LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In costruzione grandi opere per 32 miliardi -
di Paolo Stefanato -
www,ilgiornale.it 05/08/2005


da Milano

Il Servizio studi della Camera ha presentato il secondo Rapporto sulle infrastrutture strategiche in Italia e sull'attuazione della Legge Obiettivo, elaborato su dati prodotti dal Cresme, il Centro ricerche economiche sociali di mercato per l'edilizia e il territorio.

Emerge che per l'86% degli interventi inseriti nel Programma delle grandi opere (il 97% del valore) negli ultimi tre anni sono state attivate le procedure di esecuzione. Siamo riusciti a portare al Cipe - spiega il ministro per le Infrastrutture, Pietro Lunardi - lavori per un valore di 68,9 miliardi di euro, oltre 130mila miliardi delle vecchie lire.

Che cosa significa portate al Cipe?
Significa aver ottenuto l'approvazione dei progetti e, per molti di essi (38,7 miliardi) aver garantito le risorse finanziarie. La tappa successiva l'avvio dei cantieri.

E quante opere sono gi in fase di realizzazione?
Abbiamo appaltato o aperto cantieri per opere del valore complessivo di 32 miliardi. Prima della scadenza della legislatura passeranno a cantiere altri 40 miliardi di lavori.

In tutto fa 72. Qual era il totale ipotizzato?
Il programma decennale delle infrastrutture strategiche approvato nel 2001 prevedeva inizialmente opere per 125 miliardi, che nel frattempo sono aumentate; nel suo contratto con gli italiani il presidente del Consiglio si era impegnato all'avvio di almeno il 40% delle opere strategiche. Saremo abbondantemente sopra quella soglia.

Non sar stato tutto semplice...
Gli ostacoli sono stati enormi.
A che livello?
A tutti i livelli, dagli enti locali all'Unione europea, sebbene quest'ultima sia stata molto collaborativa. Ogni passaggio pu presentare dei problemi. Pensi che un'opera fondamentale come il Passante di Mestre - che ora finalmente partito - ha subito un ritardo di un anno perch a Bruxelles ponevano delle eccezioni sulla concessione.
Su tanti cantieri ci sono anche delle opere gi completate?
Alcune s, quelle che siamo riusciti a sbloccare da antiche impasse. L'autostrada Palermo-Messina, per esempio, ormai finita. Era stata cominciata nel 1956. Abbiamo trovato di tutto, contenziosi, fallimenti... Abbiamo sbloccato anche la Variante di valico tra Bologna e Firenze, il cui iter era stato fermato per motivi ambientali. Ora tutta cantierata e nel 2006 sar aperto il primo tratto di 50 chilometri, tra Modena e Le Querce.
La Legge Obiettivo stata utile?
Direi, provvidenziale. Oggi, tra pensare e realizzare un'opera si impiegano cinque anni, quando precedentemente se ne impiegavano dieci. Che sia uno strumento efficace lo ha riconosciuto anche il sindaco di Roma, Walter Veltroni, riferendosi alla linea C della metropolitana della Capitale.
Si sempre detto che l'Italia soffre di un vistoso deficit infrastrutturale rispetto agli altri Paesi europei. La situazione cambiata?
Era valutato in opere per un valore di 200mila miliardi delle vecchie lire. Sicuramente la distanza si molto accorciata: azzarderei dimezzata.
Oggi (ieri per chi legge) hanno riaperto il tunnel del Frejus,che rimasto chiuso esattamente il tempo che lei aveva previsto.
un segnale importante: bisogna dare indicazioni precise alla gente.
Tempo fa, lei aveva sostenuto la necessit di una seconda canna per la sicurezza nel traforo del Monte Bianco...
Sto trattando da tempo con le autorit francesi per una galleria di sicurezza sia nel Bianco che al Frejus. Ma i valligiani temono, sbagliando, che questo significhi aumentare il traffico.
Una nuova legge prevede che una quota della spesa in infrastrutture strategiche sia destinata ai beni culturali. ..
S, l'ho proposta io, stata approvata all'unanimit e ne vado orgoglioso. Prevede che ogni grande opera sia accompagnata da uno studio di archeologia preventiva che permetta di anticipare i problemi relativi al rinvenimento di reperti, evitando molti rischi economici ai cantieri. Prevediamo anche di realizzare collegamenti tra i luoghi di valore monumentale con le autostrade, con piazzole di sosta e percorsi pedonali, nell'intento di favorire la valorizzazione culturale e turistica.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news