LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pontili a Mergellina, no definitivo
RODRIGO RODRIGUEZ
05 ago 2005 Giornale dì Napoli


CONSIGLIO DI STATO. SENTENZA SFAVOREVOLE AL COMUNE DI NAPOLI E ALL'AUTORITÀ PORTUALE. AD OTTOBRE SI DOVRÀ RIFARE LA GARA

Dopo il Tar, ecco il Consiglio di Stato. La V Sezione, presidente Iannotta, affonda definitivamente - è il caso di dire - i pontili di Mergellina del Comune di Napoli e dell'Autorità portuale, dando ragione alla Soprintendenza ai Beni Architettonici. Una mazzata economica durissima per il Consorzio operatori nautici lungomare di Napoli (rappresentato e difeso dall'avvocato Felice Laudadio), una "rivincita"per la società Marina di Sant'Antonio, che raggruppa una ventina di ormeggiatori, abusivi o "storici" che dir si voglia, difesi dal legale Carlo Sarro. A nulla è valsa la costituzione ad adiuvandum dell'Autorità portuale dell'Avvocatura da parte dell'ente locale, con l'avvocato generale Martella Cozzuto Quadri, ingiustamente al centro di un caso per la presenza di "spalleggiamento" alla Sovrintendenza nell'udienza dinanzi al Tar, colpa di una clamorosa svista del vicesindaco Rocco Papa. Sorprendente invece l'assenza - dinanzi ai giudici romani - di Italia Nostra che lo scorso 27 luglio si era presentata con un atto di intervento ad opponendum (cioè in favore della Sovrintendenza) affidato all'avvocato Vincenzo Spagnuolo Vigorita.
La data chiave della vicenda è l'8 luglio: da una parte gli ormeggiatori, che dal 1980 operano sul lungomare, bloccano il traffico via mare, impedendo le operazioni di imbarco-sbarco degli aliscafi, ed occupano i pontili, dall'altro il consorzio vincitore procede al montaggio degli ormeggi, dopo che il giorno prima aveva avviato la posa in opera sul fondo marino di blocchi cementizi in funzione di corpi morti. Ma c'è un terzo fatto: il soprintendente Enrico Guglielmo, firma una lettera indirizzata a Guglielmo Nerli, presidente dell'Autorità portuale, al consorzio vincente, e per conoscenza al commissariato San Ferdinando, al comando carabinieri per la tutela del Patrimonio culturale, alla Capitaneria di Porto, al sindaco di Napoli Iervolino e alla Procura. Le opere, si legge, vanno immediatamente sospese, e tocca alla Capitaneria di Porto vigilare sul rispetto della disposizione.
Lo stop ai lavori viene motivato con la immodificabilità dei vincoli nella fascia di mare, e sia il Consorzio, sia l'Autorità portuale, dice Guglielmo, già nel febbraio scorso conoscevano l'avvio del procedimento
«dell'imposizione di prescrizioni di tutela indiretta» della fascia di mare davanti Castel dell'Ovo, e del muro frangiflutto che da Largo Sermoneta arriva fino al Molosiglio.
Vengono intanto notificate dalla Capitaneria cinque denunce (per pericolo e intralcio alla pubblica navigazione) ad quanti hanno partecipato alla protesta in mare. L'informativa viene trasmessa in Procura. Gli ormeggiatori "abusivi" presentano un'istanza di presentazione spontanea alla Procura e un esposto contro il consorzio vincente. Il clima è avvelenato: si registrano atti di intimidazione, gli inquirenti ipotizzano la presenza del clan che fa capo a Rosario Piccirillo.
Dopo la decisione del Tar, a cui era ricorso il Consorzio, in campo scende anche Nerli: accusa con durezza Guglielmo di doppiezza, nonché Palazzo San Giacomo. «Si vuole lasciare - questo il senso del suo attacco - che continui il degrado e che le decisioni vengano prese da enti non istituzionali?».
A nulla sono valsi, ieri, i tentativi di Autorità portuale e Comune di spiegare che la loro azione aveva posto fine al far west ed allontanato la longa manus malavitosa, che si punta a coniugare correttezza amministrativa e moralizzazione; né più né meno la stessa motivazione addotta dall'avvocato Sarro «non fosse altro perché difendo ormeggiatori che sono titolari di concessione da un quarto di secolo». La situazione è ora paradossale: il Consorzio ha sborsato fior di quattrini
e medita di rivalersi in qualche modo; analogamente la Società Marina di Sant'Antonio ipotizza un'azione di risarcimento. Di sicuro per ora tutto resterà com'è, con i natanti in mezzo al mare. Entro ottobre la Sovrintendenza deciderà il regime definitivo del vincolo e si sapranno le aree da assegnare con una nuova gara, destinata a riaprire i giochi. «Di certo - conclude Sarro - vanno azzerate procedure anomale e forzature incredibili: la legge è stata violata, e non lo dico io». Ovviamente bisognerà attendere la sentenza di merito del Tar, dopo il respingimento della domanda incidentale di sospensione. Altre sorprese?



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news