LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Trinit de Monti, scalinata gi sporca un anno dopo il restauro
Lilli Garrone
Corriere della Sera-Roma, 18/09/2017

Nel settembre 2016 fu riconsegnata alla citt: oggi sul travertino macchie nere e sporcizia


Mozziconi spenti a centinaia. Gomme americane schiacciate sul travertino non pi splendente. Cartacce un po ovunque. E - come dabitudine - qualche turista che tenta di bere, mangiare, o gustare un gelato seduto sui gradini pi famosi del mondo. passato esattamente un anno da quando la Scalinata di Trinit dei Monti stata riconsegnata alla citt dopo un lungo restauro (i lavori erano iniziati il 7 ottobre del 2015) e una spesa di un milione e mezzo di euro pagati dalla Maison Bulgari. Il bianco di un anno fa sparito. Anche se i vigili controllano con grande attenzione e si muovono costantemente sulla gradinata. Il degrado della scalinata tornato come prima - ammette Gianni Battistoni, storico leader di via Condotti - solo meno evidente perch si saldato al crescente e drammatico degrado del Tridente, ridotto ormai a forte Apache circondato dai pullman turistici invece che dai pellerossa. Tutto questo con il totale disinteresse del Campidoglio. Le cose non sono cambiate, le condizioni della Scalinata sono sempre le stesse - aggiunge il titolare dellhotel Hassler Roberto Wirth -. Lo dico da sempre, lo ripeto da anni: non viene fatto nulla per risolvere la questione. inutile parlare, i fatti non ci sono. Io per sono qui e se la sindaca volesse fare qualcosa per rendere la Scalinata di piazza di Spagna il biglietto da visita di Roma io non mi tirerei indietro. Appena terminato il restauro Roberto Wirth aveva proposto lapplicazione di grandi cartelli in pi lingue per spiegare cosa si pu e non si pu fare: non si sono mai visti.

E se su Trinit dei Monti gli occhi dei vigili sono sicuramente puntati, intorno tutto un bivacco. Si mangia la pasta seduti intorno alle aiuole dei giardini, lungo i marciapiedi che fronteggiano la gradinata di fronte le vetrine delle griffe pi famose, ovunque. I divieti non ci sono (neppure le panchine, che sono solo quattro) e allora c libert di mangiare, bere, sporcare. Il crollo del livello turistico impressionante - aggiunge Gianni Battistoni -. Bisogna obbligare a consumare i cibi dentro le strutture: invece in via della Croce si vendono le vaschette di plastica con la pasta a 4 euro. A Milano tutto questo non succede. Chi abita in piazza di Spagna e la osserva giorno dopo giorno ammette che i controlli ci sono, due vigili in divisa fanno avanti e indietro sempre - racconta Carla -. Ma chi rispetta poco questa seconda fase della Scalinata sono le grandi forze economiche, le firme che si aprono sulla piazza. Per le manifestazioni sono stati utilizzati macchinari e grandi gruppi elettrogeni che hanno macchiato i gradini in tanti punti, come se fosse colato petrolio. Non sono stati puliti, ci sono macchie nere. Nellottobre 2016 lassociazione abitanti centro storico - ricorda Viviana Di Capua - realizz e distribu un volantino in sette lingue che elencava divieti e modalit di comportamento nei confronti di un bene cos prezioso. I turisti dovrebbero solo ammirarla e rispettarne la bellezza monumentale, invece triste constatare una negligente inosservanza dei pi elementari principi del rispetto dei luoghi.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news