LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trovata la tomba del "principe" di Pompei
Antonio Ferrara
26 luglio 2017 la repubblica


Era il manager degli spettacoli dei gladiatori a Pompei, uno degli uomini pi in vista della citt romana. Si chiamava Gneo Alleo Nigidio Maio, era considerato il "principe" della colonia, fu lui che, in occasione della dedica di un grande edificio termale, offr ai suoi concittadini un grandioso spettacolo nell'anfiteatro, coperto per l'occasione da un grosso telone, il velario, con caccia di fiere, giochi atletici e spargimento di profumi.

Ora la sua tomba stata scoperta fuori Porta Stabia, nel corso dei lavori per la ristrutturazione dell'edificio di San Paolino: manca la certezza matematica, perch l'iscrizione funeraria in marmo di 4 metri, la pi lunga epigrafe finora ritrovata a Pompei con ben sette registri narrativi, pur non recando il nome del defunto, ne riporta in maniera dettagliata le tappe fondamentali della vita (acquisizione della toga virile, nozze) e la descrizione delle attivit munifiche che egli svolse offrendo banchetti pubblici, donando soldi, organizzando giochi gladiatori e combattimenti con belve feroci. Un puzzle che si ricompone dopo 150 anni, proprio perch nel costruire l'edificio di San Paolino, a met dell'Ottocento, i Borbone si imbatterono nella serie di tombe che sorgeva fuori Porta Stabia, una delle sette che si aprivano nella cinta muraria. E "decapitarono" una di queste, portando via per uno splendida decorazione su lastre di marmo nella quale sono raffigurate scene di combattimento tra gladiatori.

Un reperto conservato nei depositi del Museo archeologico nazionale di Napoli, spesso esposto in mostre, nel quale su tre fasce sono raffigurate scene di processioni, gladiatori che combattono tra loro o che si scontrano con tori, cinghiali, scontri tra animali, le venationes, tra gli spettacoli pi amati dal pubblico. E che si ricollega alla lunga lapide che il direttore della Soprintendenza Pompei, Massimo Osanna, illustra questa mattina.

Nell'anfiteatro di Pompei, datato al 70 avanti Cristo, il pi antico tra quelli interamente conservati, potevano trovare posto 20mila spettatori. I cittadini entravano gratuitamente esibendo una tessera, i potenti e i politici locali offrivano periodicamente gli spettacoli. E Alleo Nigidio fu certamente uno dei pompeiani pi in vista: "Evviva Maio, principe della colonia" si leggeva su un'iscrizione dipinta letta nell'Ottocento.

La scoperta del monumento funerario resa ancora pi significativa del ritrovamento a Porta Stabia delle tracce ben leggibili del passaggio di una carovana al di sopra dello strato di oltre due metri di lapillo che copriva questa porzione della citt antica, da porsi in relazione con il rinvenimento avvenuto precedentemente e poco lontano, di alcuni scheletri a una quota pi alta rispetto ai piani di frequentazione romani. Un gruppo di fuggiaschi che nella mattinata del 25 agosto del 79 dopo Cristo cerc di lasciare la citt e di raggiungere Stabiae.

La conferma che la citt sepolta continuano a riservare sorprese. Per questo il direttore Osanna ha avviato un nuovo programma di scavi, coinvolgendo universit e istituti di ricerca da tutto il mondo. Obiettivo: ampliare la conoscenza di Pompei. I lavori di adeguamento delle case demaniali di San Paolino sono costati 1,5 milioni di euro e rientrano nel cantiere numero 39 del Grande progetto Pompei da 105 milioni di euro. E per portare avanti gli scavi che a sorpresa hanno gettato luce su un pezzo di storia della citt, Osanna ha impiegato 200mila euro di fondi ordinari della Soprintendenza.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news