LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rubate le antiche orme di Creta. ''I fossili sottratti da un prof''
di GIULIA VILLORESI
16 settembre 2017 LA REPUBBLICA


Scomparse e poi ritrovate le impronte di un piede simile al nostro e risalenti, secondo uno studio pubblicato di recente su Proceedings of the Geologist Association, a circa 5,7 milioni di anni fa. Individuato il responsabile, che le ha per anche modificate

LE IMPRONTE fossili che potrebbero riscrivere la storia dell'uomo sono state rubate. E poi ritrovate a Salonicco, poche ore dopo il disperato annuncio del Museo di Storia Naturale di Iraklio. Solo quindici giorni fa sulla rivista scientifica Proceedings of the Geologist Association usciva una notizia incredibile: le 40 impronte scoperte a Kissamos, sulla costa nordoccidentale di Creta, sono state impresse nel terreno da un piede molto simile al nostro, circa 5,7 milioni di anni fa. Ovvero in un'epoca in cui, a quanto ne sapevamo, i nostri antenati avevano ancora un piede scimmiesco e vivevano confinati nel continente africano.

A dare spessore allo studio, coordinato dallIstituto Geologico polacco, c anche la firma di Martin Lockley, massimo esperto mondiale di impronte fossili. una notizia che ravviva, e complica, il gi complesso quadro dell'evoluzione umana. Dobbiamo spostare molto indietro e lontano dallAfrica (anche se non troppo lontano, visto che allora il Mediterraneo era pi ristretto) la comparsa degli antenati delluomo? Oppure dobbiamo immaginarci che durante il Miocene delle scimmie antropomorfe sperimentarono in maniera pi o meno indipendente la locomozione bipede? Mentre il mondo, e non solo quello accademico, si pone queste gravi domande, il Museo di Storia Naturale di Creta pubblica un comunicato stampa sconcertante: 10 delle 40 impronte del sito archeologico di Kasteli sono state trafugate. A dare l'allarme Charalampos Fassoulas, geologo del Museo di Storia Naturale, tra i membri del team che ha analizzato le impronte: "Degli amici archeologi in visita al sito mi hanno contattato per avvertirmi che che cera qualcosa di strano, volevano sapere se qualcuno di noi aveva rimosso i reperti. Ho detto che non ne sapevo nulla, sono salito in macchina e mi sono precipitato sul posto".
Le orme sull'antica sabbia di Creta, lasciate 5,7 milioni di anni fa
Navigazione per la galleria fotografica1 di 7
Immagine Precedente
Immagine Successiva
Slideshow
{}
Condividi
CONTENUTO SPONSORIZZATO
Sicuramente Protetto di Genertellife
Genertel Life
da TaboolaPromosso
Quindi la scoperta: alcune impronte sono state maldestramente rimosse dai sedimenti litici. Nessuno sembra essersi accorto di nulla. mercoled 13 settembre. Neanche due giorni dopo la polizia chiama il Museo di Storia Naturale, ottime notizie: hanno preso il ladro a Salonicco; ha 35 anni ed un professore di liceo. Porta con s 9 delle 10 impronte trafugate. Due l'ha lasciata a casa, a Kissamos.

"Al momento non sappiamo altro su di lui. La polizia non ha ancora indetto una conferenza stampa", spiega Fassoulas. Solo un dettaglio che riguarda la refurtiva, grottesco e inquietante: non solo il professore ladro ha manomesso quelle che potrebbero essere le impronte ominidi pi antiche del mondo, ma le ha limate in modo da rendere la loro sagoma il pi simile possibile a quella di un piede. "Questo ci consente di fare alcune congetture", riflette Charalampos Fassoulas, mentre telefoni e cellulari del suo studio suonano ininterrottamente. "Possiamo dubitare, per esempio, che questo signore sia un professionista nel campo della ricettazione dei reperti fossili. Immagino che volesse venderle a qualcuno, ma mi riesce difficile capire a chi. vero, comunque, che Salonicco nota per questo tipo di traffico. Spesso i reperti vengono rubati per essere venduti a dei musei o a collezionisti privati disposti a spendere grosse somme. In questo caso sembra plausibile solo lipotesi del collezionista, visto che le impronte in questione sono famosissime, e inoltre sono state mappate e digitalizzate attraverso una tecnica laser, per cui sono tutte identificabili".

Ma se le impronte fossero state davvero destinate a un ricco collezionista, perch mai il ladro avrebbe dovuto limarle? Lipotesi del dilettante scellerato al momento sembra la pi plausibile. Charalampos Fassoulas attende con angoscia di rivedere le sue impronte, nella speranza che non siano state rovinate.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news