LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE NUOVE SFIDE URBANISTICHE
Di Attilio Belli
Corriere del Mezzogiorno (Campania)22 Sep 2017






I«masterplan» (programmi d’indirizzo strategico) di sviluppo dell’area orientale di Napoli e della «buffer zone» (zona tampone) di Pompei promossi dalla Fondazione Mezzogiorno Tirrenico e dall’Associazione Naplest et Pompei — cui si è fatto riferimento nel seminario sul rilancio degli investimenti in Campania del 13 settembre scorso presso l’Unione industriali — accendono l’attenzione su un’iniziativa ambiziosa da seguire con molto interesse . Che da Napoli est ha esteso la sua attenzione alla fascia costiera orientale verso Pompei. Quali gli aspetti più rilevanti? Anzitutto un rapporto pubblico-privato nel campo della trasformazione del territorio proposto nei termini di «negoziazione esplicita», promosso dal privato. Cosa teoricamente inevitabile, ma che in concreto mette in tensione l’impostazione prescrittiva dell’urbanistica (pubblica) tradizionale, a favore di un approccio strategico denso di possibilità, ma anche di problemi nel rapporto con la strumentazione esistente. Problemi dichiarati esplicitamente quando si richiedono «modifiche interpretative» del Prg di Napoli, una generale accelerazione del processo decisionale, l’estensione del “silenzio-assenso” e l’accoglimento della progettualità dei privati a costo zero. Ma soprattutto quando si considerano le «pianificazioni urbanistiche vigenti» come «griglie eccessivamente rigide per immaginare programmi di recupero produttivo e di attrazione di capitali e investimenti privati».

Avanzano proposte che ovviamente vanno sottoposte ad attenta valutazione in rapporto ad una complessiva visione metropolitana. L’ambizione dichiarata è di attivare, attraverso una logica di sussidiarietà, la rigenerazione di una delle aree più affascinanti del territorio metropolitano secondo modalità comparabili con le più avvertite esperienze in corso in Italia e in Europa.

L’iniziativa riguarda una dimensione molto ampia (77 kmq in 9 comuni nella “zona tampone” di Pompei, 265 ettari nei quartieri orientali di Napoli), che coinvolge numerose responsabilità e prerogative istituzionali. E si propone di attribuire all’intervento nell’area est di Napoli il valore di una “nuova città” (in termini di spazi verdi e di standard di qualità residenziale), una rigenerazione con nuove funzioni produttive (insediamenti di ricerca e start up in sinergia col nuovo plesso universitario) e nuovi insediamenti residenziali di diversa destinazione sociale, secondo un rapporto «ribaltato» rispetto alle previsioni del Prg, anche in considerazione delle caratteristiche sismiche del territorio. E nella fascia costiera verso Pompei, di affermare una prospettiva di accoglienza con una decisa «discontinuità di sistema», in funzione della vocazione turistica e delle preesistenze archeologiche, all’interno di una complessiva decompressione demografica. Con la riconversione di grandi aree dismesse a Torre Annunziata e a Castellammare. Sorretta dall’idea-forza di riconquistare il rapporto diretto con il mare mediante l’arretramento della tratta ferroviaria Portici- Castellammare.

È promossa dalla Fondazione Mezzogiorno Tirrenico – per attività scientifiche e culturali finalizzate ai processi di crescita — ed ha come soci Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Unione degli Industriali di Napoli, Unione delle Camere di Commercio

della Campania, Confindustria Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. Mentre Naplest et Pompei è un’associazione di ben 33 tra proprietari di aree e di immobili di diversa grandezza e attori economici, tra cui Kuwait Raffinazione e Chimica, Eni, Fs Sistemi Urbani, Marina di Stabia, Gesac.

I rapporti con il “pubblico” sono, per la zona orientale di Napoli, con il Comune, e, per la “zona tampone” di Pompei, con il Grande Progetto Pompei (Comuni, Mibact e altri ministeri competenti, Soprintendenza di Pompei, Regione Campania e sindaco della Città Metropolitana), secondo un protocollo sottoscritto nel settembre dello scorso anno. In questo quadro, per i 9 comuni vesuviani, nel giugno-luglio di quest’anno è stata raccolta una gamma di proposte puntuali da orientare alla definizione di un sistema generale. Un percorso positivo che però sottolinea di fatto la grave assenza del piano strategico della Città metropolitana di Napoli. È disperante tornare sull’argomento, ma l’assenza del piano strategico metropolitano, mentre è in gestazione il piano paesaggistico della regione, decolla Bagnoli, si promuovono gli interventi nella zona orientale della città e nella “zona tampone” di Pompei, è paradossale.

Il programma fa riferimento prevalentemente a fondi pubblici anche di fonte Ue cosa che per le recenti difficoltà di attivazione sollecita adeguata efficienza con l’obiettivo di «realizzare le condizioni di contesto per l’attrazione degli investitori», «attuando leve finanziarie e strumenti di ingegneria finanziaria».

Si tratta di una grande sfida al “pubblico”, soprattutto a quello che si appella costantemente alla tutela del bene comune, che sarebbe opportuno sottoporre al dibattito in maniera adeguatamente informata.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news