LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Sant'Andrea della Valle cade a pezzi Crolla una porzione di affresco. E i vandali si portano via gli intarsi del pavimento.
DAVIDE Di SANTO
IL TEMPO - 30 agosto 2017

Il sacerdote responsabile: Per i ladri abbiamo messo 15 telecamere nascoste.

Un grosso pezzo di affresco si staccato sabato verso le quattro del pomeriggio, con le comitive di turisti e i gruppi di fedeli che affollavano Sant'Andrea della Valle. Fortunatamente non venuto gi intero. I detriti, precipitando dalla porzione laterale della navata sinistra, proprio sopra alla cappella dei Barberini, si sono sbriciolati in un pulviscolo di sassolini e nessuno stato colpito. Ieri i tecnici del Fec, il fondo per gli edifici di culto del ministero dell'Interno che fa capo alla Prefettura, hanno effettuato i rilievi del caso. Sia per stabilire l'entit dei danni e le possibilit di restauro, sia per capire le cause del crollo e per verificare se altre porzioni dei soffitti di Sant'Andrea della Valle rischiano di venire gi. Prima di sabato non ci sono stati segnali, si trattato di un cedimento improvviso. Forse colpa del caldo estremo di questa estate. Per fortuna l'affresco si sbriciolato, se il pezzo fosse caduto intero qualcuno si sarebbe potuto fare molto male, spiega Carlos Gomez, sacerdote spagnolo-messicano dell'Ordine dei Chierici regolari teatini. Ha accompagnato lui i tecnici del Fec nel sopralluogo sugli alti ballatoi della chiesa progettata da Giacomo Della Porta, Francesco Grimaldi e Carlo Maderno tra il 1590 e il 1650, e che ospita opere di Mania Preti detto il Calabrese, Giovanni Lanfranco e Gian Lorenzo Bernini. L'area stata transennata alla meno peggio con alcune sedie e i cartelli che si mettono per le pulizie, e i turisti che visitano Sant'Andrea non sembrano accorgersi della porzione mancante sulla volta. Ma quella "ferita" bianca vicino alla raffigurazione di San Bartolomeo non l'unica che fa sanguinare la Basilica di Corso Vittorio Pericolo La volta ha ceduto sabato Nessuno stato colpito Emanuele II. Dove non arriva l'usura del tempo sono vandali e ladri a colpire i preziosi marmi delle pareti e i pavimenti pregiati. Nella navata destra, a pochi metri dalla cappella accanto all'altare, alcuni tasselli di un intarsio marmoreo sono stati fatti saltare a colpi di scalpello e trafugati. Come in un puzzle incompleto, in diversi punti mancano pezzi grandi anche venti centimetri, strappati via in momenti differenti. Probabilmente il responsabile una sola persona che ha provato a portarsi via pezzo dopo pezzo lo stemma nobiliare intarsiato sulla tomba nel pavimento. Ha smesso quando abbiamo messo le telecamere. Anche di questo abbiamo interessato il Fec, cos come per i pezzi di marmo che sono scomparsi dalle pareti, spiega don Carlos. All'ingresso un cartello avvisa della presenza di un impianto di videosorveglianza e la telecamera sul soffitto appena dietro il portone principale ben visibile. Ma dentro, accuratamente nascoste nei diversi angoli della basilica, ce ne sono altre quindici. Come dire, il Signore ti guarda, ma sedici telecamere sono un bell'aiuto. L'impianto di videosorveglianza lo abbiamo pagato con le offerte dei fedeli. Era diventato una necessit dopo gli atti di vandalismo ma anche per i ripetuti furti, spiega il sacerdote che sembra stanco di porgere l'altra guancia. Racconta solo gli episodi pi eclatanti, come quello del nomade che, accertandosi di non essere visto, aveva svuotato la cassetta delle elemosine. Grazie alle immagini carpite dalle telecamere stato identificato e infine arrestato. O quei sudamericani, forse cileni, che hanno alleggerito del portafoglio una studentessa cinese che dal Belgio era venuta in vacanza a Roma con la famiglia. Vestiti bene, come turisti, si erano seduti nel banco dietro a quello occupato dalla famiglia. Dopo il furto se ne sono andati e nessuno si accorto di niente. Senza le telecamere non li avremmo neanche mai visti, continua don Carlos che ormai di casa in Questura e dai carabinieri. Anche alle ragazze delle visite guidate sono spariti borse e zaini da dietro il bancone. Della situazione abbiamo informato chi di dovere, anche il Vescovo sa. Ma tutte le chiese del centro hanno questi problemi - continua il sacerdote - Il Papa ci chiede di tenere aperta la chiesa per tutto il giorno e noi lo facciamo, ma non riusciamo a controllare tutto, cos dobbiamo tenere aperta solo la porta principale. Questo, per, rappresenta un problema di sicurezza. Se c' un attacco terroristico non ci sono altre vie di fuga. Sant'Andrea diventerebbe una trappola. *** I Basilica Dall'alto in senso orario la porzione di affresco crollata sabato, i buchi nel pavimento intarsiato depredato dai vandali, i detriti caduti dalla volta sul pavimento della chiesa. Infine la facciata di Sant'Andrea della Valle e la parte transennata



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news