LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alberi da abbattere abitanti si ribellano ma l'esperto spiega: "Non si pu evitare"
LAURA MONTANARI
31 luglio 2017 LA REPUBBLICA





SU due sponde opposte: da un lato, parte dei residenti di viale Corsica che difendono la loro strada ombreggiata e verde, dall'altro lato il Comune che ha deciso di abbattere 59 ippocastani. Gli abitanti hanno annunciato una manifestazione per questa mattina alle ore 9 proprio quando in viale Corsica a Firenze appariranno gli addetti ai lavori con le motoseghe. Gli abbattimenti cominciano oggi tanto da che dalle 9 alle 16 ci saranno restringimenti di carreggiata e dal 4 al 10 agosto anche un divieto di transito.

A Palazzo Vecchio sono convinti che quelle piante vadano eliminate perch, dopo i controlli risultato che il loro apparato radicale risulta compromesso con conseguenti danni alla loro stabilit. Da oggi abbattimenti degli alberi anche nei controviali di viale Guidoni, viale Rosselli, viale Strozzi e Porta a Prato. Alla fine di tutte le operazioni di abbattimento e ripiantumazione, il saldo per la citt sar in favore del verde: 802 nuovi alberi - annuncia Palazzo Vecchio - dei quali 282 in sostituzione di altrettante piante in condizioni critiche dal punto di vista statico e fitosanitario, che verranno rimpiazzati con piante scelte per resistere meglio ai cambiamenti climatici.

Non c'entrano i lavori della tramvia o l'apertura di cantieri, conta soltanto la condizione di salute dei singoli alberi. Il 26 ottobre 2016 in viale Corsica era caduto un grosso ippocastano e allora sono scattati i controlli. Gli alberi sono esseri viventi e come tali hanno un ciclo di vita che ad un certo punto finisce spiega il professor Francesco Ferrini, docente di Arboricoltura all'universit di Firenze che ha appena ultimato di scrivere un libro intitolato "Amico albero. Verde urbano: addio mera bellezza, benvenuta consapevolezza", in uscita prossimamente per Ets.

Professore, gruppi di cittadini manifestano contro il taglio degli alberi sono il segnale di un'attenzione nei confronti del verde e della citt, non trova?

Sicuramente. Per bisogna capire come e perch il Comune ha deciso di tagliare quegli alberi: la scelta viene dopo un monitoraggio e proprio per tutelare la sicurezza dei cittadini. Gli ippocastani sono una specie permalosa, sopportano male le potature o gli scavi intorno, non sigillano mai del tutto le ferite, magari restano in piedi, hanno pure belle chiome, ma ingannano perch non hanno pi apparato radicale. Succede anche col frassino o col bagolare.

Chi protesta dice anche che gli alberi che vengono ripiantati dal Comune sono troppo piccoli.

un problema di costi e di possibilit che la pianta possa attecchire. Pi l'albero adulto e pi ci mette tempo ad attecchire .

Dunque non c' via d'uscita?

Firenze una delle poche citt che una un piano sulle alberature e un monitoraggio sulla condizione di salute delle piante. Bisogna rinnovare gradualmente il patrimonio verde garantendo la continuit visiva del viale alberato nel corso del tempo. Iniziare a sostituire oggi gli alberi in condizioni pi critiche importante sul piano della sicurezza delle persone. Le valutazioni che vengono fatte riguardano anche il luogo in cui una pianta si trova: per esempio se affacciata a un viale trafficato o se si trova in un parco.

In viale Corsica metteranno dei peri ornamentali, nel viale del Poggio Imperiale invece sono stati ripiantati dei pini...

Nel viale del Poggio Imperiale c'era un vincolo della soprintendenza, mentre in viale Corsica no e allora si pu scegliere la pianta pi adatta.




news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news