LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sponsor, partner e luoghi nuovi cos crescono Le vie dei tesori
ELEONORA LOMBARDO
20 settembre 2017 LA REPUBBLICA





Giunte all'undicesima edizione, con un ampliamento su scala regionale e l'ambizione il prossimo anno di sconfinare in campo nazionale, con un progetto di rilancio sull'indotto turistico e il fermo proposito di consolidarsi come realt economica capace di produrre lavoro e ricchezza, "Le vie dei tesori" si rivelano davvero "infinite".

Dopo avere messo in fila davanti ai monumenti migliaia di palermitani nelle precedenti edizioni, registrando nello scorso anno oltre 215 mila visite (non visitatori, solo a partire da quest'anno si avr un conteggio dei singoli fruitori), con una ricaduta per l'indotto turistico di oltre 2 milioni e mezzo di euro (sono le proiezioni dell'Otie, osservatorio turistico isole europee), quest'anno, sul tema de "La Sicilia svelata", Le vie dei tesori hanno aperto le porte di chiese, musei e altri beni culturali anche a Messina, Siracusa, Agrigento e Caltanissetta.

Dal 29 settembre al 29 ottobre toccher ancora una volta a Palermo con 120 luoghi aperti, 40 dei quali per la prima volta nel circuito della manifestazione, affidati a 600 volontari, studenti universitari, liceali del Progetto scuola lavoro e il coinvolgimento dei migranti minori non accompagnati, tutti rigorosamente selezionati e preparati per uno storytelling innovativo del bene culturale, vero valore aggiunto delle visite, che non sono solo guidate ma soprattutto raccontate.

Dice Laura Anello, ideatrice della manifestazione e presidente dall'associazione Le vie dei tesori: La nostra chiave quella di fare una rete di luoghi, un museo diffuso che utilizza un unico strumento, coerente e condiviso. Una gestione dei beni culturali virtuosa, innovativa e affidabile che attraverso lo storytelling trasformi le visite guidate in un vero e proprio festival della conoscenza.

La Anello ricorda la prima edizione del 2006: Si celebravano i 200 anni dell'Universit di Palermo e, nell'intendere l'Ateneo come un'agenzia culturale, mi venne in mente di aprire al pubblico i luoghi dell'universit e affidarne il racconto a docenti ed esperti che avevano desiderio di trasferire a un pubblico vasto le loro emozioni da conoscitori.

Fu subito un successo che dopo l'Universit fu in grado di aggregare altre istituzioni, prima il Comune, poi la Regione, la Sovrintendenza e via le altre fino all'Unesco che gi dall'anno scorso ha voluto inserire una notte bianca per il percorso arabo normanno: un'iniziativa che si ripeter, mentre il Castello a mare sar candidato come decimo monumento dell'itinerario .

Quest'anno si apriranno, tra gli altri, le porte di Palazzo Abatellis, dei depositi della Gam, di Palazzo Mirto e dei Quattro Pizzi della Tonnara Florio all'Arenella. Spiega la Anello: Se con il privato facile aprire un luogo per un week-end, con le grandi istituzioni culturali bisogna scontrarsi con la difficolt di rinunciare al biglietto di ingresso. Ma una soluzione si trova, abbiamo sfruttato le domeniche gratuite previste dal ministero e abbiamo sostituito la totale gratuit con il nostro piccolo contributo che serve a pagare il racconto .

Il coupon da 10 euro d la possibilit di partecipare a dieci visite, quello da 5 euro consente di farne quattro. Partecipare a Le vie dei tesori una scelta, non un pascolare indistinto perch gratis: si paga e ci si mette pazientemente in fila. E il palermitano lo fa e lo rif.La Casina Cinese, quasi un simbolo del successo della manifestazione, un bene aperto tutto l'anno gratuitamente, eppure il formarsi di file chilometriche per ammirare e sofisticate cineserie ha richiesto in pi occasione l'intervento della protezione civile.

Mettere a sistema tutte le istituzioni indistintamente a vantaggio della citt, funziona , dice Bernardo Tortorici, presidente de Gli Amici dei musei siciliani, partner storico de Le vie dei tesori. Sono oltre sessanta le istituzioni, le associazioni e i privati che sostengono l'iniziativa e fra questi hanno particolare rilevanza gli sponsor: quest'anno Poste Italiane danno un contributo sostanziale per un'organizzazione che si fonda sul volontariato, la vendita diretta (coupon e spazi pubblicitari sul sito) e piccoli contributi erogati soprattutto sotto forma di servizi. Continua Tortorici: Rafforziamo l'offerta dei beni culturali e raggiungiamo risultati fantastici nell'accoglienza, riuscendo a suscitare un interesse reale. Sui social fanno le gare a chi visita pi monumenti. la citt per prima a riappropriarsi dei propri monumenti. Quello che successo a Palermo si ripetuto identico a Messina e nelle altre citt coinvolte.

Un patrimonio di competenze sostenuto da oltre seicento ragazzi che quest'anno si preparano a raccontare le storie dei Florio che hanno animato la palazzina dei Quattro Pizzi all'Arenella, o l'oratorio di Santa Maria del Sabato, oggi sinagoga, o le intense esperienze che offrir il tour di Villa Adriana.

Aggiunge Tortorici: Educhiamo alla fila o mostriamo quanto i minori stranieri prendano a cuore la citt e siano in grado di raccontarla .

Dice la Anello: Abbiamo una responsabilit nei confronti di questi giovani che lavorano da volontari e che durante l'anno ci inviano i curriculum manifestando il desiderio di non andare via dalla Sicilia. Il progetto di diventare quanto prima un'industria culturale che dia lavoro. A questo proposito, grandi aspettative suscita il progetto di incoming turistico fatto insieme a Enrico Ducrot, amministratore delegato di "Viaggi dell'elefante". Dice Ducrot: Bisogna alzare il livello dei servizi, per quello che non solo un business, ma un modello di offerta mirato a dare emozioni, traferire esperienze uniche. Bisogner lavorare su offerte valide tutti i giorni per creare garanzia e tranquillit al mercato in termini di pianificazione. E poi essere efficienti nel rispondere alle esigenze del turista che vuole personalizzare il suo viaggio.

Ducrot si dice fortemente coinvolto a livello personale con la citt e di sentire una grande responsabilit che potrebbe cominciare anche con l'apertura di un Museo Vittorio Ducrot, per esporre il materiale di famiglia.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news