LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palatino sfregiato, diktat del Parco archeologico "Via il palco o lo facciamo noi a vostre spese"
GABRIELE ISMAN
02 settembre 2017 LA REPUBBLICA

LA POLEMICA/ L'ECOMOSTRO NON SAR TOLTO PRIMA DI DICEMBRE

IL PALCO del Divo Nerone sul Palatino sar smontato. Lo intimeremo alla produzione e, se loro non sono in grado di provvedere, lo faremo noi, con le spese in danno. Federica Galloni, direttrice ad interim del Parco del Colosseo, dal 25 luglio ha la giurisdizione sull'area archeologica, dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha ribaltato il pronunciamento del Tar sulla riforma varata dal ministro della Cultura Dario Franceschini.

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE con il soprintendente Francesco Prosperetti ancora in corso, ma Galloni ha gi tracciato la linea: A breve avremo il primo incontro con la Nero Divine Ventures, i produttori del musical, a cui intimeremo di smontare il palco, visto che le repliche sono ferme da giugno. La convenzione per la Vigna Barberini scade l'11 settembre, ma un'area demaniale e tutelata, e questo rende possibile per noi richiedere la rimozione con spese a carico dei produttori, qualora non provvedessero a smontare ci che resta della struttura. Perch molti fornitori sono gi andati a riprendersi le loro propriet.

La via per lo smontaggio - operazione che richiede almeno 15 giorni e 30 persone al lavoro - passer per una fideiussione da 100 mila euro versata dalla Nero Divine Ventures che sar escussa dalla Soprintendenza di Prosperetti: se entro il 15 settembre la produzione non avr iniziato a smontare il palco, con quei 100 mila euro verranno pagati una parte dei creditori e sar iniziata la rimozione, da completarsi con altri denari che poi verranno richiesti alla Nero Divine.

Il giorno dopo l'appello di Repubblica per recuperare la bellezza del Palatino, le risposte quindi arrivano. Cristian Casella alla guida della Nero Divine Ventures dopo le dimissioni dell'altro produttore Jacopo Capanna spiega: Speriamo non sia necessario arrivare alla rimozione in danno, grazie ad accordi che stiamo cercando con i nostri fornitori. La settimana prossima incontreremo la Soprintendenza, ma per noi il progetto Divo Nerone non finito. La prima edizione non stata un successo, ma la societ ha i suoi asset e le sue propriet. Il costo della rimozione? Dipende dai tempi e dai modi, ma un'operazione complessa. Per la direttrice del parco archeologico l'obiettivo credibile ripristinare lo stato originario della Vigna Barberini entro fine anno salvo complicazioni dice che potrebbero allungare i tempi.

Noi non molliamo: il palco va rimosso.

Il destino della struttura e delle scenografie disegnate dai premi Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo soltanto uno degli aspetti della Divo Nerone in attesa di un epilogo. Attori, acrobati, figuranti e maestranze non vengono pagati da maggio: Si parla di stipendi e di contributi Inps ed Enpals non versati. C' chi vive settimane di difficolt reale per questa vicenda, i nostri contratti scadono il 10 settembre e quindi non abbiamo potuto accettare altri ingaggi negli ultimi mesi, dice Simona Patitucci, che nel musical interpreta( va) Locusta: anche lei, con altri cinquanta tra attori e maestranze, seguita dagli avvocati Cristiana Massaro e Giacomo Ciammaglichella in questa vicenda che ogni giorno si arricchisce di nuovi particolari. Il Divo Nerone per esempio non risulterebbe registrato nella sezione Dor della Siae, che raggruppa i musical. L'unica spiegazione spiega Patitucci, voce della Sirenetta Disney nella versione italiana che la registrazione sia stata nella sezione Lirica della Siae, pi remunerativa di quella musical.

Giorgio Assumma stato presidente della Societ autori ed editori e assiste legalmente il regista Gino Landi, gli scenografi Ferretti e Lo Schiavo, il direttore artistico Ernesto Migliacci e la costumista Gabriella Pescucci: Tutti coloro che hanno dato il loro apporto creativo hanno interesse perch vi sia una ripresa del musical, naturalmente in una cornice diversa dal Palatino. circolata la voce di un interessamento di David Zard a entrare nella produzione di Divo Nerone e sarebbe un bene perch ha le qualit necessarie.

Altro fronte aperto quello del milione e 50 mila euro investito da Lazio Innova nel Divo Nerone. passato il mese che la controllata della Regione aveva indicato come termine perentorio alla Nero Divine Ventures di cui socia all'11% - per restituire quei soldi. Ed gi cominciata la guerra a colpi di carte bollate. Anche di questo si occupa la Corte dei Conti nella sua inchiesta.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news