LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PARIGI. L'Unesco, salvare il mondo senza un soldo in cassa
15 ottobre 2017 LA REPUBBLICA


Nominata venerdì scorso direttore generale dell'Unesco, Audrey Azoulay prende le redini di un'istituzione pesantemente fragilizzata da difficoltà economiche e diplomatiche, soprattutto dopo il ritiro di Stati Uniti e Israele annunciato tre giorni fa. Quarantacinque anni, franco-marocchina di religione ebraica, la Azoulay si è diplomata all'Ena per poi transitare alla Corte dei conti e al Centre national du cinéma, prima di approdare all'Eliseo come consigliera di François Hollande e da lì alla testa del ministero della Cultura. Per i diplomatici con cui avrà adesso a che fare, ha un solo handicap: non essere cresciuta nel vivaio dell'Unesco. Tuttavia, le parole pronunciate appena eletta riflettono bene la filosofia dell'organizzazione: Voglio che l'educazione sia fermento di uguaglianza tra i sessi e punto di riferimento per uno sviluppo sostenibile.

La sua prima missione consisterà nell'evitare ogni pretesto che possa prestarsi alla politicizzazione dell'agenzia Onu. Inoltre, come ha dichiarato la direttrice uscente, la bulgara Irina Bokova, dovrà riunire le forze in campo e trovare nuovi fondi. Infatti, a dispetto dell'elegante edificio che l'ospita, affrescato al suo interno da Picasso e costruito negli anni Cinquanta dai più grandi architetti dell'epoca davanti alla Tour Eiffel, l'Unesco è un'istituzione povera in canna. E ciò anche per via delle sue numerosissime missioni, dalla diffusione della cultura della tolleranza all'aiuto ai malati di Aids nei Paesi più poveri o a quello alle donne vittime di soprusi. Creato all'indomani della Seconda guerra mondiale per garantire la pace con altri mezzi che con le armi, ossia com'è scritto nel suo atto costitutivo con l'educazione, la cultura e le scienze, conta oggi 2000 dipendenti e un budget di 326 milioni che servono a organizzare conferenze ma anche a pagare legioni di esperti e collaboratori per salvaguardare il patrimonio e per mandare avanti i programmi scolastici.

Nel 2011 fu la prima organizzazione Onu a riconoscere la Palestina, provocando la fine dei finanziamenti israeliani e statunitensi (un quarto del totale), con gravi conseguenze sui suoi progetti. La Azoulay farà dunque di tutto per far rientrare Washington e Tel Aviv, anche perché le sfide che deve affrontare sono gigantesche. Tra queste, dovrà, per esempio, combattere il terrorismo con un sistema educativo che funzioni nelle zone di crisi e che non lasci il minimo spiraglio ai predicatori del fondamentalismo. Si tratta d'interventi su larga scala per i quali servono tanti soldi, così come per restaurare il patrimonio archeologico di Palmira distrutto dallo Stato islamico, i mausolei di Tumbuktu devastati anch'essi dalla barbarie fondamentalista o i templi nepalesi crollati durante il terremoto del 2015.

Altrettanto importante è il suo ruolo dell'Unesco nell'identificare, per meglio preservarle, le ricchezze del pianeta, siano esse culturali, storico-artistiche o naturalistiche come le riserve di biosfera di cui ne sono già state catalogate più di 600 in 120 Paesi. La sua lista del patrimonio mondiale conta 1073 "beni", mentre quella dei luoghi a rischio arriva a 54. Tra questi ultimi sono elencate sia le foreste tropicali di Sumatra sia il sito archeologico libico di Leptis Magna sia la valle afgana di Bamiyan. Vasto programma quello che aspetta Audrey Azoulay e bisogna augurarle che altri Stati non seguano l'esempio di Trump e Netanyahu. L'Unesco avrà infatti bisogno dell'aiuto di tutti, perché per garantire la pace di domani il modo migliore è quello di proteggere oggi la nostra cultura.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news