LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Cos si arriva all'autonomia della responsabilit
MAURIZIO CARTA
20 agosto 2017 la Repubblica

Il dibattito sull'autonomia siciliana, grazie anche ad alcuni interventi sulle colonne di questo giornale, ha assunto una maturit che fa ben sperare. Sfuggendo sia alla rivendicazione che al rimpianto, la sfida dell'autonomia responsabile quella su cui in molti convergiamo, una visione dell'autonomia come frutto di un pensiero dinamico e creativo capace di sfuggire alla situazione di scacco in cui l'hanno relegata decenni di mistificazione.

Ma come classe dirigente siciliana abbiamo l'onere di dimostrarlo. Dobbiamo far uscire la Sicilia sia dal cono d'ombra del pianto, che dai riflettori delle tifoserie, ridisegnando una politica di sviluppo che sia insieme efficace, senza aggravi per la finanza pubblica e generativa di nuove risorse, sfuggendo al ritorno ad un keynesismo perverso ed esercitando visione e progetto con responsabilit.

Ma quali sono oggi le responsabilit per dare nuovo senso all'autonomia? Dove usare l'autonomia statutaria? Quali sono gli obiettivi strategici per migliorare diagnosi ed elaborare progetti e quali sono gli investimenti che dovranno alimentare un modello di sviluppo per un diverso presente?

La prima responsabilit l'educazione come azione integrata tra scuola, formazione professionale e universit, capace di generare un dividendo sociale molto esteso ed elevato. Soprattutto l'universit avrebbe vantaggio da una politica regionale adeguata. Non tanto sul versante della didattica, di diretta normazione statale. Ma la ricerca e i rapporti con il territorio richiedono un rapporto strategico con la Regione individuando obiettivi che alleino le discipline e potenziando laboratori, ma soprattutto facilitando il ruolo delle universit come agenzie di sviluppo per gli enti locali. Obiettivo strategico trasformare la Sicilia in una piattaforma di eccellenza per la formazione e la ricerca riattivando lo spirito di quel Mediterraneo dell'educazione che scatur alla fine degli anni Novanta dalle "100 idee per lo sviluppo" di Ciampi.

La seconda arena quella delle connessioni materiali e immateriali e del ridisegno dell'armatura della mobilit e dell'accessibilit agganciando la Sicilia alle reti transnazionali che percorrono il Mediterraneo. Serve una combinazione di politiche ed interventi di scala locale, connessi a quelli di scala europea e mediterranea, capaci nell'insieme di rendere attraente la direttrice est-ovest dell'area meridionale dell'Europa. Alla Sicilia serve una poderosa "cura del ferro, dell'acqua e del silicio" che potenzi il trasporto ferroviario interno e quello tranviario o metropolitano nelle citt, che faccia dei nuovi porti di sistema le porte dei flussi passeggeri e merci ma anche piastre logistiche e produttive per un mondo affamato di ripresa, infine che potenzi le connessioni digitali per rendere pi intelligente il territorio.

La terza la responsabilit di un moderno sistema industriale per passare dalla presenza di singole unit produttive, fragili e in conflitto, ad una rete di distretti produttivi inseriti in un ambiente dinamico sostenuto dalla ricerca pubblica e privata, dalla formazione per tecnici e manager, da adeguate fiscalit e dal ritorno di un sistema finanziario in grado di sostenere l'imprenditore innovatore.

La quarta responsabilit quella delle energie rinnovabili, proponendo l'immagine di un Sud moderno ed innovatore e non solo terra di rapina energetica. In Sicilia il superamento della generation parity, consente ormai di generare energia dal sole a costi inferiori che bruciando gas o carbone, e anche senza incentivi si producono significativi margini di profitto. Serve quindi una strategia regionale di adattamento climatico che agevoli e premi imprenditori e cittadini. La quinta sfida riguarda le citt, i beni culturali e il paesaggio, perch il recupero dell'identit urbana, l'incremento della seduzione dei nostri borghi rurali e lo sviluppo della creativit dei giovani sono le chiavi per il rilancio. Serve una nuova legge urbanistica e paesaggistica che incentivi l'alleanza tra patrimonio e creativit, in grado di favorire la conservazione, la coerenza d'insieme e la valorizzazione, e di invertire la tendenza all'abbandono, al degrado e alla distruzione dei territori interni.

Infine l'ultima, ma la pi importante, responsabilit quella del Mediterraneo allargato e della formazione di un nuovo soggetto socio-culturale. Il Mediterraneo dei popoli e delle culture pretende dalla Sicilia, sua sineddoche, di farsi laboratorio di nuovo approccio che tenga conto delle differenze come risorse, che soprattutto favorisca l'incontro delle culture attraverso la comprensione, lo scambio per realizzare integrazione e soprattutto modelli di vera interculturalit.

Le responsabilit che ho brevemente tracciato sono tutte attraversate da una costante: il rafforzamento del capitale sociale: umano, intellettuale, cognitivo, creativo e politico. Occorre sostituire il perverso capitalismo politico fondato sull'accumulazione di clientelismo e assistenzialismo con il capitalismo sociale fondato sulla produzione di equit, qualit e progettualit. E la sfida dovr essere interpretata da una classe dirigente che sappia essere generatrice di visioni, attuatrice di progetti e tessitrice di reti ampie. Ci vogliono: uomini, tempo, organizzazione, tecnicit, mezzi adeguati, perseveranza. () Siamo denigratori di noi stessi; svalutiamo il bene che invidiamo; ignoriamo quello che sanno fare gli altri, perch riesce rimprovero alla nostra incapacit di volere , scriveva Luigi Sturzo nel suo Appello ai Siciliani del 1919. Dopo 97 anni abbiamo l'obbligo di rispondere all'appello.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news