LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cittadella di Enisala, un forte genovese nel cuore della Romania
MARCO ANSALDO
21 agosto 2017 LA REPUBBLICA

AVETE sicuramente presente i nostri Forti sulle alture di Genova. Bene, la cittadella di Enisala, situata su una collina calcarea, poteva ospitare fino a 200-300 militari, una guarnigione completa. Pi avanti nel tempo, negli anni 1419-1420, la Dobrogea fu infine conquistata dagli ottomani. Qui ritrovo invece la "mia" Turchia, e il nome di Eraclea muta cos in Enisala, cio "Nuovo villaggio", come tanti dei nomi rimasti in zona, il capoluogo Babadag, la cittadina di Agighiol, il monastero di Celic Dere.

I primi scavi archeologici avviati nel 1939, e quelli continuati negli anni '60 e '70, confermarono la costruzione da parte dei Genovesi. Oggi, anche se restaurata solo parzialmente, la fortezza viene ammirata ogni anno da decine di migliaia di turisti, e risulta il luogo storico pi visitato dell'area dall'Istituto di Ricerche Ecomuseali di Tulcea. Arrivando al termine del mio tragitto nella "romana" Costanza, dove la piazza centrale dedicata al poeta latino Ovidio che qui fu esiliato, sulla passeggiata davanti al vecchio Casin svetta il Farul Genovez, il Faro Genovese, in funzione fino al dicembre 1913. Lo storico Ion Ionescu de la Brad scrive che quando Costanza nel Quattrocento venne conquistata dai Turchi, addirittura un quarto della sua popolazione era di origine genovese.

Sorpresi? Io parecchio. Sappiamo tutti della potenza e della forza della Superba, da Cipro alla Crimea, e che durante il periodo di massima espansione della Repubblica di Genova fra il Duecento e il Quattrocento i nostri avi crearono colonie e porti nel Mar Nero settentrionale e in Bessarabia. Li occupavano, ma mai con la forza, piuttosto acquistandoli dalle popolazioni locali come "concessioni" per scopi commerciali. Ma certo non ti aspetti di sentirne celebrare le vestigia sul muro di un piccolo museo, in una cittadella appollaiata su una rocca di una lontana regione romena quasi al confine con l'Ucraina, e per ti scuote quando da lass capisci quanta porzione di Mar Nero puoi controllare davanti a te. E nulla vale pi che scuotersi dal torpore di un presente sicuramente diverso, forse meno nobile, ma non meno privo di opportunit e proiezioni nel mondo, pur con modalit diverse, come quello che abbiamo davanti nella nostra Genova contemporanea.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news