferiremo ai flussi di quelle che attraccano a Savona e Livorno, così la pressione sul territorio comincerà ad alleggerirsi. Vogliamo turisti residenti, stanziali, che stiano bene nel nostro territorio cui bisogna dedicare tempo e non si può consumare. La bellezza non va consumata.

Come presidente reggente del Parco e tra i papabili successori a D'Alessandro governare i turisti è una sua priorità?

Sì: il parco ha bisogno di intervenire per sostenere l'agricoltura, la pesca, i residenti. La filosofia è quella di salvaguardare l'identità storica, l'economia del luogo e chi ci abita. Non voglio chiudere niente, io: ma far arrivare qui il turismo di qualità. Perché di troppo turismo si può anche morire.

(michela bompani)



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news