LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II belpaese punta su arte e paesaggio per uscire dalla crisi
30-07-2005, Europa



APPROVATA IN PRIMA LETTURA ALLA CAMERA UNA PROPOSTA PER LA VALORIZZAZIONE DELL'ITALIA DEI CENTRI MINORI

MARCO INNOCENTE FURINA
I borghi liguri sospesi tra cielo e mare, i presepi d'Abruzzo persi fra i monti delIAppennino, le suggestioni normanne e arabe dei centri marini del sud, i gioielli medioevali incastonati fra gli ulivi della Toscana e dell Umbria, le fantasie barocche di Sicilia e di Puglia, i paesi "etruschi" stretti sulla loro fragile base di tufo in Tuscia.

un universo da scoprire l'Italia dei centri minori.

Un grande patrimonio d'arte e bellezza non ancora conosciuto come meriterebbe. Soprattutto una risorsa da valorizzare per rilanciare il turismo e l'economia del nostro paese.

Sono questi gli obiettivi cui mira il ddl per il recupero e la valorizzazione dei centri storici presentato da tutto il gruppo della Margherita lo scorso dicembre.

Il testo ha raccolto lapprezzamento di tutte le forze politiche e, lo scorso 21 luglio, stato approvato, praticamente allunanimit, in prima lettura alla camera dei deputati.


La proposta di legge prevede la creazione, presso il ministero delleconomia, di un fondo nazionale per la riqualificazione dei centri storici a cui sono assegnati 75 milioni di euro da spendere in tre anni, un terzo dei quali riservati ai centri fino a cinquemila abitanti.
Dallo stanziamento sono comunque escluse le aree metropolitane e i capoluoghi.

Questo un provvedimento innovativo, dice Tino Iannuzzi, dirigente nazionale per le infrastrutture della Margherita e primo firmatario della proposta di legge.

Per la prima volta non si prevede un intervento a pioggia, assistenziale. I comuni spiega il deputato di - dovranno prima individuare, all'interno dei centri storici, aree di particolare pregio storico-artistico da riqualificare. E successivamente, potranno accedere ai finanziamenti previsti dalla legge, solo presentando un progetto di intervento di riqualificazione che preveda la partecipazione anche dei privati. Vogliamo stimolare la creativit e le capacit dette amministrazioni locali favorendo l'incontro pubblico-privato oramai sempre pi strategico. E per convincere i privati a investire bisogner presentare dei progetti necessariamente convincenti. Non deve essere l'ennesima elemosina, sottolinea Iannuzzi.
Dal canto loro i privati saranno incentivati a impegnarsi economicamente. Grazie a una norma che risale al governo Prodi, potranno detrarre fino al 36 % dellIrpef sulle spese sostenute. La proposta, dunque, mira a rafforzare quel circuito basato sulle eccellenze, le risorse e i talenti italiani: il paesaggio, l'arte, lenogastronomia, lartigianato, i prodotti tipici. In breve: la qualit della vita che rende unico il nostro paese. Un patrimonio difficilmente insidiabile anche nellepoca della globalizzazione.

Questa proposta non un episodio isolato - prosegue Iannuzzi - ma vuole essere un tassello di una politica generale di salvaguardia e rilancio delle nostre peculiarit vincenti e della creazione di un sistema-paese orgoglioso e cosciente dei propri punti di forza. In questa direzione si inserisce l'attribuzione della denominazione di "borgo antico d'Italia" per quei comuni sotto i cinquemila abitanti che accedono al finanziamento.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news