LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MOSUL-Siria e Iraq, morte di un'identit
Mattia Guidetti
www.ilgiornaledellarte.com, 23/06/2017

Il recente abbattimento della Moschea al-Nuri di Mosul l'ultima di una serie di distruzioni che non ha risparmiato i beni di epoca islamica


La lista delle atrocit contro i beni culturali commesse in Siria e Iraq dal 2003 e intensificatesi con la fondazione del surrettizio Stato Islamico nel 2014, si allungata ulteriormente. Il 22 giugno, i media hanno rilanciato la notizia, corredandola con fotografie e video, della distruzione della Moschea al-Nuri di Mosul (Iraq). Pi precisamente, osservando le immagini, a essere stati demoliti sono stati la sala di preghiera (ad eccezione della sala cupolata posta davanti al mihrab) e il minareto della moschea.

La moschea deve il suo nome al fondatore, Nur al-Din (padre di Saladino), che tra il 1170 e il 1172 stanzi 60mila dinari e affid la supervisione dei lavori a un locale maestro sufi, ʿUmar al-Malla. La moschea fu oggetto di numerosi restauri, venendo completamente ricostruita tra il 1945 e il 1950. Della costruzione del XII secolo, studiata in passato da Herzfeld, al-Daiwaji e Tabbaa, prima delle esplosioni del 22 giugno non rimanevano dunque che frammenti della decorazione, conservati al Museo di Mosul e al Museo Nazionale di Bagdad, e, ancora in situ, il famoso minareto pendente, uno dei simboli del profilo cittadino.
Il minareto quindi la vittima illustre di questultimo scempio perpetrato contro i beni culturali iracheni. Si trattava di una torre cilindrica di circa 45 metri appoggiata su una base quadrangolare. Edificato in mattoni, il minareto terminava con una cupola posta appena sopra a un balconcino (sostituito a inizio Novecento) che permetteva di sporgersi dalla sommit. La facciata esterna della torre era suddivisa in sette registri decorati con composizioni geometriche. La decorazione adottava la tecnica del hazar-baf, una procedura, diffusa al tempo tra i selgiuchidi dIran, che impiega lo stesso materiale di costruzione, il mattone, per creare intrecci, modulare e dare ritmo alla superficie delledificio.

L'esplosione del minareto della moschea al-Nuri di Mosul rievoca la distruzione del minareto della Grande Moschea di Aleppo, datato al 1090, avvenuta il 24 aprile 2013. Le due torri, diverse per impostazione artistica, una echeggiante la tradizione mediterranea e l'altra quella iranica, erano entrambe testimoni della grande creativit architettonica del medioevo musulmano.
Lungi dall'essere perniciose per i soli beni culturali del periodo precedente allIslam (Palmira, Hatra solo per citare due siti), le guerre attualmente in corso in Siria e in Iraq contano tra le loro vittime anche i beni culturali di epoca islamica, beni indispensabili per lo studio del passato e per la formulazione di un senso identitario, sia esso cittadino, nazionale, o sovranazionale per l'intera comunit musulmana.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news