LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PENISOLA SORRENTINA, ALLARME AMBIENTE
GIUSEPPE GUIDA
19 settembre 2017 LA REPUBBLICA



PER decenni la politica ha completamente dimenticato l'ambiente. Cos si espresso (come se il fatto non fosse suo) il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, in un articolo su "La Repubblica" di qualche giorno fa. Visto il pulpito, l'espressione potrebbe destare meraviglia e sarcasmo, ma, guardando quello che sta accadendo agli equilibri del territorio italiano, genera solamente sconforto. C' un altro dettaglio che per non pu sfuggire: la frase del ministro esprime un falso. Non vero, cio, che la politica si completamente dimenticata dell'ambiente. Se ne ricordata eccome, e con pazienza certosina, in particolare negli ultimi trent'anni, ha consentito la pi ampia manomissione di risorse (quali ambiente, territorio, paesaggio, termini non sempre sinonimi...) non riproducibili.
Lo ha fatto, al di l dei principi costituzionali e al di l di leggi di principio, con gli organi periferici dello Stato: Regioni e Comuni in testa, cui stata delegata una materia per governare per la quale non hanno la solidit, la capacit e il buonsenso. In particolare, dopo aver saccheggiato e consentito una crescita disordinata dei paesaggi pi "ordinari", si proceduto con il mettere mano alla demolizione delle tutele delle molto pi appetibili aree di pregio, dove, proprio grazie ai vincoli paesaggistici, i valori immobiliari danno ancora senso all'investimento e rendono possibile prendersi pure qualche rischio di tipo amministrativo e politico.
Visto il contesto, si potrebbero fare decine di esempi di modifica delle regole paesaggistiche ed urbanistiche finalizzate ad un approccio speculativo e predatorio al governo del territorio. Tuttavia basta farne uno, per capire in che dimensione si muovono gli enti regionali e i comuni in cerca di consenso e danaro per le loro casse: il caso del Piano urbanistico territoriale della Penisola Sorrentino-Amalfitana (Put).
bene ricordare che si tratta di un piano paesaggistico gi ampiamente manomesso. Contrariamente a quando si vuole far credere, infatti, a causa delle norme e delle continue modifiche introdotte dalla Regione Campania negli ultimi 15 anni (da sinistra e da destra) non c' un solo pezzo di terra della penisola sorrentina, a parte qualche ambito montuoso e le falesie, in cui non si possa edificare qualcosa: box interrati, residenze pi o meno "social", capannoni, strade interpoderali, strade di scorrimento, superstrade, volumi per l'attivit agricola, comodi rurali, manufatti stabili e definitivi in ogni punto della fascia costiera, piscine, volumi tecnici di tutte le tipologie, tetti, sottotetti, cambi di destinazione d'uso liberi. Oltre ad assurde opere di uso pubblico come "studentati" (!), "stabilimenti elioterapici" e attrezzature per lo sport per migliaia di metri quadri e centinaia di migliaia di metri cubi.
Non a caso, le statistiche mostrano negli ultimi anni un calo drastico dell'abusivismo edilizio in penisola: per manomettere il territorio ci sono le normative regionali, in gran parte approvate dal centrosinistra.
In questo scenario, concretizzatosi lentamente nel disinteresse dei pi, la Regione Campania ha apparecchiato una legge, prossimamente all'esame del consiglio regionale, che elimina gli ultimi intoppi per accelerare e rendere irreversibile questo processo degradante il paesaggio gi in atto. Si tratta di ritocchi qua e l alla legge regionale istitutiva del Put (numero 35/87) per renderlo completamente privo di cogenza e di cui ha gi ben scritto Alessandro Dal Piaz su questo giornale. In particolare, l'ipotesi di calcolare il fabbisogno abitativo (attualmente stabilito in 1 vano per 1 abitante) computando anche la somma dei fabbisogni di ciascuna abitazione sovraffollata appare esiziale se sommata anche alla cancellazione dell'articolo del Put che oggi prevede di riservare i nuovi alloggi eventualmente necessari alle sole famiglie residenti in abitazioni malsane o sovraffollate. L'esito facilmente prevedibile: nuove palazzine non certo "popolari" lungo la fascia costiera e la corsa di capitali esterni, di cui non sempre nota la provenienza, per accaparrarsi quello che rimane di una penisola senza pi tutele. Oppure il ridicolo comma che priva il Put di efficacia diretta, demandando tutto ai piani urbanistici comunali che non sempre sono "adeguati" correttamente alla pianificazione sovraordinata. Per i mega-parcheggi interrati, infine, si annullano i pochi ultimi impedimenti e possono essere realizzate in tutte le zone territoriali , quindi anche sulla cima del Faito e nelle aree a parco.
Norme di questa risma, in sostanza, che il consiglio regionale si accinge a votare, non le avrebbe scritte nemmeno il pi spregiudicato dei speculatori edili.
Bisognerebbe chiedere qual la ratio di tutto ci al presidente De Luca e al manipolo di consiglieri regionali che ha scritto e promosso roba di questo tipo e perch, al contrario, non si lavora per ri-costruire un sistema di regole semplicemente aggiornate e vincoli all'altezza di un paesaggio nonostante tutto ancora di pregio e noto nel mondo. O magari bisognerebbe chiedere al ministro Galletti.
Bisognerebbe chiederlo, se la risposta, purtroppo, non fosse gi nota.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news