LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCOPERTE: L'antica Tergeste riaffiora dalle acque
di Pietro Spirito
IL PICCOLO 03-AGO-2005



ARCHEOLOGIA Nuove scoperte davanti a Punta Sottile grazie alla collaborazione fra ricercatori italiani e sloveni

Vestigio, della citt romana sul mare risalenti a duemila anni fa

TRIESTE ra il primo e il secondo secolo dopo Cristo una ricca e vivace microeconomia traeva dal mare il suo sostentamento. Lungo tutta la costa triestina e pi in l, verso Pirano, esistevano molti insediamenti residenziali e produttivi, con un retroterra brulicante di attivit agricole e manifatturiere, ville marittime che, grazie alle vicinanze delle vie d'acqua, praticavano l'itticoltura con la produzione di salse e conserve di pesce, alimentavano piccoli centri di artigianato tessile mentre dai loro moli salpavano e arrivavano navi cariche di legname, sgombri e sardine in salamoia, olio e tessuti. Lungo l'intero arco costiero si sviluppava una navigazione di cabotaggio che dal litorale triestino andava fino alle coste istriane e dalmate. Il traffico marittimo locale -di gran lunga preferito a quello terrestre per i costi minori nonostante i pericoli e i difficili periodi invernali - andava dai centri produttivi alle colonie, e da l ai maggiori centri di redistribuzione come Aquileia. A farla breve la citt romana dipendeva dal mare e del mare viveva, con un fermento di vita e di traffici che oggi possiamo finalmente cominciare a ricostruire grazie ai risultati della prima campagna di ricerche archeologiche subacquee mai realizzata a Trieste.
Nelle scorse settimane, nell'ambito del Progetto Interreg III A Italia-Slove-nia dedicato ai siti costieri dell'alto arco adriatico: indagini topografiche a terra e a mare e realizzato dal Dipartimento di Scienze dell'antichit della no
stra Universit diretto da Monika Verzar Bass in collaborazione con il Museo del mare e l'Istituto per la tutela dei beni culturali di Pirano, una squadra di archeologi subacquei coordinati da Rita Auriemma, docente di Archeologia subacquea, coadiuvata dall'archeologo Dario Gaddi, ha effettuato le prime ricerche a Muggia, indagando nel dettaglio quanto gi conosciuto e facendo non poche nuove scoperte. Le operazioni, condotte di concerto con la sopraintenden-te archeologica Franca Maselli Scotti, hanno consentito la pulizia e il rilievo di due porticcioli sommersi, uno lungo il costone sud-occidentale di Punta Sottile (noto gi dagli anni Ottanta), l'altro nel settore settentrionale, sempre di Punta Sottile (struttura solo recentemente individuata da Stavros Frenopoulos della Societ di studi Net-tuno). Successivamente stato aperto un cantiere archeosub anche a Stramare, con la pulizia e il rilievo di tutte le strutture visibili.
Ma stato il primo molo di Punta Sottile a dare le maggiori soddisfazioni: nel corso delle ricerche sono stati rinvenuti alcuni reperti, tra cui frammenti di anfore di produzione istriana per il trasporto dell'olio, ceramica fine da mensa proveniente dalle officine dell'Italia settentrionale, pentole e olle, il tutto risalente al I secolo d.C. Si tratta dei primi reperti di epoca romana scoperti durante ricerche attuate con le tecniche moderne dell'archeologia subacquea nella provincia di Trieste. Le segnalazioni sulla Tergeste sommersa infatti sono numerose e risalgono anche ai primi del Novecento, ma mai prima erano state esplorate in modo scientifico e sistematico con una campagna mirata. Che a Trieste, per altro, segna la prima tappa verso la creazione di un Centro di formazione per l'archeologia subacquea.
E i resti romani studiati a Muggia sono solo una parte dell'antica citt sommersa: gli archeologi subacquei adesso dovranno esplorare ancora i fondali delle Foci del Timavo, di Sistiana, di Canovella de: Zoppoli, Santa Croce, Gri-gnano, Cedas, Barcola, Broletto. Senza contare tutta la costa slovena, da Ancarano a San Simone a Sicciole.
Cos, poco alla volta dal fondo del mare torna alla luce una parte di Tergeste, scomparsa quando il mare si alzato di alcuni metri coprendo la costa e i suoi insediamenti. La prima struttura studiata a Punta Sottile - spiega Rita Auriemma - si trova attualmente ad un centinaio di metri dalla costa; il molo vero e proprio, lungo, alla radice, undici metri e largo due e mezzo circa, spicca da una platea costituita da blocchi giustapposti, che doveva costituire
la banchinatura della linea di riva antica. La tecnica edilizia, dice ancora Parcheologa, quella tipica della strutture di approdo dell'Adriatico orientale: paramenti in opera quadrata in grossi blocchi parallelepipedi di arenaria contengono un nucleo di materiale vario, talora collegato da blocchi trasversali; sono conservati due filari, messi in opera su una gettata di livellamento, pietre e cocci usati per uniformare il banco di areniti che presenta alcune e difformit.
qui che nel corso della pulizia per realizzare una sezione longitudinale della struttura sono stati trovati i reperti: Frammenti di anfore di produzione istriana, adibite al trasporto di olio, ceramica fine, da mensa (sigillata), delle officine dell'Italia settentrionale, ceramica da fuoco.
Inoltre la struttura, come le altre analoghe lungo la costa altoadriatica, secondo gli archeologi si rivela utile rilevatore dell'evoluzione geomorfologica del profilo costiero, delle variazioni, cio, del livello del mare. All'epoca della costruzione il livello della battigia - spiega ancora Rita Auriemma - doveva essere almeno un metro e mezzo pi basso dell'attuale (il moiette doveva emergere almeno di 30 - 40 cm).
Nei primi anni '80, inoltre, Carlo Vasari segnal materiali romani nell'area elevata immediatamente prospiciente questo tratto di costa: c'erano anfore, embrici, e un frammento con sigillo. Rinvenimenti precedenti avevano interessato sepolture, sempre di et romana. quindi probabile che l vi fosse una villa, e il piccolo molo doveva essere parte integrante della residenza.
L'altro molo - o forse era uno squero - recentemente scoperto a Nord di Punta Sottile si trova a meno di cinquanta metri dalla linea di costa. rettangolare, largo circa due metri e mezzo e lungo pi di quindici. La struttura a circa due metri di profondit.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news