LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SPAGNA-Basta turismo di massa la battaglia dellestate che divide la Spagna
OMERO CIAI
Repubblica, 04/08/2017

Gruppi di anarchici assaltano hotel, pullman e ristoranti A Barcellona gli attacchi pesano sul voto per lindipendenza


IL LORO obiettivo il turismo di massa, non i turisti. Ma le azioni dimostrative di Arran, un gruppo giovanile catalano, indipendentista, anticapitalista, socialista e femminista, cominciano a preoccupare il governo regionale di Barcellona che teme una radicalizzazione violenta del processo secessionista. Basta andare su Twitter allaccount @arran_jovent per scoprire le ultime azioni del collettivo, che si denomina anche Paisos Catalans e agisce dalla Catalagna, a Palma di Maiorca, fino a Valencia. Pochi giorni fa, il 22 luglio, alcune decine di militanti di Arran sono entrati nel porto di Palma, hanno acceso e tirato fuochi dartificio contro un ristorante e lanciato confetti sui commensali, poi sono scesi sulla banchina e hanno preso dassalto alcune barche parcheggiate. Sugli striscioni che avevano portato cera scritto: Il turismo uccide Maiorca. Uno slogan simile utilizzano a Barcellona quando hanno assaltato gli autobus turistici: Il turismo uccide i quartieri. E, nelle ultime settimane, almeno una decina di alberghi hanno subito atti vandalici di protesta, ma dimostrazioni dello stesso tipo si sono svolte anche nei villaggi turistici della costa, soprattutto nellarea di Valencia.
I collettivi di Arran sono i Taliban del catalanismo nati nel 2012 intorno allestrema sinistra indipendentista. Si calcola che siano in tutto circa 500 militanti divisi in una sessantina di assemblee di zona fra Catalogna, la regione valenciana e le Baleari. Qualcuno li identifica - ma loro lo negano come la federazione giovanile della Cup, la formazione anticapitalista che ha ottenuto l8,2% dei voti e dieci seggi alle ultime elezioni regionali catalane nel 2015. La Cup, che vuol dire Candidatura di unit popolare, appoggia il governo regionale ed stata indispensabile per formare lultimo governo, quello di Carles Puigdemont, che ha il solo obiettivo di fare il referendum sullindipendenza il 1 ottobre. Ragione per la quale le azioni di Arran hanno rischiato di scatenare una crisi nel governo locale. Mentre Puigdemont le ha condannate senza reticenze, la presidente del gruppo parlamentare Cup, Mireia Boya, le ha difese. Per Mireia Boya il problema il modello turistico di Barcellona e Ada Colau, la sindaca, che ha rinunciato a esplorare alternative. Boya, la Cup e Arran contestano lespulsione dei cittadini dal centro della capitale dove ormai proliferano soprattutto le case per turisti.
Lo spettro delle azioni di Arran molto ampio. Hanno iniziato occupando una sede cittadina del Partito Popolare, poi nelle piazze hanno bruciato ritratti del re spagnolo, Felipe, perch sono repubblicani e anti monarchici. Come anticapitalisti si sono incatenati davanti alla Borsa valori di Barcellona. Il loro cocktail radicale ora preoccupa soprattutto per gli attacchi al turismo, che in tutta la Spagna una delle grandi risorse del Pil.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news