LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA-Venezia nel cuore. Parte il restauro delle Procuratie vecchie
MARIA CORBI
La Stampa, 05/10/2017

Il palazzo di Piazza San Marco è chiuso al pubblico da 500 anni. Finanzia Generali: sarà la sede di The Human Safety Net



Il bene e il bello. Non solo unidea platonica, almeno a Venezia, dove in piazza San Marco verranno restaurate dalle Assicurazioni Generali le Procuratie vecchie per ospitare The Human Safety Net, una rete sociale e umanitaria per le persone che non possono permettersi una polizza, nemmeno, a volte, quella democratica della speranza. Un progetto di solidarietà a cui teniamo molto. È un bel modo di dare nuova vita alle procuratie vecchie di Venezia di Piazza San Marco che sono state chiuse al pubblico per 500 anni, racconta Philippe Donnet, ceo di Assicurazioni Generali. Il nostro mestiere è quello di proteggere le persone e vogliamo esserci anche per chi in alcuni momenti della vita deve affrontare maggiori difficoltà.

I primi tre programmi sulla vulnerabilità sosterranno i rifugiati in Europa (verranno sostenuti per la creazione di 500 start up); i bambini da 0 a 6 anni (i più formativi nella loro vita), aiutando le famiglie in difficoltà; i neonati che rischiano di essere devastati dallasfissia, una malattia di cui soffrono 30mila bambini allanno in Europa (5000 dei quali muoiono) e 150mila in Asia. Tre sfide con un unico obiettivo, dice Donnet: Liberare il potenziale delle persone svantaggiate in modo che possano trasformare le loro vite, quelle delle loro famiglie e delle com unità in cui vivono.

Sono stati i dipendenti del gruppo assicurativo triestino a indicare le aree di intervento da privilegiare in questa prima fase. E il filo rosso è stato quello di accelerare lascensore sociale che da troppo sembra avere gli ingranaggi arrugginiti. Basti pensare che in Europa il 70 per cento dei bambini svantaggiati rimarranno in condizioni di povertà per il resto della loro vita.

Le scelte solidali fatte da The Human Safety Net hanno un legame forte con la storia, visto che ai procuratori di Venezia era affidata, tra le altre cose, la cura degli orfani, ossia dei più piccoli e sfortunati. Una rete di aiuti aperta, dice Donnet: Inviteremo altre aziende a partecipare a questa iniziativa che vuole essere universale. Per questo abbiamo scelto Venezia, la città più universale che esista. The Human Safety Net sarà una catena di persone che aiutano altre persone. Una rete che non appartiene a noi ma alle persone che ne fanno parte. La nostra missione sarà quella di gestire, organizzare e promuovere questa rete. Anche il ministro della cultura Dario Franceschini (collegato con il palazzo Ducale, sede della presentazione, in video conferenza per la discussione sul Def) ha sottolineato il significato di questa operazione sociale nel cuore della laguna più famosa del mondo. Simbolicamente è molto importante che un luogo così unico con un restauro così importante sia restituito allantico splendore e ancor di più che quel luogo venga affidato a temi come immigrazione, famiglie disagiate e bambini, che muoiono per asfissia.

Il bene e il bello. Non solo il restauro delle Procuratie Vecchie (11mila metri quadri affidati allarchistar David Chipperfield) ma anche di altre parti della piazza e dei Giardini Reali, dopo anni di abbandono, che riavranno il loro ponte levatoio. Il sindaco Luigi Brugnaro ha appoggiato Generali in questa operazione che, spiega, ridà respiro e lavoro in piazza San Marco, nel cuore vero della città. Insomma non solo turismo. Vita vera alle Procuratie Vecchie che apriranno le porte a chiunque voglia contribuire con idee, progetti, finanziamenti a The Human Safety Net. Ci saranno anche uffici in affitto, ma solo a fondazioni, società, scuole che operino in un contesto di aiuto ai giovani e allumanità. Un luogo che ospiterà regolarmente esposizioni, eventi e dibattiti pubblici. The Human Safety Net sarà una catena di persone che aiutano altre persone, ha sottolineato ancora Donnet. Una rete che non appartiene a noi ma alle persone che ne fanno parte. La nostra missione sarà quella di gestire, organizzare e promuovere questa rete. Un progetto senza scadenza, una macchina di solidarietà che potrà essere capace di alimentarsi da sola: chi ha ricevuto sostegno potrà darlo a sua volta. Un domino universale la cui prima tessera è made in Venice.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news