LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Soprintendenza frena l'ex mercato di corso Sardegna
STEFANO ORIGONE
12 Ottobre 2017 LA REPUBBLICA




UN intoppo verso il traguardo, che potrebbe trasformarsi in un guaio per il futuro dell'ex mercato di corso Sardegna. La revisione del progetto, voluta dal sindaco Marco Bucci, che vuole una riduzione dei volumi per aumentare in modo sostanziale gli spazi da destinare al verde pubblico e ai servizi di quartiere, non sarebbe gradita alla Soprintendenza. L'assessore ai lavori pubblici, Paolo Fanghella, è preoccupato. Non ho ancora ricevuto nulla di ufficiale, ma ho chiesto un incontro per chiarirci: i tempi sono brevi, dobbiamo intervenire a razzo perché corso Sardegna è un'occasione unica per la riqualificazione del quartiere dopo un'attesa lunga otto anni. Torniamo indietro, fino a quando era sindaco Marco Doria. Quest'area è rimasta bloccata fino al 2015 per un contenzioso con la ditta Rezzani, l'azienda di costruzioni che avrebbe dovuto riqualificarla, realizzando in un'ottica di project financing un parcheggio. Un'operazione risultata poi incompatibile con le normative della Regione dopo l'alluvione del 2011. Lo stravolgimento del progetto aveva portato la Rizzani a presentare ricorso, richiedendo un risarcimento di 10 milioni. Chiuso il contenzioso, l'area doveva essere soggetta a una riqualificazione. Legge- ra: due edifici demoliti tra quelli interni su corso Sardegna; nuovi uffici da realizzare, così come i parcheggi elevati per via che è zona esondabile. Anche negozi di artigianato, la ricollocazione di una struttura media di vendita (la Conad), un'area verde attrezzata e pedonale. La giunta approva il Puo (Piano Urbanistico Operativo), la Soprintendenza da l'ok: si punta comunque sulla tutela dell'edificio storico e dei volumi esistenti perché l'eliminazione, anche di quelli non vincolati, avrebbe snaturato il luogo. Inizia l'era Bucci e l'inversione di rotta: tanto verde, si parla pure di piste da jogging e ciclabili, che comportano l'abbattimento di edifici interni e parti di muri perimetrali non vincolati. Una revisione che tiene conto dell'impostazione precedente. La facciata (rimessa a nuovo dal municipio) è vincolata, così come metà delle pareti laterali, ma il lato lungo retrostante, quello su via Carlo Varese, e le restanti metà non sono sottoposte a restrizioni. Eppure da quello che mi è stato riferito precisa Fanghella si riterrebbe che i contorni a ciò che è vincolato, a loro volta ricadono nel vincolo. Potenzialmente, ciò che è vicino al vincolato, deve essere conservato per dare una continuità? L'assessore vuole chiarimenti. A parte il fatto che quelle parti non sono vincolate, andrebbero demolite e ricostruite perché sono muri di cemento armato con caratteristiche datate. Non si può difendere l'antico quando si parla di sicurezza con l'obiettivo di migliorare un'area in centro città che è anche un'occasione per riqualificare un intero quartiere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news