LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PADOVA - Venticinque statue tornano vive in Prato
di Claudio Malfitano
29 agosto 2017 LA NUOVA VENEZIA



Il restyling delle sculture inizier nel 2018 grazie a 400 mila euro donati dai privati


PADOVA. il tableau vivant della storia di Padova. Settantotto protagonisti della vita cittadina, nellarco di diversi secoli, eternati nella pietra di Vicenza. E oggi minacciati da muschi e licheni, dallinquinamento atmosferico e anche da stupidi vandali. Altre 25 statue saranno restaurate nel 2018 grazie a 400 mila euro recuperati da Palazzo Moroni principalmente con sponsorizzazioni. Non solo la fondazione Cariparo ma anche grandi marchi come Conad e Fischer. Non sar la piazza pi grande del mondo e neppure dEuropa, come vuole la nomea. Per per noi padovani la pi bella, esordisce lassessore alla Cultura Andrea Colasio, innamorato di questo lembo di citt tanto da citare una per una le biografie dei personaggi immortalati nelle statue. E per il bimillenario della morte di Tito Livio (che cade nel 2017) si tenter di ristrutturare la sua statua, la numero 48, la terza dallalto nel quadrante di piazza verso la loggia Amulea.

Il restauro in programma. La realizzazione delle statue del Pra sempre stata a carico di privati, enti o associazioni. Quasi degli sponsor ante litteram. Vogliamo continuare su questa strada, cos Andrea Colasio la mette sul piano del collegamento storico. Ma anche (giustamente) soddisfatto di aver trovato nelle casse del Comune i soldi dei privati per i restauri: loperazione di pulizia e sistemazione di 25 statue costa 400 mila euro, ma di questi solo 50 mila li metter lamministrazione, il resto arriva da privati. Merito del lavoro degli uffici comunali, durante il periodo di commissariamento di Palazzo Moroni.

A settembre sar approvato il progetto esecutivo, i lavori inizieranno nella primavera del 2018 e si concluderanno entro lautunno: Anche perch c bisogno di temperature alte per applicare i prodotti del restauro, spiega lesperto architetto comunale Domenico Lo Bosco.

Lattivit diagnostica. Intanto in corso un attivit diagnostica sullo stato delle statue, da sempre soggette a deterioramento data la caratteristica porosit e fragilit della pietra di Vicenza. C una metodologia che abbiamo elaborato negli anni dintesa con la Soprintendenza sottolinea Lo Bosco Anche perch testando i prodotti su un restauro gi effettuato abbiamo trovato delle reazioni chimiche inaspettate, che hanno formato degli aloni gialli. Grazie al test di altri prodotti poi siamo riusciti a risolvere.

Lapproccio non pu pi essere quello dellemergenza aggiunge lassessore alla Cultura Serve una conservazione programmata per evitare di arrivare ai moncherini con le dita spezzate, al deposito di polveri e alla colonizzazione biologica. Queste statue ne hanno subite tante: gli interventi degli anni 60 sono stati pessimi e lincuria ha fatto i suoi danni. Pensate che abbiamo recuperato un dito nella canaletta.

Lintervento di restauro prevede lapplicazione di prodotto biocida per la disinfestazione di muschi e licheni, poi la pulitura e il consolidamento delle statue. Eventualmente anche il fissaggio di parti in via di distacco e la stuccatura delle lacune. Infine su ogni statua sar applicato un trattamento protettivo, che dovr essere rinnovato ogni cinque anni. Nei basamenti verr anche applicato un materiale anti-scritta, per evitare i danneggiamenti per mano umana.

Arriviamo alla fine di un percorso iniziato nel 1979, con listituzione di una commissione ad hoc tra Comune e Sorpintendenza. Tra il 1986 e il 1990 stato approvato il piano. Oggi lo portiamo a termine, aggiunge Colasio.

Le statue da salvare. In realt restano ancora 32 statue da ristrutturare, perch le prime 21 (sul quadrante di nord-est) sono state rinnovate tra il 2012 e il 2014. Servono altri 550 mila euro per completare il restauro dellintero ovale del Prato chiarisce lassessore Siamo in attesa di mecenati, anche perch con lart bonus c lagevolazione fiscale al 65% per le erogazioni liberali a sostegno della cultura. Ci aspettiamo che le imprese si facciano avanti.

La promessa quella di legare il proprio marchio al luogo simbolo di Padova: Questarea sempre stata uno snodo funzionale, anche prima dei romani sottolinea Colasio Ludi, gare, corse, parate militari, congressi, mercati, fiere e altre mille funzioni ha avuto il Prato della Valle.
Ma soprattutto un luogo identitario della citt.

Forse la definizione pi poetica quella del grande storico dellarte del Bo Camillo Semenzato: Il Pra un brano della campagna gettato nelle fauci della citt per placarne il respiro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news