LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHI DISTRUGGE I NOSTRI PARCHI
MAURIZIO FRAISSINET
19 agosto 2017 LA REPUBBLICA

DAL parco regionale di Colle Bartolo, nelle Marche, alla riserva naturale dello Zingaro, in Sicilia, passando per i parchi nazionali del centro-sud, questa estate le fiamme hanno devastato in maniera gravissima le nostre aree naturali protette (o forse sarebbe meglio dire ex aree naturali protette) e in molti hanno pensato ad una sorta di strategia criminale nei loro confronti. Se si leggono per le motivazioni di chi ha acceso i roghi ci si accorge che queste non hanno nulla a che vedere con la tesi del "disegno strategico". Sono degli squilibrati, campeggiatori e amanti del barbecue indisciplinati, balordi che smaltiscono abusivamente rifiuti, pastori, pseudo volontari, agricoltori imprudenti, eccetera. Eppure una "strategia" contro le aree naturali protette nel nostro paese c', ma viene da lontano nel tempo. I roghi di questa estate l'hanno messa in evidenza. iniziata all'indomani dell'andata via di Edo Ronchi dal ministero dell'Ambiente. Lui i parchi li ha voluti con determinazione e si adoperava per avere le risorse necessarie. Nominava presidenti competenti insensibile alle esigenze clientelari. Dopo di lui iniziata una lenta ed inesorabile agonia. L'avvio del processo di demolizione del sistema delle aree protette si avuto con l'avvento del ventennio berlusconiano e la nomina di un ministro dell'Ambiente, insignito del Premio Attila dal Wwf Italia, che non aveva mai nascosto la sua contrariet ai parchi. Le intenzioni erano chiare: non si possono abrogare i parchi perch complesso sul piano istituzionale e perch non sarebbe gradito dall'opinione pubblica, ma si possono indebolire in modo che non possano pi nuocere ai portatori di interessi contrari: costruttori, cacciatori, eccetera.

Da allora i parchi, ministro dopo ministro, si sono visti ridurre le risorse in maniera costante, senza soluzione di continuit. Alla presidenza degli enti sono state nominate persone estranee alla cultura e alla sensibilit naturalistica se non addirittura contrarie alla istituzione stessa dell'area protetta. Nei parchi si ripreso a costruire strade e villaggi vacanze, tagliare boschi, sparare, non si fa pi conservazione della natura ma si moltiplicano le sagre e perfino le gare di rally.

Eccola allora la strategia compiuta. I parchi messi in condizione di non operare secondo il dettame della legge 394 che, in linea con le convenzioni internazionali a cui il nostro paese aderisce, pone la conservazione della natura e dei cicli biogeochimici al primo punto delle finalit di un'area naturale protetta. Nei nostri parchi sono presenti la gran parte delle sorgenti di acqua potabile, concentrata la biodiversit pi ricca d'Europa, sono collocate le distese forestali che mantengono in equilibrio i suoli e forniscono diversi servizi ecosistemici: assorbimento di CO2, produzione di ossigeno, umidificazione dell'aria, eccetera.

Un parco non deve essere un'agenzia di sviluppo, come troppe volte abbiamo sentito dire. Un parco deve essere un luogo in cui si fa conservazione della natura. Se un parco opera bene in questo campo, gli enti locali e i privati potranno realizzare attivit economiche che traggano vantaggio dall'esistenza dell'area protetta. Concetti lontani mille miglia dalle intenzioni del legislatore che ha scritto la nuova legge sui parchi, attualmente in commissione ambiente del Senato. Una legge che d pi potere alle amministrazioni locali prive di competenze tecniche e che non hanno mai brillato per azioni di conservazione della natura, sancisce che i presidenti degli enti parco non debbano necessariamente capirne di natura e ambiente. All'articolo13, sui piani di gestione, si dice che gli unici piani di gestione della fauna che si possano fare in un parco sono quelle degli abbattimenti. Se un ente parco volesse operare un piano di gestione, ad esempio, sui livelli idrici di una palude per favorire la nidificazione dei fenicotteri non potrebbe farlo, potrebbe solo fare un piano di gestione per il loro abbattimento! Un insieme di norme che fanno capire quanto siano ignoranti sui temi della conservazione chi l'abbia scritta e chi l'abbia votata. Pur avendo constatato la differenza di gestione di musei ed aree archeologiche con la nomina di persone competenti, si continua invece a nominare incompetenti a gestire i parchi naturali, oltre che a legiferare su di essi senza consultare tecnici. Eppure sono decine ormai gli insegnamenti di conservazione della natura e gestione delle aree naturali protette attivi nei nostri atenei.

Eccola la strategia contro i parchi, eccoli i veri colpevoli. Coloro che li hanno abbandonati, li hanno svenduti ai politicanti delle clientele, agli amministratori dalle licenze facili. I parchi italiani oggi non necessitano di una nuova legge, necessitano di risorse economiche adeguate, di dirigenti preparati e competenti e di personale. Come pu un ente parco gestire e conservare se ha solo poco personale chiuso negli uffici e pochissime risorse finanziarie? Ci vorrebbero invece centinaia di assunzioni di giovani preparati e motivati che vadano a costituire squadre di operai che lavorino sul territorio, in modo da poter rimuovere un albero caduto lungo un sentiero, sostituire una tabella rotta, soccorrere un animale ferito, realizzare un recinto, pulire i sentieri dai rifiuti lasciati dagli escursionisti. Squadre di operai alle dipendenze dell'ente parco che costerebbero alla collettivit un'inezia rispetto a quanto si speso solo quest'anno per gli incendi e a quanto spenderemo per il dissesto idrogeologico e le bonifiche delle zone incendiate. Non solo, un parco ben gestito e tutelato attira visitatori colti e benestanti da tutto il mondo e attiva un indotto notevole per le popolazioni delle zone interne. Perch non si fa? Perch chi dovrebbe farlo ignora tutto ci, non sa nulla di gestione dei parchi naturali e in alcuni casi espressione di quelle categorie che non vogliono vincoli. E allora non meravigliamoci degli incendi devastanti di quest'anno, non facciamo illazioni. La responsabilit sta in capo a chi, in questi anni, li ha lasciati nell'incuria, nell'indigenza e nelle mani di incompetenti.

*L'autore ex presidente del Parco nazionale del Vesuvio e vicepresidente di Federparchi




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news