LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il dilemma delle ruspe Contro gli abusivi pochi sindaci "falchi" e molte "colombe"
ANTONIO FRASCHILLA
11 agosto 2017 LA REPUBBLICA





Lamentano di essere abbandonati dalle istituzioni e lasciati soli di fronte a un muro fatto di 24mila edifici abusivi in gran parte da abbattere. I sindaci siciliani alle prese con le demolizioni per si dividono in tre categorie molto nette: quelli che senza nemmeno attendere le sentenze della magistratura, ma solo in base alle norme amministrative che sanciscono l'abuso, avviano le demolizioni, ad esempio il primo cittadino di Carini Giov Monteleone, chi invece come primo atto ha sospeso le demolizioni, come il sindaco di Palma di Montechiaro Stefano Castellino, e chi infine, di fronte alle migliaia di abusi nella sua citt, prende tempo e non chiama le ruspe, come il sindaco di Gela Domenico Messinese, o come il primo cittadino di Bagheria, Patrizio Cinque, che ha una casa abusiva in attesa di sanatoria e ha finora avviato meno di dieci demolizioni sulle 600 previste da sentenze passate in giudicato. Il risultato complessivo che gli abbattimenti si contano sulle dita di una mano e che i sindaci coraggiosi sono davvero pochi, anzi pochissimi.

Esempi simili a quello di Angelo Cambiamo, sindaco di Licata "sfiduciato" per aver demolito villette abusive, si trovano a fatica. Tra questi c' sicuramente il primo cittadino dem di Carini, Giov Monteleone, che su trenta edifici da abbattere, la gran parte sul lungomare, ne ha demoliti ben dieci e senza alcuna comunicazione del tribunale: No, noi non abbiamo atteso comunicazioni del tribunale una volta accertato l'abuso e la costruzione edificata in area di divieto assoluto, come entro i 150 metri dalla costa dice Monteleone ma i veri problemi sono altri: non abbiamo i fondi per fare le demolizioni, ed essendo tutti in fase di dissesto o pre-dissesto non possiamo accedere ai mutui della Cassa depositi e prestiti. Poi c' un problema di norme: spesso sono i Tar che sospendono in maniera singolare le ordinanze di demolizione, per non parlare della Soprintendenza che non d pareri oppure, in maniera altrettanto singolare, salva immobili sul mare.

A Carini l'ultima villetta sul mare stata abbattuta a fine luglio. E negli altri comuni ad alta densit di abusivismo? A Bagheria il sindaco 5 stelle Patrizio Cinque ha ricevuto due anni fa una nota della procura di Palermo che ricordava le 600 sentenze definite di abusivismo con annessa ordinanza di demolizione. Quanti immobili sono stati abbattuti fino a oggi? Meno di una decina. Nel frattempo il Consiglio comunale ha approvato un contestato regolamento che consente al sindaco di dare un permesso provvisorio di abitazione anche in zone di inedificabilit assoluta se il Comune non ha i fondi in cassa per le demolizioni. Oltre a consentire anche ai parenti di poter rimanere nell'immobile acquisito dal Comune.

A Favara, altro centro amministrato dai 5 stelle, non sono state fatte demolizioni di immobili abusivi in questi anni. Stesso discorso a Gela, eccetto tre beni a rischio crollo, citt amministrata da Domenico Messinese, eletto con i grillini e poi espulso dal Movimento: Noi non abbiamo fatto demolizioni perch prima vogliamo dare ai cittadini chiarezza sulle regole ed evitare discrezionalit nel decidere di abbattere una casa piuttosto che un'altra dice Messinese stiamo collaborando con la procura per evitare l'invio in massa di ordinanze di demolizione, visto che a breve finalmente sar approvato dalla Regione il nostro piano regolatore e abbiamo varato il regolamento per acquisire al Comune i beni che possono essere destinati poi a case popolari. A Gela niente ruspe, insomma.

Rimanendo nell'Agrigentino, a Palma di Montechiaro, dove in passato c'erano state tensioni e minacce agli amministratori, il sindaco neo-eletto, Stefano Castellino, ha sospeso le demolizioni riducendo il capitolo di spesa, mentre il deputato dem Giovanni Panepinto chiedeva di non abbattere le case nel centro storico: Salvare la prima casa dalla demolizione non significa per forza favorire l'abusivismo, ha detto Panepinto. Risultato? Niente ruspe, al momento.

A Castelvetrano, invece, ci sono voluti i commissari prefettizi, dopo lo scioglimento per mafia, per avviare un grande piano di demolizioni a Triscina, la frazione sul mare. una nostra priorit, ha detto il presidente della commissione che amministra la citt, Salvatore Caccamo, che ha ottenuto tre milioni di euro dal fondo di rotazione nazionale. Prima dell'arrivo dei commissari il capitolo di bilancio del Comune era pari a zero. Insomma, ci sono sindaci coraggiosi, altri lo sono molto meno, ma tutti lamentano isolamento e mancanza di fondi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news