LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vignano (SI). Questa casa non un museo
Roberto Barzanti
Corriere Fiorentino 5/8/2017

Villa Brandi era tra i tredici gioielli che il Mibact (Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo) avrebbe voluto affidare in gestione a organizzazioni onlus attive nel settore. Insieme alledificio situato a Siena in localit Vignano, comparivano nella lista del bando alluopo emesso altri due luoghi della Toscana: lEremo di San Leonardo al lago (Monteriggioni) e lAbbazia di Soffena nellaretino. Tutti e tre sono stati ignorati.

Il caso delle Villa snobbata spicca per la sua peculiarit e per come esemplifica un problema delicatissimo. Il senese Cesare Brandi (1906-1988), critico e storico dellarte, teorico del restauro, autore di trattati di estetica ormai classici, voleva in ogni modo che la sua residenza, di probabile disegno peruzziano, diventasse un bene pubblico, da conservare con filologica fedelt nelle sue forme quale intatto documento di una societ e di un gusto. Le pratiche per donarlo allo Stato richiesero una tenacia enorme. In Italia facile rubare, ma quando si tratta di donare, mi creda, gli ostacoli si moltiplicano allinfinito: negli ultimi tempi Brandi si era scoraggiato. Ma non si arrese e con la partecipe collaborazione di Vittorio Brandi Rubiu, figlio adottivo che condivideva generosamente lobiettivo, il Professore titolo che suonava rispettosa ironia riusc alfine del suo nobile intento. La sua era ed una sobria dimora padronale, arricchita da opere darte che la rendono unica. Acquistata dai Brandi nella seconda met del Settecento, labitazione custodisce quadri della storica scuola senese e sculture contemporanee. La donazione includeva tredicimila lettere ed una raccolta fotografica imponente. Nella tinaia allingresso sono ora esposte immagini che illustrano amicizie, passioni e viaggi. E intorno, inseriti con un sorvegliato senso scenografico, spuntano capolavori di Ceroli e Burri, di Leoncillo e Mattiacci, di Guttuso e Manz, di Mastroianni e Morandi.

Membri tutti delleletta schiera di personalit che facevano corona ad un magistero disdegnoso di recinti accademici. Occorre riconoscere che gestire un bene del genere non era e non facile. Brandi era uomo di affetti tenaci e aveva pensato parecchie clausole che si rivelarono complicate. Desiderava, ad esempio, che i contadini che avevano dedicato una cura appassionata alla coltivazione della terra ricompresa nella propriet conservassero lusufrutto. Lattanzio e Bianca erano per lui membri di famiglia. Con fatica si giunse, a furia di limare e precisare, allatto di donazione allo Stato. Destinatarie le Soprintendenze allora erano due che hanno fatto diversi interventi e promosso feconde iniziative.

Il passaggio di Villa Brandi nella schiera della quarantina di siti costitutivi del Polo museale della Toscana diretto da Stefano Casciu avrebbe potuto rivelarsi una svolta positiva e incitare a soluzioni di sistema. Lidea di inserire una costruzione cos caratterizzata e definita tra altre di immediato uso non stata felice. Le opere contemporanee sono state tolte e prese in custodia per evitare furti o deperimenti. La biblioteca stata schedata a dovere. La tipologia entro la quale inserita quella della Casa Museo: un utilizzazione pratica e plausibile di spazi cos obbliganti non impresa a portata di mano. Uno scopo residenziale non pensabile. Lorganizzazione di incontri, seminari o convegni, in accordo magari con lUniversit, non semplice, anche per lubicazione, tanto affascinante quanto impervia. Emerge duole dirlo lerrore di includere realt del genere insieme ad altre assai pi vocate per varie attivit sociali. Per onorare il gesto di civico attaccamento e disinteressato amore compiuto da Cesare Brandi non resta che considerare il bene per quello che : un documento, appunto, del modo di vivere di unaristocrazia che amava la campagna e la sentiva come un osservatorio dal quale sembrasse di non distaccarsi da Siena, dalla citt-madre.

Aggiungere linflazionata parola di museo a quella di casa, che rimanda idee di vissuto quotidiano, di privato immodificabile urta la sensibilit di chi convinto che il criterio base non possa essere che quello di tramandarla come fosse un codice dotato di una compiutezza avversa a qualunque manipolazione. Un libro non scritto, lesemplificato modulo di abitudini scomparse: dinverno si stava in citt, ma appena sbocciava la primavera ci si trasferiva, contenti, nei pressi: Finalmente si sarebbe lasciato Siena, la sua ombra gelida, ha scritto Brandi. Nessuna vista aggiunse pi bella: la citt tutta distesa allorizzonte come il gruppo della Torre del Mangia, del campanile, della cupola del Duomo al mezzo, e attorno tutte case antiche, di un bel rosso mattone e grigie: ai due estremi due monticelli, Montieri e Monte Maggio. Veramente sembra dipinta.

Attrezzarla come un museino-kitsch rimuovendone suppellettili e ammennicoli equivarrebbe a distruggerla. Lo Stato e il Polo che lo incarna in Toscana dovrebbero rassegnarsi a gestirla in prima persona, impegnandovi le risorse necessarie, per organizzarci piccole mostre, mirati seminari, corsi di studio e facendovi circolare laria come ai bei tempi. Del resto questa linea era stata gi avviata, con garbo e rigore. Villa Brandi non i Tatti di Berenson o Villa La Pietra di lord Acton. Ha la misura domestica di un intellettuale che non fece dellarte segno di prestigio o ossessione di collezionismo. E dichiara unaffabile ospitalit anche ora che il padrone se n andato. Conservare costa. Non detto che tutto debba diventare laboratorio di chiss che cosa. O essere concesso a organismi di privati perch lo gestiscano a piacere stravolgendone i profili e uccidendone lanima.



news

22-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news