LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scoperto a Pisogne un nuovo Romanino
Vincenzo Gheroldi*
Corriere della Sera - Brescia 25/6/2017

* Vincenzo Gheroldi della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le province di Brescia e Bergamo

Nel presbiterio della chiesa della casa di riposo a Pisogne, dove un tempo cera il portico sud di S. Maria della Neve stato scoperto un affresco del Romanino.

Scoperta o recupero? Spesso gli storici dellarte definiscono scoperte i loro rinvenimenti, per evocare laspetto sensazionale del ritrovamento fortuito. Tuttavia buona parte delle testimonianze artistiche viene messa in luce con lattivit di ricerca guidata dagli studi. In questo senso pi corretto parlare di recupero. quanto sta avvenendo proprio in questi giorni nel complesso di Santa Maria della Neve di Pisogne.

La chiesa di Santa Maria della Neve nota per il ciclo con le Storie della Passione dipinto al suo interno da Girolamo Romanino verso il 1534. Tuttavia, la chiesa era stata interessata anche da altri interventi romaniniani. In un recente libro (Romanino al tempo dei cantieri in Valle Camonica, Gianico, La Cittadina ed., 2015) stata infatti pubblicata lintera documentazione riguardante le trasformazioni edilizie che hanno interessato ledificio tardo quattrocentesco proprio in previsione degli interventi affidati a Romanino negli anni trenta del Cinquecento. Inoltre, nello stesso libro, sono stati esaminati tutti i frammenti superstiti e tutte le testimonianze antiche riguardanti i dipinti che Romanino aveva eseguito negli ambienti attigui alla chiesa. La chiesa di Santa Maria della Neve, nata a navata unica, era stata dotata nel primo Cinquecento di due portici addossati alle fiancate nord e sud. Ledificio, lambito dalla Strada Valleriana, la principale arteria che collegava la pianura ai passi alpini della Valle Camonica, era collocato in posizione strategica. Per questa ragione, la Vicinia Pisognese lorganismo laicale che allora era proprietario della chiesa aveva investito nella costruzione dei portici allo scopo di intercettare il flusso di passaggio. Il portico nord, sotto il quale Girolamo Romanino aveva dipinto lAndata dei magi alla capanna di Betlemme, andato distrutto. Del dipinto romaniniano rimangono due ampie porzioni strappate, oggi situate nel presbiterio della chiesa, e pochi lacerti sulla parete esterna. Il portico sud, invece, stato prima trasformato in cappella conventuale dai frati Agostiniani che avevano acquisito il complesso nel Seicento, quindi utilizzato come chiesa che oggi serve la Casa di Riposo per anziani. Nel volume citato raccolta lintera documentazione riguardante questa parte del complesso e una convincente ricostruzione del suo aspetto al tempo di Girolamo Romanino.

Proprio sulla base di questi studi sono stati effettuati piccoli saggi stratigrafici sulle pareti del presbiterio dellattuale chiesa della Casa di Riposo. La convinzione che questo ambiente coincidesse con lultima campata del portico sud di Santa Maria della Neve, comunicante nel Cinquecento con una cappella interamente dipinta da Romanino, ha guidato i nostri sondaggi. Loccasione stata offerta da un ponteggio messo in opera per consolidare alcuni intonaci e parte degli stucchi che erano diventati pericolanti a causa della rottura di uno scarico dacqua nellambiente soprastante. La presidente della Fondazione Santa Maria della Neve onlus rsa di Pisogne, Delfina Clerici, e il Consiglio di Amministrazione, hanno incaricato del lavoro la restauratrice Elena Celeri, il cui progetto di intervento stato approvato dallarchitetto Giuseppe Stolfi, dirigente della Soprintendenza territorialmente competente. Su indicazione dello scrivente, la restauratrice ha realizzato con molta precisione otto piccoli sondaggi che hanno rivelato sotto lintonaco seicentesco le superfici originarie, comprendenti sia gli intonaci di preparazione per i dipinti, sia notevoli resti della pittura di Girolamo Romanino in un eccezionale stato di conservazione.

