LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - La collezione d'arte regalata alla sua citt Tesoro da 7 milioni
26 agosto 2017 LA GAZZETTA DI MANTOVA



Ha trasformato le pizze surgelate in tesori concepiti dal genio di Rubens, di Giulio Romano, di un allievo di Giotto e in oltre 300 opere tra bronzi, maioliche, materiali archeologici, arazzi, statue lignee, mobili, terrecotte e via di seguito spaziando dall'antichit all'800, con predilezione per il Rinascimento e l'arte mantovana. Una forma d'investimento, perch - diceva Romano Freddi, che di affari se ne intendeva - l'arte non si svaluta mai. Oltre al piacere di ammirarla. Aveva ragione. L'intera collezione vale tra i 5 e i 6 milioni di euro, oggi in tempo di crisi con mercato fiacco e stime medio basse. Il valore reale 7 milioni, a dir poco. Utile e dilettevole. Capitalismo alimentare - non solo pizze ma anche formaggi freschi e prodotti derivati dalla lavorazione del pomodoro - con un occhio di riguardo, anzi due, alle cose belle. Surplus e oculatissimo reinvestimento d'abbondanza di bssi fatti in decenni di Made in Mantua. Denaro sonante, capitale come lo intendeva Carlo Marx sebbene Romano fosse completamente di destra. Tutto a dritta. A manca vedeva soltanto vituperate tasse cui abbinava, e potendo forse agiva, il sacrosanto dovere morale di non pagarle. Cattivo maestro, su questo versante. Ma, alla luce dei fatti, splendida contraddizione di un grande, che possedeva il senso del bene collettivo, quello che abbraccia tutti. Il bene comune. Tant' che prima di abbandonare questo mondo ha percorso i passi per dare vita a una Fondazione che garantir la pubblica fruizione - probabilmente a rotazione a palazzo Ducale e in castello di San Giorgio - di tutto questo ben di Dio. Fondazione in corso di riconoscimento presso le autorit governative (il tutto in mano a un notaio), per tutelare un patrimonio gi in parte - pi di un'ottantina di opere - in comodato alla reggia gonzaghesca. Una lungimiranza e una generosit mai venute meno quelle di Freddi imprenditore.Che anche dopo aver messo in moto l'iter per la Fondazione ha continuato a scorrazzare sul mercato della bellezza, aggiudicandosi un ultimo trofeo: il ritratto di Eleonora Gonzaga, attribuito al fiammingo Justus Sustermans, un gioiellino comprato lo scorso marzo da una casa d'aste tedesca con poco meno di 15mila euro. Insomma spiccioli in confronto al pezzo di gran lunga pi prezioso della collezione, che da solo vale un milione di euro: il ritratto di Francesco Gonzaga bambino, frammento della pala della Famiglia Gonzaga in adorazione della Trinit, di Rubens, che Freddi acquist nel 1995. Mezzo milione l'uno valgono l'affresco del 1330, di un allievo di Giotto, strappato nell'800 dalla cappella Bonacolsi di palazzo Acerbi-Cadenazzi e acquistato da Freddi a Firenze negli anni '80, e la tavola "Giove, Nettuno e Plutone che si dividono i tre regni" di Giulio Romano, collocato in origine nell'Appartamento di Troia in Corte Nuova. Gilberto Scuderi



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

12-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 12 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news