LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Il vento della cultura pu salvare il mondo
di FRANCO MIRACCO
09 agosto 2017 LA NUOVA VENEZIA



Chi ha scelto l'immagine dell'oculo di Mantegna, con il passaggio di candide nuvole nell'azzurro, per la copertina del recente libro di Salvatore Settis ( "Cieli d'Europa. Cultura, creativit, uguaglianza), Utet editore) ha saputo evocare al meglio il senso di uno smarrimento dovuto a quella sovrastante distanza siderea nella quale, se percepita come immensit, ci si potrebbe anche perdere. Al contrario, da quella chiara luce "pu venire la nostra speranza per un futuro migliore sotto i cieli d'Europa". Cos scrive Settis a chiusura del suo lavoro, con il quale si dimostra che dentro le vele di quei cieli bisogner dapprima farvi soffiare venti talmente floridi da far crescere la cultura, che, non appartenendo pi soltanto ad una speranza, sar "componente vitale dell'economia e della societ, ma anche della democrazia, dell'uguaglianza, della giustizia". L'immagine che avvolge le pagine di un saggio costantemente focalizzato sul "guardare indietro per andare avanti" dunque il famoso oculo con la nuova aria che scende tutt'intorno lungo l'opera "tenue" con cui Mantegna si pone a distanza, nel suo cielo, per meglio attingere la memoria del gran teatro della Camera degli Sposi, creato per essere gi nel nostro futuro. S, l'oculo abissale in cui si stagliano nel cielo putti e fanciulle non altro che l'oculare di un cannocchiale puntato "dal profondo del tempo" e che, impassibile, osserva se sapremo essere consapevoli di "meccanismi pi complessi di comprensione del passato, ma anche delle esperienze presenti, anche delle ipotesi sul futuro".In realt, il libro di Settis, come l'oculo di Mantegna, ha del cannocchiale, che, nell'essere sistemato di continuo per meglio aiutarci a guardare lontano, si fa anche caleidoscopio. Caleidoscopio, perch capace di tradurre quelle sue combinazioni sapienti e creative in riflessioni inattese, ottenute mediante accostamenti o contrapposizioni caleidoscopiche per davvero. Infatti, negli specchi e nei frammenti di vetro di cui si compone il caleidoscopio di Settis appaiono altri tempi e mondi diversi che, nel ricombinarsi tra loro, illuminano le oscurit di una lunghissima storia fatta di terribili violenze, ingiustizie, contraddizioni che vengono rese comprensibili nel momento in cui si ottenuta la "capacit di esplorare criticamente il mondo e se stessi". Ma il complesso tubo ottico di cui si servito l'archeologo e storico dell'arte, fin dalle prime righe del suo saggio, ci sollecita a osservare bene, perch " difficile capire" e potrebbe accaderci quello che accadde alle popolazioni aborigene quando, era il 29 aprile 1770, la nave Endeavour apparve loro nelle acque della Baia della Botanica, oggi dalle parti di Sidney. Come reagirono i nativi di fronte alla nave al cui comando c'era James Cook, master and commander di una spedizione scientifica composta da sapienti di formazione illuminista? Reagirono allo stesso modo di come spesso accade anche a noi di reagire. Scrive Settis: "quando ci sovrasta un evento o un pericolo sconosciuto (...) tendiamo a non vederlo nemmeno". Siamo presi da una forma di cecit, pratichiamo la rimozione, ci illudiamo addirittura di riconoscere quanto ci accade, ma solo un volersi dare una precaria rassicurazione, mentre al contrario occorrerebbe analizzare, capire.A leggere i "Giornali di bordo" di Cook, l'episodio della Baia della Botanica non fu l'unico caso del genere e a testimonianza di ci il grande esploratore pi volte dovette scrivere simili considerazioni: "Siamo riusciti a sapere ben poco sui costumi degli indigeni, perch non siamo mai riusciti a stabilire alcun rapporto". Di qui il non capirsi, il richiudersi in noi stessi pur trovandoci di fronte al "tesoro enigmatico delle "cose" che precedono l'articolazione di ogni discorso" (Settis, che cita Foucault) e di qui, pertanto, la nostra incapacit di interpretare criticamente il mondo in cui viviamo. Conseguente il fulmineo interrogativo di Settis: "Siamo sicuri di intendere non solo per quel che sono, ma per quel che rivelano, le distruzioni internazionali di opere d'arte, l'incuria che affligge i monumenti e i paesaggi, il declino delle citt storiche e il diffondersi dei ghetti urbani?".Colui che per molti anni ha diretto la Scuola Normale Superiore di Pisa corre con sistematica inesorabilit tra le condizioni pi drammatiche del passato e del presente. E lo fa indicandoci la necessit di conquistare un'idea di cultura mai sottomessa, irriverente, aperta, quindi adeguatamente complessa, altrimenti non sapremmo "vedere la nave nemica", non riusciremmo a "fiutare gli indizi della peste" o a "riconoscere le rovine", dato che l'obiettivo sia culturale che politico "rinascere dalle rovine", "guarire dalla peste". Cos da Cook alle spietate intolleranze e devastazioni delle tante iconoclastie, antichissime o proprio adesso ancora in atto, per cui " importante contrastare le distruzioni materiali richiamandoci a valori immateriali". E poi dalla citt in rovina alla polis, mai dimenticando le rovine che ci circondano: "le chiese abbandonate, i centri storici che si svuotano, le coste devastate dal cemento, le autostrade e Tav che invadono i siti archeologici...". Dalla nave Endeavour alla "Peste" di Camus, dal racconto del preveggente Bradbury, che immagina un 2061 in cui si distrugge la Gioconda perch simbolo del fallimento della civilt e allora "odio qualsiasi cosa appartenga al passato", fino allo svuotamento della nozione di "patrimonio culturale".Uno svuotamento che nega "la funzione di inventario della memoria storica collettiva" e che "uccide gli anticorpi alla peste che dovremmo avere in noi". E il risultato che "citt, monumenti, musei vengono pensati sempre meno come luoghi di trasmissione della memoria culturale, e sempre pi come attrattori di folle turistiche". Vedi il Settis di "Se Venezia muore". Dunque, affermare in ogni campo e in ogni luogo e in ogni tempo presente e futuro "il diritto alla cultura". Lo stesso James Cook avvert il bisogno di un cielo in comune sotto il quale aborigeni ed europei avrebbero potuto conoscere e rispettare le rispettive culture. Tanto vero che, quasi volgendosi verso i pensieri del Settis futuro, scrisse: "Noi entriamo nei loro porti, e loro non osano opporsi; proviamo a sbarcare pacificamente, e se ci riesce va tutto liscio, se no sbarchiamo lo stesso e manteniamo il terreno con la superiorit delle armi. In quale altra luce possono dunque vederci all'inizio, se non in quella di invasori del loro paese?"




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news