LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, per rilanciare il ruolo di Brera poca arte e molta mondanit
di Manlio Lilli
Il Fatto Quotidiano | 23 giugno 2017




Il contropeso estivo alla prima della Scala. James Bradburne, direttore generale della Pinacoteca di Brera, lo aveva annunciato agli inizi di giugno. Il Ballo di Brera, nel cortile della struttura museale, sarebbe stato tuttaltro che un esperimento, ma il numero zero di un evento che diventer tradizionale.

E cos il 21 giugno andato in scena il ballo che il direttore vorrebbe trasformare nellevento mondano di punta delle estati milanesi. I mille ospiti, abilmente selezionati, hanno invaso il cortile della Pinacoteca. Per questa occasione nessun biglietto ingresso. Di questo se ne parler il prossimo anno. Il programma della serata, straordinario per certi versi. La collaborazione tra la Pinacoteca di Brera e la rivista Gioia ha funzionato, sotto questo aspetto. In apertura 50 ballerini del corpo di ballo DanceHaus si sono esibiti sulle note del film pluripremiato agli Oscar La La Land. Al termine della performance, tutti a ballare sulla musica di un djset per festeggiare il solstizio destate. Cerano personaggi del mondo della moda e dello spettacolo, dalla stilista Raffaella Curiel, alle attrici Giulia Bevilacqua e Isabella Ragonese. Non potevano mancare le figure istituzionali. Le loro foto e quelle di un Bradburne entusiasta hanno immortalato levento.

Bradburne e Philippe Daverio ne avevano parlato tempo fa. Serviva unoccasione per rilanciare il ruolo di Brera nella citt di Milano. Ed ecco dunque lidea del ballo. Unidea della quale non dubitare. Ma questa certezza, vacilla a ben guardare. Il direttore, uno dei venti manager nominati dal ministro Franceschini nellagosto 2015, aveva assicurato che a Brera ci sarebbe stata la rivoluzione. E cos stato, finora. Senzaltro per quel che riguarda la commercializzazione di alcuni suoi spazi. La Pinacoteca, anzi Bradburne, ha deciso di aprire le porte anche a eventi mondani, sfilate di moda in primis. Ben inteso, non che prima non accadesse, ma la frequenza con la quale il direttore ha deciso che si verifichi senzaltro maggiore rispetto al passato.

La circostanza pu non essere condivisibile, per diverse ragioni, ma almeno ha portato introiti. Si trattava di affitti di spazi e come tali hanno prodotto degli utili (anche se sostengono i pi critici, inferiori alle perdite). Non questo il caso. Per il ballo di Brera non si trattato di un affitto, dal momento che la stessa Pinacoteca ad averlo organizzato. Anzi, per essere pi precisi stato James Badburne a deciderne la realizzazione. Insomma, sembra che il direttore si comporti come se la la Pinacoteca fosse di sua propriet. Il suo Palazzo, da aprire per le feste.

Che il ballo sia il tentativo di far dimenticare i danni causati ad alcune tele esposte da problemi al sistema microclimatico esistente nelle sale? Problemi peraltro noti anche nei mesi precedenti, senza che si provvedesse in alcun modo a sanare le criticit. Che lultimo evento mondano sia lespediente per provare a mettere in ombra la mancanza di unidea e un progetto di allestimento della Pinacoteca. Se fosse cos Bradburne avrebbe davvero sbagliato. Le Pinacoteche, vero, devono essere spazi vitali. Luoghi di condivisione e non soltanto di muta ammirazione. Ma la convinzione che ci si possa verificare soltanto utilizzando quegli spazi come cornice di eventi, un nonsense. Forse vantaggioso economicamente, ma assolutamente errato dal punto di vista metodologico. Delittuoso dal punto di vista scientifico.

Bradburne I, duca di Milano, prima o poi capir che c una grande differenza fra dirigere e amministrare una grande Pinacoteca. Che il cortile non un dehors nel quale sistemare tavoli e ombrelloni. Imperante Franceschini, non rimane che sperare in un ravvedimento.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news