LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fondi Ue, in fumo 124 milioni dalla metro alle strade le opere che sono svanite
CLAUDIO REALE
30 luglio 2017 LA REPUBBLICA

Quando ha presentato il risultato, in una convention organizzata per l'occasione, la vicepresidente della Regione Mariella Lo Bello l'ha definito un miracolo. Non deve pensarla cos la Commissione europea, che ha appena consegnato al Parlamento di Bruxelles un rapporto sul "decommitment" dei fondi europei, cio sui finanziamenti finiti nel cestino per l'incapacit di portare avanti i progetti: dei 172,2 milioni sprecati dall'Italia, oltre 124 milioni sarebbero dovuti arrivare in Sicilia. La stima al ribasso: se certo che la Regione ha dovuto restituire a Bruxelles 116,9 milioni del Fondo europeo di sviluppo regionale e 7,4 milioni del Fondo sociale europeo, una terza voce i 38,4 milioni del Programma operativo interregionale "Attrattori culturali, naturali e turismo" ascrivibile anche a Campania, Puglia e Calabria ed era gestito dal ministero dei Beni culturali.

LE STRADE CHE NON CI SONO L'elenco di opere che si sarebbe potuto finanziare praticamente infinito. Anche perch il Fondo europeo di sviluppo regionale che prevede investimenti di vario genere: dalle strade alle ferrovie, dalla promozione dei beni culturali agli impianti per riciclare i rifiuti e agli acquedotti offriva la possibilit di "redistribuire" la spesa, spostandola da una voce a un'altra. Tanto che adesso la Regione ha utilizzato un altro strumento, i cosiddetti progetti "a cavallo": opere pur presenti nella programmazione europea 2007-2013, ma coperte in parte con altri programmi, anche nazionali, i cui fondi si sarebbero potuti utilizzare per altri interventi. L'elenco molto lungo: ne fanno parte ad esempio il raddoppio della carreggiata sulla strada fra Agrigento e Caltanissetta, finanziata con fondi comunitari per 500 milioni su un miliardo e mezzo, la metropolitana di Catania, coperta per 80 milioni dalla programmazione europea scaduta e per 40 sfruttando la prossima, e il completamento della Siracusa-Gela, che ricorrer per oltre 20 milioni ai fondi Pac. Non solo strade: i 57,3 milioni per l'acquedotto di Montescuro provengono solo per meno di met dal Fesr 2007-2013, la velocizzazione della linea ferroviaria Palermo- Agrigento, coperta dai fondi europei so- lo per 95,5 milioni su 167,5, il passante ferroviario di Palermo e la chiusura dell'anello ferroviario del capoluogo (quest'ultima opera transitata fra i finanziamenti previsti nella prossima programmazione comunitaria). E adesso, all'Europarlamento, i grillini ripartono all'attacco: La Sicilia dice La sede della Ue a Bruxelles l'eurodeputato Ignazio Corrao - dovrebbe utilizzare in maniera puntuale e scientifica le risorse che l'Europa ci mette a disposizione. Tengo sempre a ricordare che i fondi europei non sono soldi che ci piovono dal cielo, ma risorse che tornano sul territorio dalla contribuzione che ogni Stato e Regione d a Bruxelles.

I PROGETTI INUTILI

C' da dire che spulciando in generale l'elenco delle spese finanziate con fondi europei non mancano voci singolari. Ad esempio, fra i progetti finanziati e certificati, finito "l'acquisto di mobili e arredi per l'allestimento di una biblioteca documentale sui fondi strutturali e sulla politica di coesione regionale unitaria" (17.240 euro), la spesa per il "servizio di noleggio pullman con conducente nei giorni 8, 9 e 10 settembre 2014 comprensivo di ticket parcheggio e vitto e alloggio conducente" (2.420 euro), oppure per "il seminario sullo sviluppo delle strategie e delle attivit per la prevenzione del rischio di frodi comunitarie" (7.498 euro). E, ancora, per la "campagna pubblicitaria sulla sicurezza stradale" (3,2 milioni) nella Regione delle strade colabrodo. Spesi poi 29mila euro per "l'affidamento di una indagine demoscopica sulla conoscenza del ruolo dell'Ue quale finanziatore della politica regionale".

IL TRUCCHETTO SALVA-FONDI

Il punto che sarebbe potuta andare peggio. Perch per evitare il "decommitment" la Regione ha fatto ricorso a qualche trucco. Il principale l'uso di progetti che i burocrati chiamano "retrospettivi", cio realizzati con altre programmazioni statali e regionali e adesso "coperti" con i fondi europei: un escamotage, comunque consentito dai regolamenti comunitari, messo in campo per evitare che la cifra da restituire a Bruxelles salisse a dismisura. Certo che a vedere cosa si caricato sui fondi europei c' da rimanere a dir poco perplessi. Qualche esempio? Un maneggio da 1,2 milioni di euro a Santo Stefano Quisquina, un bocciodromo a Erice costato ben 700mila euro, una piscina coperta a Bivona, costata poco meno di due milioni, un campo sportivo da un milione a Casteltermini, una palestra da 1,8 milioni a San Gregorio di Catania e decine di micro-interventi sulle strade provinciali senza alcuna visione complessiva. Il tentativo, per, si infranto su un "niet", almeno parziale, di Bruxelles: Le nuove direttive comunitarie ha chiarito in primavera la Regione ci hanno impedito di inserire fra i progetti "retrospettivi" alcune voci di finanziamento, ad esempio i fondi Pac. Alla fine gli investimenti "di riserva" ammessi ammontano a una cifra inferiore alle previsioni: 742 milioni. Senza i quali la cifra da restituire a Bruxelles avrebbe toccato vette pi alte. E allora s, alla fine quasi un miracolo. Il prezzo, per, la rinuncia a qualche chilometro di strada in pi.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news