LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SCOPERTE: Archeologia: Ascoli Satriano - La villa del IV secolo emersa dagli scavi
Giacomo Annlbaldis
03-AGO-2005 Gazzetta del Mezzogiorno


La «dolce vita» del senatore predone di marmi


Le ricerche dell'equipe diretta
da Giuliano Volpe riportano alla luce
le terme private e il salone dei banchetti
di una residenza «hollywoodiana».

Ma chi era il padrone di casa?

La scoperta di lastre con diverse epigrafi riusate nella costruzione confonde le tracce

Ma chi era quel ricco sfondato e alquanto senza scrupoli - che volle costruirsi una lussuosa villa presso Ascoli Satriano, l'antico Ausculum?
Nel IV Secolo dopo Cristo questo proprietario romano riedifica la sua «domus» sulle fondamenta di una villa precedente di epoca imperiale (I secolo), la dota di una salone estivo da pranzo, la cosiddetta «cenatio», di inusitato sfarzo, con bassa piscina che lascia intravedere «tappe-tini» di marmi mischi, insieme a lamine di avorio e d'oro; l'arricchisce inoltre di un centro benessere ad uso privato, grandi terme decorate con raffinati pavimenti mosaicali e con pareti ricoperte di marmi pregiati, in cui ospitare amici e notabili di rango, di passaggio dall'Apulia verso Roma o verso Costantinopoli.
Questa è la visione hollywoodiana che appare a chi visiti gli scavi in località di Faragola, alle pendici di Ascoli Satriano (Foggia).
Le indagini sul sito, condotte dall'equipe di Giuliano Volpe, docente all'Università di Foggia, sono arrivate al terzo anno; e ogni campagna di scavo ha riservato nuove sorprese. Anzi ogni giorno emergono dalla terra strutture e reperti che raccontano unfrustulo di storia di quel territorio. Ancora ieri, mentre il prof. Volpe illustrava gli scavi, riaffioravano dalla terra servizi di calici in vetro impilati uno nell'altro, o spilloni in osso dimenticati da una matrona o da una schiava nelle saune delle terme.
Chi era dunque il «trimalcione» proprietario della villa?
Fino allo scorso anno, lo sfarzoso edificio di Ascoli veniva attribuito a un componente della gens dei Corneli Scipioni Orfiti:: in base a una lapide, la cui epigrafe, pur frammentaria, riporta un attestato onorario di uno dei suoi componenti. Vi si fa riferimento alla carica di legato provinciale e a quella, molto più importante, di proconsole d'Africa attribuita al padre del dedicatario: insomma, u-na targa di attestata nobiltà, che forse veniva esibita dai pa
droni di casa in sala da pranzo.
D'altronde i Corneli Scipioni Orfiti costituivano una nota famiglia senatoria, la cui presenza nel territorio antico di Ascoli era già documentata grazie ad altre due iscrizioni (una è stata riutilizzata nel campanile del paese). Possedevano proprietà nella Daunia, nel Brindisino, nel Sannio dal II secolo dopo Cristo; e due secoli dopo il grande Simmaco parla di loro nel suo epistolario.
Tuttavia questa identificazione oggi vacilla un po'. Anche perché negli ultimi scavi, in una stanza delle terme pavimentata con grandi lastroni di marmo, sono emerse altre i-scrizioni dedicate a questo e a quello. Due si riferiscono a un Graecidius, un funzionario di età severiana conosciuto anche a Canosa, che ci tiene a esibire la sua folgorante carriera militare nelle campagne belgi-che, ma che il proprietario di Ascoli utilizza per foderare la sua fogna!
Il sospetto dunque è che il ricco signore ascolano non abbia avuto scrupoli a «rapinare» il territorio circostante di tutto ciò che potesse essere reimpiegato con finezza nella sua «domus»: dai rilievi marmorei per adornare la stanza da pranzo (il «clipeo» raffigurante la menade in trance davanti alla cista sacra, il cesto mistico custodito da un serpente), alle lapidi marmoree onorarie e funebri riusate come pavimento, naturalmente dalla parte non iscritta.
