LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL CONDONO DECLASSATO
Roberto Della Seta
06 agosto 2017 LA REPUBBLICA



DOPO tre condoni edilizi generalizzati, gli ultimi due nel 1994 e nel 2003 firmati Berlusconi, nelle prossime settimane potrebbe arrivare dal Parlamento un nuovo regalo al mattone illegale. la cosiddetta "legge Falanga", dal nome del primo proponente (senatore campano del gruppo Ala), gi approvata dal Senato e ora al voto finale della Camera. La norma apparentemente banale, fissa una gerarchia di priorit per gli interventi di demolizione degli immobili abusivi: per primi vanno abbattuti quelli in costruzione, poi gli edifici realizzati in aree demaniali o in zone di pregio paesaggistico o a rischio idrogeologico, dopo ancora quelli in uso a mafiosi e camorristi. In coda alla lista, dunque di fatto messe in salvo, restano le case abusive abitate da chi le ha costruite, e questo il vero punto dolente della "legge Falanga": per la prima volta in una legge dello Stato verrebbe istituzionalizzato il principio dell'abusivismo "di necessit". Ora, chiunque conosca un poco la storia dell'abusivismo edilizio in Italia sa bene che proprio l'abusivismo "di necessit" stato il pretesto con cui si sono giustificate le grandi sanatorie e con cui centinaia di amministratori hanno colpevolmente, spesso dolosamente chiuso gli occhi davanti al fenomeno. Un pretesto largamente infondato, poich abusivismo "di necessit" e abusivismo "speculativo" sono il pi delle volte indistinguibili: cos piuttosto raro che un mafioso o un camorrista conclamati firmino con nome e cognome un abuso edilizio, e invece frequentissimo che i proprietari e formali residenti delle case abusive sorte come funghi in aree ad alta vocazione turistica (un esempio per tutti: Ischia) le affittino a 1000 o 2000 euro a settimana.

La "legge Falanga", malgrado alcune modifiche che ne hanno annacquato l'ispirazione originaria ancora pi "condonista", davvero un "boccone avvelenato". Da una parte non aggiunge nulla alla possibilit che gi hanno magistrati e prefetti di cadenzare l'esecuzione degli ordini di demolizione sulla base di valutazioni di buon senso giuridico e sociale, dall'altra farebbe passare un messaggio dello Stato deleterio: l'abusivismo "di necessit" un peccato veniale, chi costruisce case illegali per se stesso pu sperare legittimamente di cavarsela. Un messaggio non molto lontano da quello trasmesso dai condoni veri e propri, per effetto dei quali almeno un terzo di tutte le costruzioni realizzate negli ultimi decenni nel Sud dell'Italia abusivo e sono stati deturpati irrimediabilmente tratti tra i pi belli del nostro territorio.

In Italia, fino ad oggi, i condoni edilizi li ha voluti e votati quasi sempre la destra, ma la "legge Falanga" stata sostenuta anche dal Pd. Sarebbe bene che i Democratici ci ripensassero: su pochi temi come su questo la logica delle larghe intese nemica dell'interesse generale.

*L'autore presidente di Fondazione Europa Ecologia



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news