LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TREVISO - Dalla Marca alla Germania lungo l'antica via romana
di Valentina Calzavara
26 agosto 2017 IL MESSAGGERO VENETO



TREVISO La prima regola per assaporare un'antica strada romana dimenticare a casa l'orologio. Solo cos si potr vivere appieno la magia della via Claudia Augusta. Duemila anni di storia che si snodano attraverso tre nazioni: dall'Italia alla Germania, passando per l'Austria. Il primo corridoio tra le Alpi - embrione primordiale di quella che sar la futura idea di Europa - nato per collegare i porti dell'Adriatico alle pianure solcate dal Danubio a Nord. Lunga 350 miglia romane (circa 518 chilometri) la via Claudia Augusta cambia colore a seconda delle stagioni. Un dislivello graduale di 3 mila metri, da vivere in bicicletta pedalando per 12 giorni, oppure a piedi, ma anche a cavallo come i nostri predecessori. Il tutto scandito da reperti e testimonianze dell'Impero Romano. La provincia di Treviso uno dei primi capitoli di questa avventura che solca la valle del Piave prima di giungere a Feltre, spingersi fino a Trento e valicare il confine. Punto di partenza Altinum nel Veneziano, l'odierna Altino, che fu un importante porto marittimo prima della costruzione di Venezia. A due passi dalla laguna i moderni pellegrini possono incontrare tracce di mosaici e un museo archeologico nazionale, prima di proseguire il cammino verso la Marca trevigiana. Il tracciato originario avvolto da un alone di mistero, ne esistono infatti molteplici varianti. L'ipotesi pi accreditata prevede il passaggio a Roncade, puntando verso Treviso. Si giunge nel capoluogo dalla localit di Sant'Antonino entrando poi in citt dove un tempo sorgeva porta Altinia. consigliato visitare il centro storico, assaporare radicchio e tiramis, prima di uscire da porta Santi Quaranta in direzione Feltre. Zaino in spalla verso le colline del Prosecco, toccando Varago di Maserada, i ponti romani a Colfosco, quindi Pieve di Soligo. Si giunge a Follina per un'immancabile visita all'abbazia, poi tappa a Castelbrando a Cison di Valmarino, un antico maniero con terme romane e una mostra permanente sulla via Claudia Augusta, che rappresenta il cuore della riscoperta italiana della strada.Un progetto che ha preso forma vent'anni fa. Ho messo energie e denaro per fare quello che tedeschi e austriaci avevano saputo fare prima di noi: portare oltre un milione di turisti lungo il percorso storico e archeologico della Claudia Augusta. Abbiamo un tesoro in casa, una strada culturale che ha collegato il centro dell'Europa con il Mediterraneo, si tratta di un patrimonio che deve essere valorizzato sempre pi sottolinea Massimo Colomban, imprenditore e presidente emerito dell'Associazione Via Claudia Augusta. Rispolverato il tragitto sono state sviluppate mappe e segnaletica, coinvolti ristoratori e strutture ricettive, ed stato lanciato un sito dove reperire le informazioni sull'offerta culturale delle varie localit. Un lavoro che d buoni frutti. L'itinerario tra i pi affermati d'Europa. Recentemente, alla Borsa del Turismo di Berlino, la Claudia Augusta risultata al secondo posto nella classifica di gradimento dei bikers tedeschi. Richiama turisti di tutte le et, famiglie con bambini, appassionati, ma anche anziani, grazie alle bici con pedalata assistita, che permettono di alleggerire lo sforzo fisico, conferma Giorgio D'Agostini, referente dell'Associazione. Successo che si traduce in 100 mila presenze l'anno stimate nella Piana Rotaliana in Trentino, 40 mila visitatori in bici e altri 10 mila a piedi che scelgono la strada fino ad Altino, oppure la variante che giunge a Verona.Non si contano le nazionalit dei viaggiatori, tedeschi, belgi e olandesi sono tra i pi numerosi, ma si avvistano anche spagnoli, canadesi, americani, cinesi, australiani. Nuovi turisti i brasiliani che volano da San Paolo fino a Monaco e l inforcano una bicicletta e affrontano la Claudia Augusta per raggiungere Venezia, e da l rientrano a casa. Stiamo lavorando in sinergia con Austria e Germania per far diventare la via Claudia Augusta un Patrimonio dell'Umanit Unesco, sarebbe il coronamento di un sogno aggiunge D'Agostini.Una volta lasciata alle spalle la provincia di Treviso si procede verso il Bellunese, toccando Feltre quindi la Valsugana fino a Trento. Si prosegue per Bolzano, poi Merano, quindi i meleti della Val Venosta. Appena superato il lago di Resia con il campanile "in acqua" ci si immerge nella regione del Tiroler Oberland, attraversando le Alpi lungo il Fernpass costellato da sette laghi color smeraldo. Dal Tirolo alla Baviera, fino a Schwangau dove rilassarsi alle terme come dei veri romani. Lungo il fiume Lech pascoli e boschi, fino al capolinea: Donauwrth poco dopo Augsburg (Augusta). Un'attraversata densa di emozioni, tra resti di acquedotti, cippi e iscrizioni. Tracce di una storia antichissima sopravvissuta alla modernit.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news