LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Opere d'arte salvate dalle macerie ora preda di incuria, tarli e umidit
Lorenzo Sconocchini
Corriere Adriatico (Fermo) 19 Sep 2017


La maggior parte si trova in depositi delle diocesi non attrezzati e nelle stesse condizioni di un anno fa

Avevamo progettato tutto per fare questo nei nostri depositi, poi la paura delle nuove spoliazioni napoleoniche ha bloccato tutto. In uno sfogo domenicale sul suo profilo Facebook, sotto il titolo Tempo perso, occasioni perdute, l'architetto Luca Maria Cristini, fino a pochi mesi fa responsabile per i beni culturali della Diocesi di Camerino, solleva il tema di come vengono conservati quadri e statue, crocifissi lignei e arredi sacri salvati dalle macerie di chiese e monasteri devastati dal terremoto. Molti di quei beni di propriet ecclesiastica, anche di pregevole valore storico-artistico, si trovano nelle stesse condizioni in cui dall'agosto 2016 sono stati portati in salvo, spesso a rischio della propria vita, dai carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale, dai vigili del fuoco, dai funzionari del Mibact e dai volontari di Legambiente. Giacciono dentro imballaggi provvisori e in magazzini delle Diocesi 'terremotate' che non li mettono al riparo dall'umidit e dai tarli.

I restauratori del ministero

E per spiegare cosa avesse progettato insieme ai tecnici del Mibact prima di interrompere il rapporto con la Curia camerte, l’architetto Cristini posta delle foto in cui si vedono gli scaffali ordinati e gli imballaggi accurati che proteggono le opere d’arte ricoverate nei magazzini della Mole Vanvitelliana di Ancona. Una specie di Arca della cultura che da un anno ospita i beni culturali messi al sicuro dopo i crolli di chiese, musei e palazzi storici.

Nell’Arca 800 beni

Circa 800 opere d’arte - di propriet non ecclesiastica, tranne opere che necessitano di restauri e messa in sicurezza provenienti da chiese - sono protette in ambienti asciutti e arieggiati, sistemati su scaffalature metalliche allestite dal ministero dei beni culturali, dove le opere sono ordinate, classificate e ben tenute grazie anche alla presenza dei restauratori del Mibact che all’arrivo di ogni opera provvedono alla messa in sicurezza. Un modello che il Mibac, in una riunione tenuta ad Ancona prima dell’estate, aveva proposto di esportare anche nei depositi delle Diocesi pi interessate dal terremoto, dove i beni culturali erano stati stoccati con una soluzione d’emergenza che nei fatti divenuta stabile, anche sull’onda di prese di posizioni di alcuni vescovi e sindaci che temevano una spoliazione dell’entroterra.

Parassiti e condensa

Per i depositi in condizioni pi precarie - specie nelle diocesi di Ascoli e Camerino - il Mibact si era reso disponibile sin dal giugno scorso a sistemare gli spazi interni e a distaccare nelle diocesi gruppi di tecnici ministeriali per mettere in sicurezza i beni come avviene alla Mole. Il tutto a carico del ministero, ma a distanza di pi di tre mesi ancora non si mosso nulla e la maggior parte dei beni depositati nei magazzini delle diocesi si trovano nelle stesse identiche condizioni del loro prelievo. Con il rischio che oltre a eventuali danni dal terremoto (in realt piuttosto rari, perch la stragrande maggioranza delle opere sono state estratte integre) se aggiungano altri causati dalla condensa prodotta dal mancato disimballaggio e da parassiti, soprattutto tarli che possono essersi sviluppati aggredendo anche opere che ne erano immuni. Senza considerare poi il pericolo che, nella confusione, di qualche opera si possano perdere le tracce. Sono quattro, in particolare, i depositi diocesani per i quali il Mibact aveva suggerito interventi sul modello della Mole. Il palazzo vescovile di San Severino Marche, dove la Diocesi di Camerino ha stoccato parte delle opere, tra cui una pala d’altare del Tiepolo salvata a Camerino, ha locali buoni per essere utilizzati come depositi, ma sono privi di ripartizioni interne e le opere sono poggiate sul pavimento, per la maggior parte ancora imballate, con problemi di aerazione e senza alcuna valutazione di eventuali danni. Situazione ancor peggiore al Seminario di Camerino, dove i locali appaiono fatiscenti e privi di ripartizioni: l addirittura sono ammassati anche i beni prelevati dopo terremoto del 1997. Nelle grotte medievali del palazzo vescovile di Camerino gli ambienti sono umidi e non areati e vengono utilizzati deumidificatori di tipo domestico a ciclo continuo. Anche l, niente ripartizione e opere ancora imballate.

Gli ex spogliatoi degli operai

La Diocesi di Ascoli Piceno utilizza per il ricovero delle opere (tra cui una lunetta di Cola dell’Amatrice) un deposito nell’ex stabilimento Elettrocarbonium, dove un tempo c’erano gli spogliatoi degli operai. Chi li ha visti parla di luoghi umidi con distacchi di intonaco e presenza di muffe, dove le opere sono ammassate e ancora imballate senza alcuna suddivisione. Per quanto ancora?

Una pregevole lunetta di Cola dell’Amatrice custodita negli spogliatoi dell’ex Elettrocarbonium



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news