LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. I musei-sauna: alla Specola visita a 32 gradi
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino 22/6/2017

Ad averlo saputo saremmo andati alla spiaggietta sullArno, almeno avremmo preso il sole. Mercoled mattina, sala delle maioliche al Bargello. I piatti colorati sono l, bellissimi, ma i turisti pensano ad altro. A come rinfrescarsi e continuare il loro tour in uno dei musei fiorentini pi famosi. E come dargli torto. Basta guardare il termometro che utilizziamo per la prova sul campo. Il verdetto non lascia dubbi: 31 gradi (allombra) e unaria pesante, quasi irrespirabile. I custodi allora provano ad aprire le finestre, ma la situazione peggiora quasi visto che da fuori entra lafa del centro fiorentino. Servirebbe laria condizionata, ma qui (come nella maggior parte dei musei fiorentini) spenta o del tutto assente. Per respirare allora bisogna scendere al pian terreno, nella sala di Michelangelo e della scultura del 50o dove la temperatura cala fino a 28,7, un paradiso in confronto al primo piano.

Le cose non migliorano a Pitti e in particolare nella Galleria Palatina dove il nostro termometro segna 29 ma scende fino a 27,5 nella sala delle Nicchie grazie a due condizionatori finalmente in funzione. Unoasi che i turisti non si fanno scappare tanto da abbandonare le bellezze del proprio tour e posizionarsi davanti ai bocchettoni (con tanto di magliette tirate su) per fare il pieno di aria fresca. Scene che agli Uffizi fortunatamente non si vedono visto che davanti alla Primavera del Botticelli la temperatura costante di 22 gradi, praticamente il polo nord se confrontato con tutto il resto. Come per esempio lAccademia dove il problema dei condizionatori rotti non stato ancora risolto e dove, nonostante la direttrice Hollberg abbia contingentato le entrate, laria resta pesante e opprimente. Il termometro anche in questo caso conferma: oltre 31 gradi davanti al Colosso, che scendono di poco se si arriva davanti al David. I turisti lo ammirano con sguardo spento, scomposti sulle scomode panche, sfiniti dal caldo e dalla lunga coda che anche ieri ha messo a dura prova le comitive (oltre due ore sotto il sole per entrare).

Ma lAccademia non il peggior girone a cui sono costretti i turisti. Il record lo raggiunge la Specola di via Romana dove gli unici a star bene sono le statue di cera nella cui sala un condizionatore aiuta a mantenere la temperatura tra i 22 e i 25 gradi. Il resto del museo invece quasi impraticabile con oltre 32 gradi che si registrano tra gli animali imbalsamati. In pi allinterno non permesso portare liquidi, con i turisti che finiscono in coda alla macchinetta automatica per un goccio di acqua (almeno quella fresca).

E le cose, nei prossimi giorni, difficilmente miglioreranno. Anzi per oggi il Comune ha diramato un bollettino da bollino rosso, con punte di calore fino a 39 consigliando i cittadini a limitare le attivit allaperto. E forse, aggiungiamo noi, anche quelle nei musei.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news