LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paolo Berdini: "La speculazione ha ucciso le citt, tutta colpa di una politica miope"
di LORENZO D'ALBERGO
01 agosto 2017 LA REPUBBLICA



I nuovi (eco) mostri. Cemento selvaggio e abusi edilizi, viaggio nellItalia degli scempi. Parla l'urbanista


ROMA. Paolo Berdini non usa giri di parole. L'urbanista ed ex assessore della giunta Raggi va dritto al punto e sui numeri dell'abusivismo edilizio non tenta di dissimulare neanche per un istante: "Lasciano di stucco". Durante i suoi mesi in Campidoglio, prima di uscire di scena, ha conosciuto da vicino l'ufficio Condono del Comune di Roma e i suoi faldoni. L'arretrato pesa, eccome: "C'erano 180mila casi da sanare. Alcuni risalgono a 30 anni fa. Ma bisogna fare una differenza tra i piccoli abusi di necessit, quelli che non cambiano il destino urbanistico della citt, e quello di speculazione. Il secondo figlio dell'irrazionalit e della miopia della politica, che non ha saputo o voluto governare la crescita della capitale. Del resto un problema nazionale, mica solo di Roma".

A Roma, per, sono state presentate quasi 600mila istanze di condono. Un numero impressionante...
"Il boom romano si spiega leggendo la dinamica demografica della citt. Tra gli anni '50 e '70 la popolazione cresciuta di mezzo milione ogni 10 anni. La politica rimasta immobile e i proprietari dei terreni all'estrema periferia hanno agito indisturbati. Cos stata uccisa Roma, con un tessuto urbano sfilacciato figlio di una crescita irrazionale".

A giudicare dai numeri, sembra difficile uscirne.
"Andrebbero semplificate le procedure per i piccoli abusi. Chi aggiunge una stanza in pi a casa va condannato dal punto di vista etico e morale, ma a livello burocratico la situazione va risolta. In questo caso non si tratta di interventi in grado di cambiare il volto della citt".

E i grandi abusi?
"Se penso a Roma, penso ad Acilia e alle Terrazze del Presidente. Mille appartamenti completamente abusivi su cui sta indagando la procura. Le vittime? Gli acquirenti, penalizzati anche dalla carenza di infrastrutture e dai disservizi. Loro devono avere una sanatoria".

La magistratura indaga, certo. Ma la politica non poteva evitare lo scempio?
"Insolera (Italo, architetto e urbanista, ndr) non si nascondeva su questo punto. "Paolo, l'urbanistica finita", mi diceva. Si riferiva al Piano Casa berlusconiano del 2009. Con quel provvedimento il legislatore ha dato il via libera al fai da te. Demolizioni, ricostruzioni, ampliamenti...".

E ora il turno delle Regioni.
"Si continua nel solco della deroga a ogni regola urbanistica. Negli ultimi 15 anni, dal condono del 2003 in poi, una parte della filiera del mattone, specie al Centro e al Sud, si data all'abuso sistematico, all'uso di materiali scadenti e tecnologie obsolete".

Tornando a Roma, la citt vive a dir poco un momento di confusione...
"Nel 2016 i romani avevano votato per un'inversione di tendenza, con un'apertura di credito mai vista prima. La citt assetata di trasparenza e la sindaca dovrebbe dare conto alla popolazione delle sue scelte, dall'avvocato Lanzalone alla guida di Acea alla scelta di Rota. Insomma,
ha ragioni da vendere l'assessore al Bilancio Mazzillo nell'affermare che le decisioni importanti si prendono lontano dal Campidoglio, in luoghi segreti e non democratici. Per chi aveva fatto proprio della trasparenza uno dei punti di forza siamo al fallimento pi catastrofico".



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news