LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA NUOVA URBANISTICA CHE PUO' NASCERE DAL RIUSO
GABRIELLA DE MARCO
20 settembre 2017 LA REPUBBLICA


Ancora qualche riflessione su Palermo capitale della cultura 2018 sulla scia del libro di Gian Paolo Manzella "L'Economia arancione. Storie e politiche della creativit" (Rubbettino, 2017).

Cosa s'intende, innanzi tutto, per economia arancione e cosa ha a che fare l'economia con la creativit?

La creativit, o pi esattamente quella che si definisce come industria creativa un vasto contenitore in cui rientrano attivit legate all'architettura, all'artigianato, al design, ai beni culturali, al marketing, alla tecnologia dell'informazione e del software.


Oltre all'ampio settore che include la televisione, la radio, l'informazione, il cinema, l'audiovisivo e la fotografia, contribuisce, in modo determinante, a trasformare, convertire, la cultura in attivit economica.

Non, dunque, secondo l'autore del volume, una moda effimera ma un fenomeno destinato a durare e sempre pi a divenire una parte dell'economia mondiale reale, al punto che, secondo alcuni osservatori, l'era della creativit sta subentrando a quella dell'informazione.

No so dire se questa opinione si riveler, nel tempo, veritiera n intendo addentrarmi in quello che a me appare come un vicolo cieco teso a riconoscere il valore della cultura umanistica, dei beni culturali ed ora della creativit solo se in funzione di volano dell'economia.

Non che ci sia nulla di male a innestare sviluppo e crescita economica, tutt'altro! Semplicemente reputo questa formula, spesso ripetuta come una litania, densa di insidie. Ci perch mi appare come mal impostata in quanto immemore della tradizione del passato dove creativit e "tecnologia", unitamente alla creazione di citt intelligenti (quelle che oggi si definiscono come smart city) erano un elemento imprescindibile, distintivo di civilt.

Ritengo proficuo, piuttosto, interrogarsi, proprio a partire dal libro di Manzella e dal concorso d'idee promosso dalla redazione palermitana di Repubblica (palermonet@ repubblica.it) volto a trasformare creativamente le grigie barriere anti terrorismo collocate lungo le vie pedonali della citt, sulla necessit di formare, anche, una serie di profili pofessionali "creativi".

Nuove figure in grado di fornire contributi importanti a una programmazione ad ampio raggio, sempre pi necessaria, che sappia coniugare la memoria del passato, le necessit del presente con i desideri, soltanto apparentemente inattuabili, legati a ipotesi nuove di costruzione del futuro.

L'economia arancione, quindi un aspetto concreto. Vale su un piano globale, e cito sempre Manzella, circa 2250 miliardi di dollari, di cui 709 miliardi soltanto in Europa. Cifre che si traducono in occupazione per 30 milioni di persone, ovvero, sempre secondo le statistiche riportate dall'autore, pi degli occupati dell'industria automobilistica degli Stati Uniti, Europa e Giappone messi insieme. Ciononostante, secondo le stime il settore, pur nelle evidenti potenzialit, non ancora sviluppato in pieno. Particolarmente in Italia, pur depositaria di esempi interessanti che provengono anche dal passato recente, manca una visione d'insieme in grado di conciliare l'attenzione e la tutela del territorio, lo sviluppo urbanistico, la centralit del cittadino, la salute, con una progettualit complessiva e non settoriale.

Il confronto, noto, aiuta a capire: proseguendo, dunque, con un ragionamento che va oltre le pagine del libro di Manzella e l'iniziativa palermitana cito alcuni esempi di creativit intesa non come espressione casuale, "genialoide", e quindi seppur apprezzabile fine a se stessa, ma come sorta di laboratorio continuo che ha prodotto innovazione, progettazione e fantasia trasformando in positivo problemi climatici e ambientali sfavorevoli.

Mi riferisco allo smaltimento e al recupero dei rifiuti e alla riconversione di questi in edifici destinati al sociale. Un tema scottante, quello della spazzatura, che ha occupato e occupa il dibattito politico nazionale e locale e non nuovo per l'architettura contemporanea. Un aspetto sempre pi urgente anche in considerazione di un punto di vista etico ed eco sostenibile e non solo di quello legato alla pratica del costruire.

Basti pensare, riservando ad altre sedi l'analisi dei pro e dei contro, alla riconversione di materiale di scarico, qual quello dei vecchi e dismessi container per le merci in materiale edificabile e gi oggetto, in parte, di un'interessante mostra tenutasi, nel 2011, al Maxxi ("Re-cycle. Strategie per la citt e il pianeta", a cura di Pippo Ciorra, Mondadori Electa editore).

Molti, a riguardo, gli esempi possibili diffusi in varie parti del mondo: dal Sudan alla Spagna, dalla Cina e la Corea del Sud all'Italia, dalla Germania al Giappone dove ricordo l'asilo antisismico realizzato ad Ibaraki.

Tra gli edifici recenti segnalo la proposta di costruzione di alloggi destinati agli studenti fuori sede dell'universit di Copenaghen, proposta dalla start up di edilizia sostenibile Urban Rigger per la firma di Bjarke Ingels e fatta propria dalla municipalit cittadina.

L'idea, realizzatasi nel 2016, era quella di costruire case mobili e sull'acqua attraverso un riuso creativo dei container navali che consentisse di edificare strutture economiche, accessibili agli studenti a prezzi inferiori a quelli di mercato. Abitazioni recuperabili che non incidono sul gi costruito e dove ogni alloggio dispone di una camera da letto con bagno e cucina con ampie finestre apribili, oltre all'uso, tipico della tradizione scandinava, di spazi comuni quali le terrazze sul tetto, il cortile con la zona barbecue e gli spazi destinati alle biciclette e all'attracco dei kayak.

Un segno architettonico collocato in pieno centro, nel mare della citt, secondo quello che sta diventando un tratto distintivo dello sviluppo della capitale danese e teso a rafforzare, sotto molti punti di vista, il rapporto con il mare. Rapporto che non prerogativa, come insegna Michel Mollat du Jourdin ("L'Europa e il mare dall'antichit ad oggi", Economica Laterza, 1996, 2011), solo dei popoli del mediterraneo ma che ha sempre improntato, anche nei secoli scorsi, la cultura, l'economia e le usanze dell'area scandinava.

E' interessante, pertanto, in un'ottica di reciproco scambio, constatare che se Barcellona stata, pur con le inevitabili e opportune varianti, punto di riferimento per la Copenaghen di questi anni e del prossimo futuro, la capitale danese pu suggerire spunti per un rinnovato modello di relazione con l'acqua ai Paesi dell'area mediterranea e, pur con le necessarie distinzioni, a Palermo, in particolare.

L'autrice ordinario di Storia dell'arte contemporanea al dipartimento di Scienze umanistiche dell'Universit di Palermo



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news