LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, sfregiato il Nettuno vandalo gli stacca una mano
MARZIO FATUCCHI
04-AGO-2005 La Repubblica, cronaca di Firenze



Ripreso dalle telecamere e tradito dal bancomat che aveva appena usato. Da ieri sera vigilantes in piazza Signoria


FIRENZE — Una bravata di cinquantaquattro secondi e la mano di marmo della statua Nettuno sotto Palazzo Vecchio se ne è andata in frantumi. «Volevo scattare una foto con il cellulare» perché era in uno «stato di euforia», confesserà 10 ore dopo alla polizia municipale il vandalo. Una scalata che però ha provocato il più grande danno che la statua di Bartolomeo Ammannati, in piazza della Signoria dal 1575, abbia mai registrato. Una bravata che ha spez-zato la mano destra, il bastone e la conchiglia della fontana sottostante in 30 frammenti.
Sono le 3,22 di notte quando Claudio Salvadori, 28 anni, di professione cuoco, in giro per il centro con il fratello dopo una serata al pub, decide di scalare la statua, conosciuta a Firenze come il Biancone per il suo candido colore e le sue dimensioni. Si appende alla mano del Nettuno. Il polso — già in parte lesionato dalle infiltrazioni e dal tempo, spiegheranno poi i tecnici della sovrintendenza — si spezza. La mano cade, si frantuma in tre grandi pezzi, il bastone nella mano in quattro parti. Circa 80 chili di marmo che colpiscono il bordo della conchiglia, sbriciolata in 16 grandi pezzi e piccoli frammenti, e poi nella vasca, vuota perché era in corso la pulizia annuale.
Nella vasca cade anche Salvadori. Rimedia una frattura ad un piede, qualche escoriazione ed una denuncia per danneg-giamento aggravato di bene artistico. La pena (da 6 mesi a tre anni di reclusione) quasi certamente perlui,incensurato, non scatterà. Il Comune, annuncia il sindaco Leonardo Domenici, si costituirà parte civile. Salva-
dori viene rintracciato a dieci ore dalla bravata tramite le immagini delle telecamere che sorvegliano piazza della Signoria: 16 occhi puntati su tutti i monumenti della zona, 5 solo sul Biancone. Quando i vigili che controllano il sistema lo hanno visto salire, si sono precipitati fuori da Palazzo Vecchio, ma Salvadori, arrivato in piazza con il fratello maggiore, era già fuggito, claudicante. E nel video la sua faccia e quella del fratello (che ha cercato fino all'ultimo di non farlo salire) non si vedevano. A fornire altri indizi sul vandalo euforico, ci hanno pensato quattro testimoni presenti nella piazza, mentre il nome ed il cognome sono arrivati dal bancomat da cui Salvadori, pochi istanti prima aveva prelevato del denaro. Prima Salvadori ha negato, poi, di fronte all'evidenza dei fatti, ha confessato ai vigili urbani.
«La mano verrà restaurata entro l'anno ma verrà ricollocata sulla statua solo in primavera: resine e mastice speciali per questi tipi di interventi non possono essere utilizzati durante l'inverno» spiegano i tecnici. «È un paradosso che in una città così sorvegliata come la nostra per il rischio terrorismo, sia stato un vandalo della provincia di Firenze a fare un danno così grave. Non possiamo pensare che basti la vigilanza antiterrorismo, ci vuole di più» dice il sindaco Leonardo Domenici, che ieri ha lanciato un appello perché gli alti costi dei restauri e della vigilanza delle città d'arte come Firenze «siano sostenuti anche da altri soggetti, pubblici e privati». Intanto, da ieri notte, di fronte alla statua del Nettuno, ci sono due vigilantes.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news