LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LE SFIDE DI UNA CAPITALE DELLA CULTURA
GABRIELLA DE MARCO*
05 agosto 2017 la Repubblica


QUALCHE riflessione sollecitata dall'intervento di Roberto Alajmo su Palermo capitale della cultura 2018 pubblicato sul Corriere della sera del 22 luglio, in occasione del recente via libera del Consiglio dei ministri che ha ratificato la designazione, dello scorso gennaio, del capoluogo siciliano. Un'opportunit importante per la citt e per l'Isola, osservava il direttore del Teatro Biondo, che rischia tuttavia, come gi altre volte in passato, di trasformarsi in una formula astratta, di divenire una scatola vuota se non un'ennesima occasione mancata. Una preoccupazione legittima, quella espressa da Alajmo, che condivido e a cui mi allaccio per ulteriori considerazioni.

Sebbene, infatti, sia guardinga nei confronti di quelli che si definiscono come grandi eventi quali, ad esempio, le esposizioni universali, le Olimpiadi e altre manifestazioni simili, perch tenacemente diffidente sulle ragioni che li muovono, ovvero le presunte ricadute economiche sulle citt e sulle nazioni ospitanti, ho accolto con soddisfazione, nei mesi scorsi, la notizia relativa all'elezione della citt come capitale della cultura del 2018. Ci proprio alla luce delle motivazioni che ne hanno indirizzato la scelta.

Mi ha colpito, in particolare, il riconoscimento del progetto definito come originale, di respiro umanitario e fortemente orientato all'inclusione, alla formazione permanente di un senso di creativit e cittadinanza.

Bene ha fatto, dunque, la giuria a voler premiare, anche, la componente etica insita nel progetto palermitano e che sempre pi, mia convinzione, deve orientare la cultura e con essa il bene comune.

Occorre, dunque, per evitare di imbrigliarsi in discussioni poco costruttive, ripartire proprio da quel senso di inclusione e cittadinanza senza il quale, indipendentemente dalla qualit e dal valore scientifico e culturale delle singole proposte, si genera solo autoreferenzialit.

Non quindi soltanto o non pi, considerate le emergenze e non ultime quelle ambientali, una questione inerente l'offerta culturale che, certo, dovr essere originale e corposa, quanto in gioco la capacit di elaborare un progetto che, insistendo sulla centralit del cittadino, sia in grado di scommettere sul futuro di Palermo.

Bene dunque, a riguardo, la coincidenza, in un auspicabile gioco di rimandi, con "Manifesta", ritenuta tra le pi accreditate esposizioni internazionali di arte contemporanea, la cui vocazione nomade centrata, sin dalla nascita, sulla partecipazione della popolazione. Tuttavia, in questi anni sempre pi necessario, proprio in virt di quella centralit cui accennavo, che la cultura, particolarmente quando a farsene carico sono le istituzioni pubbliche, non abdichi al valore etico recuperando, cos, una funzione sociale e comunitaria.

Mi appare perci sempre pi urgente, confortata anche dalle motivazioni alla base della scelta del progetto palermitano e che, opportunamente, insistono sul valore della tutela del patrimonio culturale, la necessit di ragionare, e non in senso astratto, sull'ambiente, sul rapporto natura-cultura, sull'importanza della salvaguardia del territorio, sullo smaltimento dei rifiuti che pu divenire, su modello di altri Paesi europei, momento di progettazione urbanistica, architettonica, artistica e di inclusione sociale.

necessario soffermarsi, dunque, su quell'insieme di aspetti che riguardano il paesaggio, la citt, la campagna, i confini, l'architettura, l'arte, la lingua, l'alimentazione, l'ambiente, l'urbanistica, la botanica, la geologia, il diritto, la salute, l'economia, la storia economica, le tecniche di costruzione e molti altri campi del sapere che probabilmente mi sfuggono e che costantemente, in una sorta di sfida continua, vanno governati dalle istituzioni e impostati mediante il conseguimento di quel delicato equilibrio tra i principi di interesse generale e le regole, se non del singolo, della comunit.

La tutela del territorio, dell'ambiente, del paesaggio non solo un inno alla bellezza della Penisola ma, al di l dei pur importanti aspetti estetici e storiografici, attenzione e salvaguardia della salute del cittadino.

Ci richiede da parte sia degli amministratori sia degli addetti ai lavori quello sguardo dall'alto, quella visione d'insieme, quella capacit di ripensare le categorie interpretative di cui ha scritto di recente Salvatore Settis in "Architettura e democrazia. Paesaggio, citt, diritti civili" (Einaudi, 2017).

Questo proprio perch la salvaguardia della tradizione e non del folclore, la messa in sicurezza del territorio e di chi lo abita, la trasmissione della memoria identitaria sono alla base, in concerto con l'irrinunciabile e avvincente innovazione tecnologica, del diritto alla salute, al lavoro, alla cultura, alla civilt e alla dignit degli spazi. Presupposti ineludibili di ogni democrazia.

*L'autrice ordinario di Storia dell'arte contemporanea all'Universit di Palermo




news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news