LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALVIAMO IL MUSEO NAZIONALE DARTE ORIENTALE DI PALAZZO BRANCACCIO DALLA CHIUSURA!

Ancora una volta il Governo italiano penalizza la cultura e larte perpetrando lennesimo delitto ai danni del patrimonio artistico del Paese.

Infatti, il Ministero dei Beni Culturali vuole chiudere il Museo Nazionale d'Arte Orientale istituito nel 1957 nella sede - situata nel cuore della citt di Roma - di Palazzo Brancaccio, che custodisce la pi importante raccolta di arte orientale italiana. Negli anni 90 i lavori per la messa a norma dell'edificio, che sono costati circa 2 miliardi, hanno riportato alla luce affreschi e arredi occultati nel tempo e hanno visto il recupero architettonico del palazzo, "bene monumentale" esso stesso e cornice ideale per la collezione orientale.

I circa 4o.ooo oggetti ivi conservati provengono da un'area vastissima che si estende dall'India al Giappone dalla Cina alla Corea, beni di importanza eccezionale nell'ambito nazionale ed europeo sia per il numero che per la qualit e variet delle opere a cui recentemente si sono aggiunti preziosi reperti provenienti dal Tibet e dal Nepal di inestimabile valore. Nel complesso si tratta di una collezione essenzialmente archeologica che abbraccia un arco di tempo che va dal III millennio a.c. ad oggi: statue di Buddha, Bodhisattva, rilievi dellarte del Gandhara con gli episodi della vita del Maestro Tali beni sono strettamente connessi alla storia della ricerca scientifica italiana in Asia nonch alla vita e all'opera di Giuseppe Tucci (1894-1984) l'insigne orientalista noto a livello internazionale i cui eredi hanno donato al Museo lintera collezione.

Il Ministero dei Beni Culturali (MIbact) invece di promuovere questo patrimonio - che potrebbe essere, se ben gestito e valorizzato, grande fonte di reddito per lItalia e gli italiani - ha deciso di spostare il Museo dalla sua sede originaria nel cuore del quartiere Esquilino negli spazi inevitabilmente ristretti di altre strutture allEUR, collocando solo una minima parte della collezione e quindi smembrandola definitivamente.

In qualsiasi altra Nazione questo patrimonio unico sarebbe tutelato e adeguatamente valorizzato con grossi rientri economici, mentre lo Stato Italiano sceglie di non adoperarsi al tal fine, malgrado abbia un numero sproporzionato di dirigenti tra i meglio retribuiti in Europa (basti pensare che un Dirigente di prima fascia percepisce uno stipendio quasi pari a quello del Presidente della Repubblica).

Condividi questo appello per evitare lennesimo atto perpetrato contro il patrimonio artistico e culturale del Paese!
Questa petizione sar consegnata a:

Ministro dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo
Dario Franceschini

https://www.change.org/p/dariofrance-salviamo-il-museo-nazionale-d-arte-orientale-di-palazzo-brancaccio-dalla-chiusura?recruiter=58355989&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive&utm_term=petition_signer_receipt


news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news