LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I giardini tornano alla natura
Fulco Pratesi
Corriere della Sera - Roma 5/8/2017

Per limmaginario collettivo un giardino pubblico o una villa storica non sarebbero tali senza un ben curato prato allinglese. Questo anche in un clima, come quello dellItalia mediterranea, in cui generalmente la disponibilit di acqua in estate sempre pi problematica. Linvidia per lerba del vicino sempre pi verde assilla chi vorrebbe sempre poter camminare a piedi nudi nel parco (come nel film del 1967) anche al cospetto di una irreversibile penuria idrica. Cos, dato che questa esigenza diviene sempre pi difficile da assolvere, ho voluto, nel piccolo parco di pubblico di Villa Balestra che conosco da sempre e dove da anni limpianto di annaffiatura abbandonato, esaminare cosa succedeva nella primavera/estate del 2017, considerata la pi torrida da decenni. Dai primi di giugno, su questa inaridita distesa, un tempo verdissima, sono ritornati inaspettatamente i fiori e le piante selvatiche delle nostre campagne, testimoniando dellinvincibile resilienza alla siccit della flora mediterranea. Nelle diverse settimane il prato, una volta che le distese secche di orzo dei topi o forasacco (Hordeum murinum) pericoloso per i cani, sono state tosate, si colorato dei fiori violarosati (mauve per i francesi) delle malve selvatiche, misti, qua e l, ai ciuffi violetti e scarlatti di erba viperina (Echium vulgare) che sopporta egregiamente laridit. Ecco poi le distese delle pratoline perenni dai petali bianchi e rosa amate dai bambini.

Pi avanti nella primavera, ecco i fiori celeste intenso della cicoria selvatica, quelli gialli e lucidi del ranuncolo ( Ranunculus acris ). Le margherite gialle di campo ( Chrysanthemum s p ) spiccavano assieme ai tarassachi pi piccoli e chiari. I papaveri hanno fatto la loro effimera comparsa ai bordi delle aiuole, mentre qua e l spuntavano i ciuffi piumosi della ferula velenosa che, pi avanti nellestate, ai confini del parco, hanno inalberato grandi ombrelle dorate amate dalle api. Nelle giornate pi roventi, quando tutti gli altri fiori se ne erano andati, la steppa polverosa si allietata di piccoli innocenti convolvoli bianchi. E grandi trib di formiche nere hanno creato reti commoventi di percorsi in cui le operaie trasportavano semi e residui vegetali verso le loro citt sotterranee.

Nella steppa gli uccelli approfittavano di questa disponibilit: i passeri mattugi ( Passer montanus ), rari nel Lazio, becchettavano al suolo assieme alla ballerina bianca ( Motacilla alba ) che razzolava in cerca di insetti. Quando le formiche si sono involate nel loro annuale sfarfallamento, rondoni, rondini e balestrucci hanno banchettato felici. Questi spettacoli, assenti nei prati ben irrigati e tosati, ci devono consolare dellabbandono nel quale, per la carenza di acqua e per lassenza cronica di piogge, i prati di molti parchi romani si trovano fino allarrivo delle sospirate piogge autunnali. Se queste, alla fine, arriveranno. Ma sar bello, come nel Kalahari, poter assistere all ricomparsa dei fiori spontanei, pur senza lausilio delle irrorazioni artificiali che con le tremende traversie climatiche che minacciano anche il lago di Bracciano, rischiano di non farsi pi vedere. Gi immagino, dai primi scrosci di pioggia (speriamo non le solite bombe dacqua) il praticello, ormai del tutto rinselvatichito, riprendere forza e colori. Torneranno le pratoline perenni, che non muoiono mai, altri fiori, magari inconsueti, i cui semi sono portati dal vento o dagli uccelli, larrivo di tante rosette di cicoria con qualche fiore e magari le verbene dalle timide infiorescenze celesti e rosa, le linarie autunnali con le corolle a bocca di leone giallo chiaro, forse le borragini e le anagallidi, le camomille gialle e bianche, il verbasco dalle foglie vellutate e tanti altri clandestini vegetali che renderanno vita e colori allarida distesa prativa in attesa della prossima bella stagione.

A febbraio nella siepe che chiude il parco sullo strapiombo che cade su viale Tiziano germoglieranno i primi asparagi selvatici e voleranno le cleopatre arancione le cui crisalidi hanno svernato sui cespugli di alaterno della macchia.

E forse, facendo lieti i frequentatori della Villa e coloro che amano i fiori spontanei, il prato mediterraneo potr esporsi in tutta la sua delicata bellezza senza il ricorso di unannaffiatura sempre pi problematica, dato che, come purtroppo coloro che studiano i cambiamenti climatici preconizzano, nei prossimi anni in Italia centrale il global warming che ci ha assillato questa estate si ripeter con allarmante frequenza.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news