LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal David alla Piet - II catalogo dei capolavori feriti. Vittime di folli col martello o semplici bravate
04-AGO-2005 La Repubblica

ROMA Ritornano: d'estate, quando la notte fa troppo caldo per dormire e per strada cercano una via di fuga all'inquietudine, alla noia o anche a niente.

Quelli che danneggiano le opere d'arte, i vandali, si riconoscono sempre - dopo - perle tracce che lasciano nelle cose che fanno.


L'euforia e l'ebbrezza, il disprezzo o la follia che li agita si stampano nelle ferite che lasciano dentro la carne di un patrimonio di tutti.

Ce n' abbastanza da scrivere una storia lunga qualche decennio di gesta per niente memorabili. Come accadde per Laszlo Toth che, a 33 anni entr nella Basilica di San Pietro gridando Sono Ges Cristo e armato di martello sfigur con quindici colpi la Piet di Michelangelo. Grazie alla pazienza dei restauratori il volto della Vergine, nato dalla mano di Michelangelo nel 1555, torn splendido e venne protetto da una teca.

Il tribunale italiano dichiar Toth pazzo, lui spar in Australia.
Poi c' stato il David, la statua pi famosa del mondo la cui bellezza deve aver fatto corto circuito dentro la testa di Pietro Cannata, quasi una star seriale del vandalismo, che ha esordito nel 1991 armato di martello contro il capolavoro di Michelangelo esposto alla Galleria dell'Accademia fiorentina e ha proseguito scagliandosi contro "Le esequie di Santo Stefano" di Filippino Lippi nel duomo di Prato nello stesso anno, e cosi via per un elenco di prodezze fino agli scarabocchi su un dipinto di Jackson Pollock esposto alla Galleria nazionale d'arte moderna di Roma nel 1999. Ora ha quasi sessant'anni, non ha mai rinnegato le sue imprese.

di nuovo agosto quando scoppia il caso della fontana dei Fiumi di Bernini a piazza Navona a Roma. In tre si cimentano in una specie di gara di tuffi, una prova da bulli di fronte alle turi-ste, un momento di delirio da calura. Uno di loro si mette a fare cavalluccio sulla coda del tritone che si disfa in tre part, come fosse gesso.

Ma che volete, ce stavamo solo a diverti', disse alla polizia Sebastiano Intili, 43 anni quell'estate, nel 1997.

Vent'anni prima la statua era stata danneggiata nello stesso punto e quella del Nettuno, sempre sulla piazza, mutilata dal bagno modello Dolce vita di Cicciolina con i suoi fan in campagna elettorale nel 1980.

A seguire, le cronache registrano una serie infinita di attacchi alle cose belle che sono anche simboli di una storia, di una cultura. Come quello contro il portale del duomo di Milano, preso a martellate nel 1998 con conseguente sfregio di due bassorilievi. Lo stesso anno, una bambina in visita con la classe alla mostra dedicata ad Henri Matisse ai Musei Capitolini a Roma scarabocchia e buca con la penna tre tele dell'artista.


Ancora Roma sotto il tiro dei vandali dell'arte, come accadeva periodicamente con le statue del Pincio a Villa Borghese, ora sostituite da copie e con la seicentesca fontana delle Api, simbolo dei Barberihi in fondo a via Veneto, mutilata a pi riprese. Piccoli, grandi sfregi contro un patrimonio troppo vulnerabile anche solo per noia o distrazione.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news