LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma l'hi-tech non riesce a impedire atti vandalici - E la copia in gesso lascia il posto a quella virtuale
Marco Carminati
05-AGO-2005 Il Sole 24 Ore





Le fonti antiche ci raccontano che nella Roma imperiale c'erano più sculture che abitanti. Le statue stavano dappertutto, sui piedistalli, tra le colonne, nelle nicchie, sui fastigi di templi ed edifici pubblici. Chi allora avesse voluto danneggiarle non aveva che l'imbarazzo della scelta. Oggi le statue esposte al pubblico si sono drasticamente rarefatte, non così i mentecatti che amano prenderle di mira: periodicamente se ne trova qualcuno in circolazione, come è avvenuto l'altro giorno col Biancone di Firenze, e solo pochi anni fa con la Fontana dei Fiumi di Bernini in Piazza Navona a Roma.
Come ci si difende? Il David di Michelangelo, ad esempio, fu tra le prime statue a venire rimossa dalla propria sede per essere ricoverata in un museo (le Gallerie dell'Accademia di Firenze). La rimozione avvenne a fine Ottocento ma non perché si temessero attentati: si temeva piuttosto il degrado fisico provocato dagli agenti atmosferici. Le stesse insidie invisibili che hanno consigliato di replicare il Marco Aurelio di Piazza del Campidoglio e altre legioni di statue del Duomo di Milano, di Pisa, di Siena che sono scese dai loro piedistalli e sostituite da copie portate al sicuro nei musei.
Ma al sicuro da chi? Dagli agenti atmosferici, si intende, non dai folli e dai mentecatti che possono in ogni momento pagare il biglietto, entrare in un museo e prendere di mira il capolavoro. Purtroppo è accaduto spesso: la Venere di Velàzquez è stata presa coltellate (Madrid, 1910), la Gioconda di Leonardo a sassate (Parigi 1956), la Sant'Amia Melterza
di Leonardo a fucilate (Londra, 1972). Per non parlare dell'acido gettato contro l'Altare Paumgartner di Diirer (Monaco di Baviera, 1988), la Danae di Rembrandt (San Pietroburgo, 1989) e la Rotula di Notte di Rembrandt (Amsterdam, 1990). E se proprio vogliamo rimanere nell'ambito delle statue, dobbiamo ricordare che la Pietà di Michelangelo venne presa a martellate mentre si trovava "al sicuro" dentro la Basilica di San Pietro (1972).
Protezioni, transenne e maggior soiveglianza, possono aiutare molto. Ma anche la tecnologia. I calchi in gesso di ottocentesca memoria sono stati tra i primi strumenti di salvaguardia delle sculture. In caso dì bisogno essi rappresentavano i modelli da seguire per eventuali ricostruzioni parziali o totali di originali perduti. Così, un ruolo fondamentale hanno avuto quadri, incisioni e soprattutto le fotografie. Oggi la parola spetta al computer. Molte sculture vengono scannerizzate e riprodotte tridimensionalmente. Da questi modelli informatici è possibile ali 'occorrenza cavare copie parziali o totali. Un caso recentissimo è stato quello del Satiro Danzante di Mazara del Vallo. Qui la copia — realizzata con materiale sintetico seguendo il modello 3D — si è resa necessaria perché l'originale è stato spedito all'esposizione di Aichi in Giappone. Ma stiamo toccando un tasto delicato: far viaggiare i capolavori li espone a pericoli notevoli e imprevedibili. Forse più notevoli e imprevedibili di quelli che possono provocare i mentecatti notturni.
MARCO CARMINATI



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news