LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In pochi a Capodimonte? Colpa del caos e dei cantieri
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno 24/6/2017

Il direttore del Museo di Capodimonte Sylvain Bellenger commenta i dati sul turismo a Napoli forniti dal presidente dellIstat Giorgio Alleva. E d una sua lettura. Per chi si muove dal porto diventa difficilissimo raggiungerci. Per entrare al centro della citt bisogna attraversare un parcheggio, poi una strada pericolosa, ancora unaltra, quindi un cantiere. Un caos incredibile. E se poi qualcuno riesce a raggiungere il centro storico non trova alcuna indicazione per arrivare a Capodimonte.

NAPOLI. Appena conclusa una riunione per lallestimento della mostra di Jan Fabre il direttore del Museo e del Real bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger accetta di commentare i risultati poco lusinghieri sul turismo a Napoli forniti dal presidente dellIstat Giorgio Alleva. E non dimostra alcuna meraviglia.

Come spiega quei dati?

Lei ha gi preso una nave per arrivare a Napoli?

Certo. Perch?

Dunque ha senzaltro apprezzato da mare un paesaggio meraviglioso. Poi, una volta arrivato in porto ha avuto contatto col caos totale. Per entrare al centro della citt si deve attraversare un parcheggio, poi una strada pericolosa, ancora unaltra, quindi un cantiere. Finalmente si raggiunge piazza Municipio dove non si riesce a capire come andare al centro storico. Se poi qualcuno volesse visitare Capodimonte non troverebbe alcuna segnaletica con le indicazioni per arrivarci. un caso ben strano. come se a Parigi non ci fosse unindicazione per il Louvre o a Londra per la National Gallery. Come se la citta avesse voluto rimuovere Capodimonte.

Alleva ha affermato che Capodimonte e il Museo archelogico sono relativamente poco frequentati. Colpa anche dei trasporti carenti?

S, quella dei trasporti storia vecchia. Eppure tutto sommato Capodimonte non troppo lontano dal centro. A Londra chi vuole visitare la National Gallery pu essere costretto anche a viaggiare per due ore in metropolitana. Da noi non c nemmeno la fermata della metro. I bus sono rari, i napoletani li definiscono invisibili. Con le navette abbiamo dimostrato che Capodimonte non distante. In 20 minuti si arriva, il traffico una leggenda. Le garantisco che a Parigi e a New York peggio.

Oltre che nel miglioramento dei trasporti la soluzione indicata da Alleva consiste anche nel potenziamento della ricettivit dei siti di interesse cultuale. daccordo?

L accoglienza non si pu limitare ai siti stessi. Inizia molto prima. Appena arrivato qui ho voluto capire come gli alberghi di Napoli pubblicizzavano gli eventi culturali. Nella stanza ho trovato solo una carta con gli ospedali.

Con i dovuti scongiuri, potrebbe essere utile.

S, ma qui non siamo di fronte a pellegrini a Lourdes. Il fatto che negli alberghi non capiscono leffetto della cultura sulla clientela. Non capiscono che i turisti vengono aa Napoli soprattutto per la cultura.

Forse anche per la pizza?

Ormai unottima pizza si trova ovunque. Non scherziamo. La Campania il luogo dove stata inventata la parola turismo. Il Grand tour. Abbiamo una cultura turistica di quasi 300 anni. sorprendente dover prendere atto che cos poco sfruttata e che, viceversa, la Germania e lOlanda senza le bellezze dellItalia, hanno unorganizzazione senza paragoni. vero che Napoli ha vissuto la crisi dei rifiuti, ma il problema si verificato quasi 10 anni fa. Ora i turisti stanno tornando in citt, ma non credo che la comunicazione culturale faccia comprendere ai visitatori cosa c da vedere.

Chi dovrebbe organizzare la comunicazione?

compito nostro, di noi direttori dei musei. Non serve a nulla chiamare in causa Comune e Regione. Noi, per esempio, abbiamo avviato una collaborazione col Mann che consentir a chi vorr visitare entrambi i siti di usufruire di uno sconto.

Un po di sana invidia per il successo di Pompei?

Figuriamoci. Pompei ha duemila anni di storia, un mito mondiale, ha cambiato il modo di vivere in occidente. Capodimonte una straordinaria pinacoteca creata nel 1957. A Napoli il museo per antonomasia il Mann.

Iniziative particolari per attrarre nuovi flussi?

La mostra di Picasso ha gi superato 50 mila visitatori al 31 maggio. Alla fine di maggio abbiamo 171.672 mila, lanno scorso erano 83 mila. Nella nostra gestione il pubblico deve sentirsi al centro di Capodimonte. La didattica, leducazione sono le nostre priorit. Grazie a una app per smartphone abbiamo avuto modo di capire qual la permanenza media davanti a un dipinto, let, il sesso, la provenienza dei visitatori, di capire chi il nostro pubblico. Per esempio abbiamo scoperto che le donne trascorrono circa 3 minuti davanti a un Picasso, mezzo in pi degli uomini. Chi scarica la app in genere continua ad assumere informazioni anche nei giorni successivi. E periodicamente pu ricevere la news letter.

Ottimista?

Finalmente dopo quattro anni il porto di Napoli ha un presidente intelligente e concreto con il quale abbiamo iniziato una collaborazione che segner, mi auguro, linizio di cambiamento, creando un legame tra il porto e la cultura .



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news