LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CALCI - Crolla una pietra dalla sommit dell'antico campanile
di Pierluigi Ara
18 agosto 2017 IL TIRRENO

CALCI Preoccupazione per uno dei tesori storici e artistici della Valgraziosa. caduta una pietra dalla sommit della possente torre campanaria di Calci, situata a fianco della famosa pieve romanica. Poteva essere una tragedia se in quel momento fosse passato di l qualcuno, ma per fortuna non andata cos. L'episodio si verificato nel tardo pomeriggio di mercoled e a darne notizia stato il sindaco Massimiliano Ghimenti. Transennata, per motivi di sicurezza, una parte della strada che lambisce il complesso monumentale. Una misura precauzionale resa necessaria dal timore che altre pietre possano venire gi creando pericolo per chi transita. Per fortuna quando si staccata la pietra dal campanile, attorno alle 17. 30 di mercoled, non c'era nessuno altrimenti le conseguenze sarebbero state inimmaginabili commenta Mauro Celandroni, dell'ufficio tecnico del Comune, accorso insieme agli operai e agli addetti della cooperativa del lungo monte pisano. Nessun segno premonitore. Tra i primi a recarsi sul posto il primo cittadino di Calci, informato dal vice parroco don Federico Nassi, a sua volta avvertito dai cittadini. Il sindaco si reso subito conto della situazione e ha provveduto immediatamente ad allertare la protezione civile. Sono stati chiamati i vigili del fuoco. Il proposto don Antonio Cecconi ha seguito con assidua partecipazione il lavoro di verifica dei pompieri arrivati con due mezzi e una squadra coordinata da Sandro Favilla. Con una lunga scala alcuni vigili hanno raggiunto la sommit della torre campanaria, a 30-35 metri, mentre il traffico veicolare stato disciplinato con apposita segnaletica. Una piccola folla si radunata e a chi con comprensibile apprensione chiedeva notizie, il sindaco, anche per sdrammatizzare, con una punta di ironia, ha detto che si stava pensando di eseguire un'opera per trasferire il campanile. un fatto che, inutile nasconderlo, nessuno sottovaluta l'accaduto. giunto tra gli altri l'assessore comunale Giovanni Sandroni, con delega ai lavori pubblici e alla protezione civile. La torre non croller certo - hanno alla fine spiegato i vigili del fuoco al termine della meticolosa ricognizione - non da escludere che altri pezzi possano disgregarsi. Si rende necessario un intervento di restauro o quanto meno di manutenzione. Per questo sono stati indirizzati fonogrammi alla amministrazione comunale alla propositura. Tra le cause del distacco della pietra ci sono alcune ipotesi. Oltre al deterioramento per fattori atmosferici e la vibrazione delle campane, non si esclude l'opera disgregatrice dei piccioni e delle cornacchie che in numero massiccio stazionano sul campanile, ormai da tanti anni. Per la cronaca, il campanile, bellissimo e originale, ha una data di nascita incerta, come fa notare don Antonio Cecconi. Ci sono soprattutto supposizioni ripete il sacerdote. Neppure certo, come si afferma da parte di cultori di storia, che esso sia anteriore alla costruzione della pieve romanica. Insomma non affatto provato che si tratti di una torre di guerra preesistente alla chiesa dedicata a Sant'Ermolao e a San Giovanni Battista. Va da s che l'opera rest incompiuta, come fanno fede anche i diversi materiali impiegati. In basso le caratteristiche pietre verrucane. Di sicuro si sono registrati rifacimenti nel tempo. Le arcate per l'alloggiamento esterno delle campane sono opera relativamente recente, tra la fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo. La prima pietra, in ultima analisi, risalirebbe a qualche anno prima dell'anno 1000. Si fa ammirare, sulla cantonata settentrionale del lato che guarda piazza Cairoli, in prossimit dell'arco della campana di San Giovanni, murata nel cotto una testa marmorea rappresentante Giove Ammone, antichissimo reperto archeologico, probabilmente proveniente dal tempio verrucano di Giove. L'impianto campanario per una sistemazione generale e fu definitiva nel 1812.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news