La parete nord e le vele del soffitto hanno infatti mostrato la presenza di un intonaco a calce e sabbia, levigato in superficie e quindi rigato regolarmente con incisioni arcuate tracciate con lo spigolo della cazzuola. Si tratta di una superficie identica a quella che si trova sotto i frammenti dei dipinti di Romanino della cappella attigua. Siamo quindi di fronte allarriccio che il pittore aveva usato come preparazione per la successiva stesura degli intonaci dipinti. Considerata la limitatezza dei sondaggi effettuati, non possibile stabilire se si tratti di superfici non completate, di aree che hanno perduto i dipinti, o se i saggi abbiano intercettato parti danneggiate. In ogni caso lappartenenza di questo strato alla fase di pittura di Romanino confermato dai ritrovamenti che sono avvenuti sulla parete est. Qui non solo stata ritrovata la stessa preparazione ma, a diretto contatto con questo arriccio, emerso uno strato di intonaco dipinto sicuramente di Girolamo Romanino.

La parete est oggi occupata da stucchi seicenteschi, una grande ancona a tre nicchie e due mensole laterali con le statue di Santa Lucia e di SantAgnese. Nella parte superiore di questa parete non occupata dagli stucchi i sondaggi hanno identificato sotto le tinteggiature recenti e lintonaco seicentesco un dipinto con una modanatura architettonica orizzontale, a sinistra lala rosa di un angelo e a destra una testa femminile di profilo che si staglia contro il cielo. Si tratta verosimilmente di una giovane santa, con i capelli raccolti secondo la moda del primo Cinquecento, con alle spalle un profilo architettonico. La fotografia pubblicata dimostra, ad evidentiam, la notevole qualit del dettaglio emerso e lautografia romaniniana. Tuttavia, solo una visione ravvicinata permette di apprezzare leccezionale stato di conservazione della sua superficie pittorica. Nonostante la picchettatura praticata per fare aderire lintonaco successivo, la stesura romaniniana infatti pressoch integra, in quanto occultata dallintonaco seicentesco che lha protetta dai degradi ambientali e dai restauri. Tutto ci parla di Girolamo Romanino, dalle intonazioni verdi e rosate dellincarnato, ai tocchi pittorici veloci, fino al bellissimo tratteggio di finitura nero e bruno eseguito liberamente con la punta di un pennello sottilissimo. una tecnica di realizzazione molto fine e controllata, diversa dalle esecuzioni pi larghe e sprezzanti ampiamente presenti nelle Storie della Passione della chiesa di Santa Maria della Neve. Si avvicina per ai particolari pi curati dello stesso ciclo, come ad esempio il completamento a trattini liberi e finissimi della testa Cristo nella scena con La salita al Calvario.

Evidentemente i due dipinti verticali con San Sebastiano e un santo non identificato (Esculapio o Bernardo) che erano stati strappati dai lati della zona inferiore di questa parete e che oggi si conservano nel Comune di Pisogne erano solo una parte di un ciclo romaniniano pi ampio che ora sta emergendo. Si effettueranno altri sondaggi per verificare lampiezza e la situazione conservativa dello strato di Romanino, rispettando, ovviamente, gli stucchi seicenteschi, ancorati in rottura agli intonaci romaniniani, che costituiscono la decorazione dellattuale luogo di culto. Successivamente, potr essere interessante riunire in questo ambiente, in una piccola mostra temporanea, i due strappi oggi conservati nel Comune di Pisogne. Sar cos possibile illustrare compiutamente il ritrovamento. Basteranno, a corredo, un paio di ricostruzioni grafiche dellambiente come si presentava negli anni trenta del Cinquecento, quando era stato dipinto da Girolamo Romanino.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news