LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - Venaria, non tradite quel simbolo di rinascita
20 agosto 2017 LA REPUBBLICA



GENTILE REDAZIONE,

vi scrive un pensionato felice che sta trascorrendo un bellissimo mese di agosto in citt, scoprendo angoli della sua Torino che non conosceva. E non affatto una citt deserta, anche se troppi negozi sono chiusi: ma tutto sommato ne abbiamo un'esagerazione, possiamo pure farne un po' a meno per qualche giorno.

In particolare, una delizia visitare i musei quando la citt in vacanza, bello farlo senza fretta e senza ansia. A ferragosto sono stato con la mia famiglia alla Reggia di Venaria, la nostra Versailles: uno spettacolo unico. Ho visto un sacco di bambini, tra l'altro.

Bellissimo tutto, i fiori specialmente, ma che incanto quelle donne della Belle Epoque ritratte dal pittore Boldini! Da lasciarci il cuore!

Aldo Natta

(Torino)

CARO SIGNOR ALDO, la fila delle persone in attesa di entrare in un museo sempre un indicatore di civilt, non solo un segno culturale ma una sottolineatura sociale. Vederne tante in coda nello splendido viale che porta alla Reggia di Venaria, sotto il sole di agosto, conferma che non tutto perduto anche in questi tempi incerti, non poco immiseriti e feroci. I numeri confortano pi di ogni ragionamento: oltre 53 mila visitatori sono stati alla Reggia a partire dal weekend di ferragosto, come se un'intera cittadina di 10 mila abitanti si spostasse ogni giorno e andasse a Venaria.

La mostra su Giovanni Boldini una delle cinque pi viste in Italia in questi giorni, con oltre 8 mila presenze. E tra un Bucintoro dei Savoia e una serata d'estate nei giardini, la Reggia offre cose sempre diverse: ma volendo restare al classico, cio decidendo di visitare o rivedere "lei" e basta, c' comunque da rifarsi gli occhi.

Chi ricorda com'era ridotto questo luogo una ventina d'anni fa, quando lo usavano come deposito militare e magazzino semi abbandonato, pu pensare al miracolo. E va reso merito a Walter Veltroni, allora ministro della cultura, per l'idea di far rinascere la Reggia di Venaria con i soldi del Lotto. Sembra ieri, invece sono gi dieci anni da quando Torino e l'Italia hanno riacquisito un luogo meraviglioso. Dieci anni di mostre, restauri, crescita, innovazione, dieci anni di visite guidate per i bambini e gli studenti, dieci anni di serate piacevolissime, concerti e spettacoli. Ora, per, guai mollare.

palese che tagliare fondi alla cultura il primo passo per tornare indietro di un secolo, precipitando all'epoca in cui Torino non aveva un turista nemmeno a pagarlo, a parte quelli che guardavano vecchissime mummie dentro un museo quasi decrepito quanto loro, e invece adesso l'Egizio tutto nuovo all'avanguardia nel mondo.

Quant' lontana la citt che, oltre la cinta daziaria, era considerata solo piena di nebbia e automobili, tutt'al pi di ottimi giocatori di pallone. La Torino "fredda" e "chiusa", razzista e inospitale. L'ultimo decennio, che coincide con la rinascita della Reggia e con l'esperienza olimpica, ha visto al contrario affermarsi un'immagine di cultura e turismo da grande metropoli delle idee. Non dovrebbe essere difficile proseguire nella virtuosa scia; ma se si comincia a tagliare contributi e non crederci, se la cultura diventa una delle tante possibilit di cui fare eventualmente a meno, la preistoria di Torino dietro l'angolo. Pu arrivare di brutto, a colpi di clava.


MAURIZIO CROSETTI

m.crosetti@repubblica.it




news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news