Ed è questa una delle grandi sorprese della villa di Ascoli: sotto quei lastroni si nascondono testimonianze storiche dì personaggi, di cariche amministrative, di piccoli eventi quotidiani che arricchiranno di molto la storia della Daunia tardo-antica. Grazie al cinismo predatorio di quel ricco «parvenu».
Gli scavi dunque procedono e mettono in luce le varie piscine in cui i signori di Ascoli con i loro amici amavano immergersi e rimanere seduti a conversare e a rilassarsi: quella con l'acqua calda alimentata da una retrostante fornace, e quella tiepida; o una più piccola che sembra appunto edificata per i bambini; ovvero la vasca più importante, foderata da marmi, adibita appunto alle immersioni in acqua fredda. Dalla terra riaffiorano frammenti di bianche statue marmoree raffiguranti divinità come Èrcole, che dovevano abbellire le ferme in nicchie apposite. Più in là, ma non ancora del tutto investigate ci sono le fornaci per forgiare mattoni, tegole e vasellame ceramico ad uso interno della villa-azienda, ma anche per una possibile rivendita nel territorio.
E mentre appaiono strutture che fanno pensare a uno sviluppo signorile delle abitazioni (dai vari corridoi a un accenno di scalinata), gli archeologi si interrogano su ciò che è già emerso. La novità più eclatante è aver compreso la funzione dell'abside nella vasta stanza da pranzo estiva, la «cenatio»: quello che sembrava un ninfeo per i giochi d'acqua si è rivelato invece uno «stibadium», e cioè una sorta di mensa semicircolare in muratura intorno alla quale venivano distesi, come spicchi di arancio, i triclini dei pochi commensali. È praticamente uno dei tre «stibadia» conosciuti finora nel mondo (gli altri sono a Roma e in Spagna). Questa struttura simposiale e-rapropria dell'età tardo-antica e sopravvivrà nell'immaginario artistico nelle «Ultime cene» raffigurate negli affreschi e nei mosaici bizantini, come quello di S. Apollinare a Ravenna, con la rigida disposizione di scelti commensali (da cinque a sette) che prevedeva il primo posto a sinistra riservato al padrone.
L'archeologia ad Ascoli fotografa, finora, l'ozio dei nobili proprietari romani del IV secolo, che si rifugiavano in campagna per meditare, rilassarsi, studiare, tramare. Roma era stata da poco esautorata della sua centralità a favore di Costantinopoli, la nuova capitale che, sede della corte e dell'amministrazione imperiale, aveva attratto a sé tutte le risorse. Non escluso il frumento africano. Il Tavoliere e-ra assurto dunque al ruolo dì granaio di Roma eAusculum divenne un rilevante centro di scambi, appunto nel IV secolo.
Ma durò poco, a quanto pare. La decadenza - in base ai dati archeologici finora riscontrati - va datata nel VI secolo. Una crisi economica irreversibile? La conseguenza delle guerre greco-gotiche? Fatto sta che tra VI e VII secolo la campagna della Daunia subisce una trasformazione e un immiserimento, che conduce all'inevitabile inurbamento sulle alture. Un addio alla «dolce vita».
Sul crollo della fastosa villa -sorta su una precedente di età imperiale, che a sua volta sorse su un insediamento daunio (un pavimento a lische di ciottoli ne è un indizio) - si insediarono alla fine pastori o miseri agricoltori. Edificarono le loro povere dimore, ficcando nei detriti di crollo i pali delle capanne; costruirono una sorta di aia con coppi d'argilla per il trattamento del grano o della lana; bucarono i pavimenti sottostanti per seppellire i loro morti.
Ma per fortuna non scalfirono del tutto il ricordo di quei momenti di grazia e di floridezza di una villa dell'antico Ausculum, affacciata sulla valle del Carapelle. E che - a nostro avviso - riserva ancora altre sorprese.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news