LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E se ricominciassimo dalla cultura?
di Clara Sereni
02.08.2005 L'Unit






Ho fra le mani un piccolo libro: ben confezionato, con la copertina rossa, mi ha regalato un po di minuti di franche risate, e qualche riflessione. Il titolo, Studio per non studiare (Polistampa, p. 96, euro 7,00), mi aveva messa in guardia, poi il seme di scrittura che c dentro - non ovvio, per un prodotto di questo tipo - mi ha tirato a leggere.
Come sopravvivere alluniversit un tema che ha variamente interessato ogni generazione: nella mia facolt romana, ad esempio, sopravvivere allesame di latino con Paratore era cosa che metteva in difficolt i pi robusti, e le ragazze di pi.
Per lo scritto cera qualche trucco (i bigliettini infilati nella manica, i Bignami ipertascabili). Per lorale allora, e per un po di anni ancora, la sfida era saperne una pi del docente. Il potere della cultura era indiscusso, e la lotta per il potere tout court passava, appunto, dalla capacit di imparare cos tanto e cos bene da arrivare a strappare il bastone del comando dalle mani di chi lo deteneva. E lo sapevano bene i miei compagni di scuola, sbarcati fra i primi dai piccoli centri della campagna romana o dalle baracche delle Coree nel liceo classico, nei pressi della stazione Termini, che anchio frequentavo: tenacemente, a volte rabbiosamente, fra mille difficolt, sotto lo sguardo supercilioso dei professori si industriavano a strappare alla vita un pezzo del potere che li avrebbe fatti diversi dai loro genitori contadini o operai.

Anche nel libro che ho fra le mani, per fortuna, i suggerimenti riguardano pure il modo migliore per trarre profitto dallo studio, e non solo i trucchi meno ovvii per aggirare lostacolo degli esami e delle prove. Questi ultimi, in ogni caso, hanno la netta prevalenza. Immagino che chi lo ha scritto sia un figlio di pap, uno di quelli che la scuola di Barbiana chiamava Pierino (come uno schiaffo in faccia a don Milani, il Pierino di Alvaro Vitali peraltro la traccia dei fumetti che illustrano i vari capitoli).

Ma temo che potrebbe averlo scritto anche chi Pierino non , un figlio della middle class giunto alle superiori e poi alluniversit in tempi in cui la cultura era ormai assimilata al pezzo di carta, quella cosa che per ragioni occulte bisogna prendere per forza, ma la cui utilit ormai considerata prossima allo zero.
Quando successo che la cultura ha smesso di essere identificata con il potere, quand che diventata un pezzo di carta? Non certo nel 68 e nel periodo immediatamente successivo, quando sapere una parola pi del padrone era imperativo indiscusso e praticato: anche negli esami di gruppo con il trenta politico, che erano straordinarie occasioni di riflessione collettiva e di allargamento di orizzonti.
Credo che la mutazione politico-antropologica sia databile a partire da quando proprio la generazione del '68, pur vincente sul piano del costume, stata sconfitta ed emarginata sul piano della politica e su quello del potere.
Convinta della propria impotenza, la generazione del 77 non a caso rivendicava non pi la presa della Bastiglia ma il diritto alla felicit, mentre il terrorismo ammutoliva ogni residuo linguaggio politico. Poi il riflusso degli anni Ottanta, e tutto quel che venuto poi, hanno fatto il resto. E, insieme alla cultura, si perso il senso della continuit, della storia della cultura. Liberi da rimorsi di coscienza, in molti si sono accontentati di essere ignoranti, nel senso proprio di ignorare. Capita cos oggi, per esempio ad un tavola rotonda su cinema e letteratura, di sentir dire da giovani quanto sperimentati addetti ai lavori che il cinema niente debba alla letteratura: come se larte del narrare fosse stata inventata adesso, e come se fosse una colpa rivendicare alluno le radici nellaltra. E capita anche di vedere il buio negli occhi dellinterlocutore a nominare Croce, e constatare che il buio non si dirada specificando timidamente nel senso di Benedetto. Capita anche di vedere accolte con stupore affermazioni scontate per chi abbia a mente labc della storia della letteratura e del pensiero. Capita - a me capitato - di arrabbiarsi molto, e poi essere presi da un grande senso di sconforto: per tutto quello che non si riesce pi a condividere, per tutto quello che a qualcuno pareva ovvio e che per qualcun altro ormai fuori dallo scibile umano.
Faccio queste sconfortate riflessioni, e penso alla scrittura del programma del centrosinistra, di cui cultura e informazione non potranno che essere temi cardine. Se il potere della cultura stato sostituito dal potere dellimmagine; se la televisione (ma anche il cinema, luno e laltra con qualche lodevole eccezione) ha devastato il panorama dei saperi; se solo nella scuola dellinfanzia restano residui di esperienze alte, mentre dalle medie al post-laurea tutto ormai affidato al caso e alla fortuna: se tutto questo vero come vero, il governo che - speriamo - verr dovr affrontare una ricostruzione che parta ab imis, a fundamentis, come dicevamo ai tempi di Paratore.
Gli Enti locali si sono gi mossi con successo nella direzione di rendere fruibili per molti non solo i concerti rock, ma anche prodotti pi sofisticati, educativi a pieno titolo: penso al Don Giovanni di Mozart a piazza del Popolo e al Festival delle Letterature di Roma, al Festival Letteratura di Mantova, alle tante proiezioni di film di qualit nelle piazze di tutta Italia, ai concerti di musica classica e sinfonica messi a disposizione da molti Conservatori.
Ma il mondo della cultura in grado di fornire indicazioni in questa direzione? capace di assumersi la responsabilit di una proposta, e non soltanto di richieste e lamentele? Oppure la miseria delle risorse finanziarie, e i circoli sempre pi ristretti (spesso monadi) in cui ci si rinchiusi sempre pi negli anni rendono difficile fino allimpossibilit che emergano ipotesi di lavoro coerenti ed efficaci? Siamo capaci di ri-pensare la cultura, uscendo dalla morsa prodotti di autore e di nicchia/prodotti di massa scadenti, con poche eccezioni che non fanno la regola, che ci attanaglia da molti anni? E i partiti, sono capaci i partiti di tornare ad ascoltare pur criticamente gli intellettuali, invece di liberarsene come da fastidiose mosche cocchiere?
Per tornare a mescolare fecondamente cultura alta e cultura bassa occorre ritrovare la capacit di pensare non solo in grande, ma anche in largo. Non parlare solo delle leggi per leditoria o del conflitto di interessi, del Fondo unico per lo spettacolo o delle risorse per la scuola, o di altri elementi settoriali tutti necessari e nessuno sufficiente: bisogna ricominciare a pensare il mondo tutto intero, dallurbanistica delle periferie urbane produttrici di disagio anche culturale, alla questione della sicurezza, alle possibilit che possiamo conquistare di vivere bene, cio realmente in salute.
Tante connessioni, tante correlazioni, tante contraddizioni per pensare il nuovo. Il nuovo nella cultura, che poi il nuovo senza aggettivi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news