LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA-Il business delle crociere a Venezia: ecco il piano delle compagnie
Barbara Ganz
Sole24ore, 22/09/2017

Tra il 29 agosto e il 1 settembre 2017, in Olanda (al Centro Csmasrt di Almere) e in Danimarca (Force Technology institute di Copenhagen) si sono svolte le simulazioni congiunte di tre compagnie e di Vtp, il terminal passeggeri di Venezia. Royal Caribbean, Carnival-Costa e Msc hanno messo virtualmente alla prova sei navi diverse - la pi grande di 183mila tonnellate di stazza, ben oltre il limite auto imposto di 96mila - in differenti condizioni meteo e di contesto avverso: uno sforzo di collaborazione senza precedenti sulle possibilit di acceso tramite il canale Vittorio Emanuele III alla Marittima, terminal passeggeri che viene definito irrinunciabile.

I risultati sono stati messi a disposizione delle autorit, come contributo alla soluzione di una vicenda che si trascina ormai da anni. Le simulazioni hanno avuto esito positivo - afferma a Venezia Roberto Martinoli, presidente di Clia Italia, associazione che rappresenta la quasi totalit degli operatori sul mercato - Le compagnie sono pronte a iniziare al pi presto le attivit necessarie allutilizzo della rotta alternativa.

Analogo esito positivo risultano avere avuto le simulazioni condotte dallAutorit portuale: Sulla scorta di questi elementi confortanti confidiamo che Autori portuale e Capitaneria diano quanto prima corso alle ulteriori verifiche previste per legge. Limportante - il messaggio - fare presto, uscendo dallo stallo che si creato: Da cinque anni si cerca una soluzione per il passaggio delle grandi navi. C una effettiva volont di uscire dal canale della Giudecca e da San Marco, e il metodo che abbiamo seguito, quello delle simulazioni, una prassi consolidata che si adotta ogni volta che si valuta un nuovo porto o un attracco. Non chiudiamo la porta ad altre soluzioni e daremo il nostro contributo nel lungo periodo per le necessarie valutazioni, ma non vorremmo che troppe idee sul tavolo rallentassero una scelta.

Il canale figura gi nel piano regolatore portuale; proprio nei giorni scorsi il presidente dellAutorit portuale Pino Musolino aveva annunciato di aver depositato al ministero delle Infrastrutture la documentazione che certifica come ladeguamento del canale Vittorio Emanuele - e anche la realizzazione di un nuovo terminal passeggeri a Marghera - siano entrambi fattibili.

Nel caso del Vittorio Emanuele, servirebbe una manutenzione pi che uno scavo vero e proprio, una operazione che divrebbe richiedere dai sei a 12 mesi, pi la parte burocratica, spiega Martinoli. Intanto, il settore fa i conti con leffetto Venezia, che si tradotto nella perdita di quasi mezzo milione di passeggeri: da 1,8 milioni del 2013 a 1,4 previsti per il 2017, con un calo- solo nei primi sei mesi dellanno - del 13% dei passeggeri (-72mila) e del 15% delle toccate nave (27 navi da crociera in meno). Una situazione che, dato lo status di homeport di Venezia (capolinea, non di transito) si riflette sullintero Adriatico, con un calo di passeggeri del 6,51%. Le stime di Risposte Turismo per Venezia calcolano per il 2017 -11,4% di turisti movimentati e -10,6% di toccate. Nellipotesi che la laguna diventasse vietata alle navi superiori a 40mila tonnellate, poi, il numero dei crocieristi ridurrebbe del 90% rispetto al 2012, e la spesa per beni e servizi locali dell85% (40 milioni contro 283,6), con un calo delloccupazione dell83%.

Lindustria delle crociere chiede una soluzione definitiva, ribadisce Kyriakos Anastassiadis, presidente Clia Europa, mentre Venezia resta, per il fascino che esercita, un fattore chiave nella programmazione degli itinerari. Venezia insostituibile - chiarisce ancora Martinoli - anche per la posizione e i collegamenti aeroportuale e ferroviario. Declassandola a destinazione di transito si perderebbe in termini di spesa diretta di crocieristi, compagnie ed equipaggi, oggi pari a 436,6 milioni e fino a 170 milioni di indotto. E alla luce delle ripetute contestazioni - la prossima annunciata per sabato - il presidente di Clia attacca: Quello legato alle crociere un turismo di qualit, di et media abbastanza elevata: si tratta di flussi programmati e controlati, impossibile trovare fra questi viaggiatori uno dei responsabili dei tuffi in Canal Grande o degli altri episodi di degrado denunciati anche nellestate appena conclusa.

Dalle compagnie anche lannuncio di una operazione verit sui dati dellinquinamento legato alle crociere, per una industria che ha tutto linteresse a tutelare e valorizzare le proprie destinazioni, spiega a Venezia Neil Palomba, membro del Comitato esecutivo Clia Europa. Un impegno che viaggia lungo pi direttrici: dagli investimenti (nellordine di un miliardo allanno) in nuove tecnologie per limitare limpatto ambientali delle navi agli accordi volontari per andare oltre gli stessi limiti di legge.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news